Skip to main content

Apple blocca gli iPhone saccheggiati negli Apple Store

App
(Image credit: Pexels)

Mentre la protesta per la morte di George Floyd continua a infiammare gli Stati Uniti, incidenti dovuti a saccheggi e vandalismi stanno aumentando di giorno in giorno.

Persone con pochi scrupoli hanno potuto approfittare del caos generato durante le proteste e saccheggiare negozi e attività, tra cui gli Apple store.

L'azienda sta avvisando tramite messaggi remoti i saccheggiatori che verranno rintracciati grazie al software installato sui terminali. Inoltre, i prodotti demo saccheggiati sono bloccati ed è impossibile ripristinarli alle impostazioni di fabbrica. Ciò li rende inutili e utilizzabili al massimo come costosi fermacarte.

Da un recente tweet dell’utente “josh (apex male)” vediamo un'immagine di come uno degli l'iPhone saccheggiati mostri un messaggio che informa: “Per cortesia restituire a Apple in Walnut Street. Questo dispositivo è stato disabilitato ed è tracciato. Le autorità locali saranno avvisate. "

josh (apex male) su Gizmochina

josh (apex male) su Gizmochina (Image credit: Gizmochina)

Questa è la prima volta che vediamo il software di tracciamento dei dispositivi Apple all’opera sui dispositivi in demo. Apple ha chiaramente affermato che sta monitorando il terminale, ma non ha chiarito se la società o le forze dell'ordine intendano fare qualcosa con i dati raccolti.

In questo contesto, il CEO dell'azienda Tim Cook ha inviato una nota allo staff che si trova in un momento critico. Il promemoria recita: “Ho sentito da molti di voi che siete spaventati. Esiste paura nelle vostre comunità, paura nella vita quotidiana e, soprattutto, paura per la vostra stessa pelle. Non possiamo avere una società degna di essere celebrata se non possiamo garantire la libertà dalla paura per ogni persona che dà a questo paese il proprio amore, lavoro e vita ”.

Fonte: Gizmochina