Skip to main content

Apple alza i prezzi, in Italia più che altrove

WWDC 2022
(Image credit: Apple)

Il nuovo MacBook Air M2 è un computer fantastico, sicuramente un erede perfetto per il MacBook Air M1. Ma c'è qualcosa che non va.

Sì, perché il MacBook Air M1 mi aveva fatto innamorare (a me e a milioni di persone in tutto il mondo) anche per via del prezzo: al lancio, costava € 1.159, prezzo ufficiale Apple. 

E già qui abbiamo un primo problema: con la presentazione dei modelli nuovi, Apple ha rialzato il prezzo di quello vecchio: ora il prezzo ufficiale di MacBook Air M1 è infatti €1.229. 70 euro in più, così, senza nessuna apparente ragione.

Oh sì, c'è il problema di disponibilità di componenti e prodotti, ci sono le fabbriche chiuse in Cina, ci sono i costi dei trasporti che stanno aumentando ogni giorno che passa, c'è la guerra in Ucraina. Tutto vero, e allo stesso tempo sembrano un po' delle scuse. 

70 euro su un computer di due anni sembrano una cosa sbagliata, anzi un vero e proprio dispetto a quei consumatori che, magari, speravano che succedesse il contrario, che con l'uscita del nuovo modello quello vecchio sarebbe stato scontato. Di solito funziona così, no?  

Nel caso del MacBook Air M1, Apple valuta l'impatto delle tasse come pari a €227, quindi considera il prezzo esentasse come pari a €1.002. Un po' di più rispetto al cambio euro/dollaro, partendo da $999; sarebbero, in effetti, €935. 

Dunque, ecco quei 70 euro in più, ma comunque non si capisce bene a cosa siano dovuti.   

MacBook Air M2, prezzo in Italia e altri paesi

Il nuovo MacBook Air M2, negli Stati Uniti, costa $1.199 nella sua versione più economica. Il prezzo italiano è pari a €1.529.

Al tasso di cambio odierno, il prezzo USA diventa €1.122 circa, a cui va aggiunta l'IVA del 22%, e si arriva a €1.369 circa. 

Oppure possiamo aggiungere €227, il valore indicato da Apple nel caso nel modello M1. Così facendo, arriviamo a €1.389, più o meno il prezzo ivato più le altre tasse, come quella sui supporti di memoria. Restano comunque 140-160 euro di differenza, che non si capisce bene a cosa siano dovuti. 

Ancora più sorprendente è il prezzo in altri paesi. €1.519 in Spagna, €1.499 in Francia e in Germania, CHF 1.379 in Svizzera (€1.323 ma ci sarebbe da aggiungere le tasse doganali). In Portogallo costa €1.529 come in Italia. Gli aumenti ci sono stati ovunque, ma in Italia dobbiamo pagare di più. C'è chi sta peggio: i paesi scandinavi e il Brasile, tra gli altri. 

MacBook Air (M2, 2022) in Apple Park, Cupertino

(Image credit: Future)

Rincari ingiustificati

Lo sappiamo, sta aumentando tutto e c'era da aspettarsi che anche i nuovi Mac costassero più di quelli vecchi. Anche perché si tratta di Apple, ed è capitato abbastanza spesso che con una nuova generazione di prodotto arrivasse anche un rialzo. 

Però stavolta dà più fastidio del solito. Prima di tutto perché diventa più chiaro anche il modello vecchio, ed è una cosa davvero difficile da digerire. Ma soprattutto vedere come $1.199 diventino "magicamente" €1.529 è davvero indignante. 

La soluzione? Chi può, probabilmente andrà a comprarselo in Svizzera, sperando poi di superare i controlli doganali senza dover pagare la differenza. Sicuramente, poi, in Italia si trovano diversi altri canali di distribuzione, con prezzi inferiori a quelli ufficiali.

C'è Amazon ovviamente, ma in generale non si risparmia molto rispetto al prezzo di listino, da quando hanno una collaborazione ufficiale con Apple. Ci sono però tanti altri rivenditori, e in qualche caso il MacBook Air M1 si trova anche sotto ai mille euro nuovo - un prezzo da ricondizionato.

Insomma, alla fine se volete il nuovo MacBook Air M2, probabilmente sarà meglio non comprarlo da Apple. 

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.