Skip to main content

Dreame L10 Ultra, il robot aspirapolvere quasi completamente autonomo

DReame L10 Ultra with raised mop pads leaving docking station
(Immagine:: Dreame)

Dall’IFA di Berlino arriva una novità interessante nel mondo dei robot aspirapolvere: è Dreame L10 Ultra, il primo del suo genere in grado di funzionare in maniera quasi totalmente autonoma.

Uno dei fattori meno incentivati di questo tipo di dispositivi consiste nella continua e frequente manutenzione, che vanifica parzialmente il risparmio di tempo dovuto al loro uso.

La novità del nuovo Dreame L10 Ultra sta proprio nell’aumentata capacità di badare a sé stesso, evitando al proprio “gestore” di effettuare alcuni interventi di manutenzione o posticipandoli nel tempo senza influire sul suo buon funzionamento..

Il marchio cinese Dreame ha portato avanti questa idea fin dal 2015, lanciando in passato parecchi modelli di aspirapolvere senza fili e robot aspirapolvere, e adesso ritorna con un modello nuovo che promette di innovare il mercato.

Dreame L10 Ultra è un aspirapolvere robot ibrido, capace di lavare e di aspirare i pavimenti. Potrebbe sembrare simile al precedente DreameBot W10 Pro, ma è molto più dotato dal punto di vista tecnico, con una capacità di suzione maggiorata di oltre il 30% (ora pari a 5300 Pa) ed è fornito di una spazzola in gomma senza fili (che tendono a sporcarsi) per rimuovere polvere, capelli e detriti dal pavimento di casa.

Il robot può anche spazzare i pavimenti con due spazzole “mops” da 180 giri al minuto, che si alzano in automatico quando si raggiungono degli ostacoli come i tappeti. I detriti vengono raccolti poi in un sacco, che in condizioni di sporco standard dell’abitazione dovrebbe garantire un’autonomia di ben 60 giorni.

Una volta che il robot avrà fatto ritorno nella sua base di ricarica, le spazzole mops vengono lavate con acqua e asciugate con un getto d'aria per evitare di spargere cattivi odori nell’ambiente.

Il robot è anche capace di evitare bambini e ostacoli in tempo reale e può operare a seconda della pianta dell’abitazione dove è installato. Inoltre si può programmare tramite gli assistenti vocali Google Assistant, Alexa e Siri.

Il suo prezzo sarà certamente superiore ai 1000 €, ma per ora non conosciamo la cifra esatta. Di certo, se questo robot aspirapolvere riuscisse a soddisfare le aspettative potrebbe sicuramente alzare lo standard nella sua categoria.