Skip to main content

AMD, l'azienda afferma: "Threadripper 3990X non è più lento su Windows 10 Pro. Le recensioni sono sbagliate"

AMD Ryzen Threadripper 3990X
(Image credit: AMD)

AMD ha chiarito i problemi che sembrano affliggere il Ryzen Threadripper 3990X, attualmente il processore più potente dell’azienda. Recentemente si è scoperto che la CPU non riusciva a esprimere tutto il suo potenziale su Windows 10 Pro, a causa del sistema operativo di Microsoft che non è in grado di gestire tutti i 128 thread del processore di AMD.

Anandtech e altri siti tecnologici hanno notato diversi rallentamenti in alcuni benchmark con il Threadripper 3990X su Windows 10 Pro, rispetto alle versioni enterprise e workstation. 

I benchmark hanno spinto AMD a rilasciare una dichiarazione ufficiale per chiarire che non vi è alcuna differenza di prestazioni in nessuna versione di Windows 10 e consiglia di usare Windows 10 Pro per sfruttare tutto il potenziale del Threadripper 3990X (o addirittura Linux).

AMD afferma che: “Le versioni superiori di Windows 10 non migliorano le prestazioni e non portano nessun vantaggio al processore. Comprendiamo che queste informazioni siano state elaborate dai media, ma riteniamo che ci siano stati errori nei test. Il nostro team è al lavoro per diagnosticare i risultati".

Come abbiamo accennato, Anandtech non è l'unico sito a riportare l’anomalia del calo di prestazioni. Anche il sito Phoronix trae conclusioni simili, probabilmente a causa dello stesso errore nei test, ma non possiamo saperlo fino a quando AMD non chiarirà ulteriormente la situazione.

Il calo di prestazioni potrebbe essere dovuto a una versione differente di Windows 10 Pro utilizzata durante i test. Abbiamo notato che alcuni utenti ottenevano risultati superiori con l'ultimo aggiornamento di Windows 10 Pro, che gli ha permesso di leggere correttamente tutti i 128 thread del processore.

Poca o nessuna differenza 

Tom's Hardware ha testato nuovamente il Threadripper 3990X sia su Windows 10 Pro che Enterprise e ha riscontrato differenze minime nelle prestazioni. Una leggera variazione durante i test, non è da considerare niente di anomalo.

Tom’s Hardware ha usato la versione 18362.592 di Windows 10 Pro, la stessa consigliata da AMD per il 3990X (o una versione successiva) e l'ha confrontata con la versione 18362.476, scoprendo che effettivamente la prima offriva prestazioni migliori per il chip Threadripper.

È quindi possibile che i benchmark siano stati eseguiti su una versione precedente di Windows 10 Pro rispetto a quella raccomandata da AMD (Phoronix ha detto che utilizzava la versione 18363, che è però simile alla 18362. Senza conoscere il numero di versione completo, non possiamo essere sicuri che il problema sia dovuto a questo).

Per scoprire da dove proviene l’anomalia, sarà necessario aspettare i test di AMD. Tuttavia, secondo le attuali parole dell’azienda e secondo i test svolti dal sito Tom’s Hardware, il processore sembra non avere nessun problema se si installa l’ultima versione di Windows 10 Pro.

Ci gira Crysis? Se è un 3990X sì e non serve nemmeno la scheda grafica