Skip to main content

Asus 17 Fold OLED è bellissimo ma ho i miei dubbi

Asus 17 Fold OLED
(Image credit: Future)
Leggi anche

I migliori notebook (opens in new tab) del 2022
I migliori notebook 2-in-1 (opens in new tab) in commercio
I migliori tablet (opens in new tab) del momento

Mi stavo preparando per andare a Berlino, dove avrei visitato IFA 2022, quando ho visto che alcuni colleghi statunitensi avevano provato e recensito il portatile Asus 17 Fold OLED. Più o meno nello stesso momento, ho saputo che il prodotto sarebbe stato esposto alla fiera tedesca e mi sono detto “hey, devo proprio trovare un attimo per passare da Asus e vederlo, perché sembra parecchio interessante”. 

E in effetti quello che ho trovato è stato un computer incredibile, un oggetto che avrei voluto portarmi a casa subito per giocarci un po’ - ma niente, quelli di Asus non erano pronti a lasciarmene uno, quindi tocca aspettare. 

Asus 17 Fold OLED

(Image credit: Future)

Un desiderio così immediato non è proprio normale, soprattutto se sono quasi vent’anni che ti occupi di prodotti hi-tech: ne ho visti migliaia, di ogni forma e dimensione, e ormai bene o male “le ho viste tutte”. Eppure Asus 17 FOLD OLED mi ha fatto scattare qualcosa.

Insieme alla passione immediata, c’è anche il conflitto. Una cosa del tipo mamma mia quanto me lo voglio portare a casa, quasi quasi me ne prendo uno… no sì vabbè ma poi che ci faccio?

Eh sì, perché Asus 17 Fold OLED è strepitoso anche nelle contraddizioni. È un tablet Windows da 17”, oppure un computer portatile da 17”, ma se lo vuoi compatto è anche un laptop da 13 pollici. È piuttosto pesante e ingombrante, con un altezza da piegato più simile ai notebook gaming che a elegante prodotto business. Anzi di elegante non ha molto. 

Asus 17 Fold OLED

(Image credit: Future)

Sono difetti seri, di quelli che è proprio difficile ignorare; e lo stesso vale per la piegatura dello schermo, che non è evidentissima ma non è nemmeno invisibile. Se ci fai caso, la vedi;  e se la vedi un po’ ti dà fastidio. 

Sì però, oh, è uno schermo da 17 pollici che si piega in due. Non è una cosa che si vede tutti i giorni. Quindi hai un tablet bello grande, che sicuramente puoi usarlo per guardarti un film, anche perché così a prima vista la qualità dello schermo mi è sembrata spettacolare

Ma è anche un portatile da 17 pollici, solo che diventa piccolissimo. Quindi è un portatile da 17 pollici che puoi  portarti in valigia. Non so se ci sono parole per spiegare quanto incredibile sia questa cosa, ma chi viaggia spesso può capirlo. 

Ed è anche, ovviamente, un comodo laptop da 13 pollici, di quelli che puoi usare agilmente al bar di un aeroporto, in una sala stampa, a bordo di un treno. 

Asus 17 Fold OLED

(Image credit: Future)

Già, ma è anche parecchio pesante e ingombrante. Insomma, io di solito uso un Fujitsu Lifebook U9310X, che pesa più o meno un chilogrammo. L’Asus Fold 17 invece pesa di più, 1,5 Kg da specifiche. Ora, magari viene da pensare si vabbé ma un chilo e mezzo che sarà mai, e sarebbe anche un pensiero sensato. Eppure maneggiando l’Asus 17 Fold si ha l’impressione che pesi più di così - mi domando in effetti se non ci sia un errore nelle specifiche, sul sito Asus.

Tornando all’inizio, il primo pensiero che fai è qualcosa del tipo mamma mia quando è bello devo averlo subito per forza, a cui fa seguito subito dopo si vabbè ma poi che me ne faccio, se io con il mio laptop normale alla fine faccio tutto? 

I dubbi tra l’altro aumentano se si considera il prezzo: Asus 17 Fold OLED costerà, pare, fra i 3.500 e i 4.000 euro. Ovviamente ognuno spende i suoi soldi come gli pare, però ti viene da pensare a quante cose potresti farci con quella cifra, oltre a comprarti un computer. 

Insomma, lo adoro ma non so se lo prenderei. Se e quando Asus me lo manderà da provare, magari riuscirò a decidermi. 

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.