Skip to main content

Recensione Philips Fidelio L3

Cuffie di alto livello con ANC, ma Philips non riesce a eguagliare i concorrenti migliori.

Philips Fidelio L3
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Le Philips Fidelio L3 sono ottime cuffie wireless con cancellazione del rumore che svolgono tutti i compiti secondo uno standard eccellente. La qualità audio è di buon livello ma ci sono concorrenti che fanno meglio. Sono molto vicine a quanto offerto da marchi come Sony o Bose, che tuttavia restano preferibili. Con le Philips Fidelio L3 tuttavia si riesce a spendere meno, il che può essere importante.

Pro

  • Ottima qualità generale
  • Lunga durata della batteria
  • Ben costruite

Contro

  • Poco competitive
  • Con Windows c’è qualche bug

TechRadar Verdict

Le Philips Fidelio L3 sono ottime cuffie wireless con cancellazione del rumore che svolgono tutti i compiti secondo uno standard eccellente. La qualità audio è di buon livello ma ci sono concorrenti che fanno meglio. Sono molto vicine a quanto offerto da marchi come Sony o Bose, che tuttavia restano preferibili. Con le Philips Fidelio L3 tuttavia si riesce a spendere meno, il che può essere importante.

Pros

  • + Ottima qualità generale
  • + Lunga durata della batteria
  • + Ben costruite

Cons

  • - Poco competitive
  • - Con Windows c’è qualche bug

 

La storia di Philips è lunga e ricca di prodotti eccellenti di ogni genere, comprese le cuffie sovraurali con riduzione del rumore. Le Fidelio L3 continuano la tradizione, e sono cuffie ANC di cui non vi pentirete.

Offrono una qualità sonora molto buona, anche se marchi come Bose o Sony riescono a fare leggermente meglio. La cancellazione del rumore è ottima, la durata della batteria fantastica e la qualità costruttiva eccellente. Nell’insieme le Fidelio L3 ci sono piaciute, ma costano più o meno quanto i migliori prodotti di Sony, Bose o Sennheiser. Difficile consigliare proprio queste Philips rispetto gli altri, a meno che appunto non entri in gioco il fattore prezzo.   

 Philips Fidelio L3, disponibilità e prezzo 

Philips Fidelio L3

(Image credit: Future)

 

Nel momento in cui scriviamo le Fidelio L3 si trovano più o meno a €250 (metà novembre 2021), che non è niente male rispetto ai circa 300 euro di listino. In confronto, le Sony WH-1000XM4 costano €290 (prezzo Amazon), e ci vogliono più o meno 300 euro anche per le Bose 700 (le Bose QC45 costano ancora di più). Si spende meno, invece, per le Sony WH-1000XM3, cioè il modello del 2020.  

In altre parole, le Fidelio L3 di listino costano più o meno quanto i concorrenti, ma il prezzo reale è leggermente più basso, almeno al momento. E per Philips è una fortuna … 

 Design e caratteristiche 

 

Le Philips Fidelio L3 sono ciò che ci aspetteremmo da cuffie top di gamma 2021. Ciò significa che sono realizzate con i migliori materiali disponibili, e sono molto leggere e comode, anche se è presente molto metallo. Le plastiche sono di ottima qualità e ci sono diversi elementi in pelle (diamo per scontato che sia pelle sintetica ma ormai è davvero difficile capire la differenza). 

Nella confezione c’è un sacchettino in tessuto sintetico, per il trasporto, e una borsetta in sintopelle - più resistente ed elegante, ma anche più ingombrante. A tal proposito, le Fidelio L3 non si piegano per un trasporto più facile, quindi occuperanno molto spazio in valigia: la nota positiva è che i padiglioni si possono mettere in posizione flat intorno al collo, che è una soluzione molto comoda. 

Supportano tutti i codec moderni, quindi non dovreste avere alcun problema, qualsiasi sia il vostro smartphone. A sinistra c’è il pulsante di accensione, che serve anche per metterle in modalità pairing. Sul padiglione destro invece c’è  un pulsante per ciclare tra modalità trasparenza e ANC on/off, e un altro per attivare l’assistente vocale ed escludere il microfono, durante le chiamate. Le Fidelio L3 sono facili da usare e molto intuitive: difficilmente avrete bisogno del manuale di istruzioni. 

Il padiglione destro offre controlli touch per play/pausa, successivo/precedente, volume su/giù, rispondi/interrompi chiamata.  Tenendo la mano sul padiglione destro, inoltre, si può attivare temporaneamente la modalità trasparenza, per sentire un annuncio o fare una brevissima conversazione. Funziona tutto bene con Android e iOS, ma con Windows non siamo riusciti a regolare il volume. 

C’è anche un sensore interno che si accorge se togliete le cuffie, anche solo per posarle sul collo, e mette in pausa la riproduzione. Come nel caso del volume, non siamo riusciti a farlo funzionare correttamente sotto Windows. Il sensore, inoltre, si può disabilitare o abilitare cliccando una volta il pulsante di accensione.  

Basterà fare un po’ di abitudine ai controlli touch, e tutto funzionerà in modo piacevole e pratico. Controlli e funzioni si completano con l’applicazione Philips per smartphone, che include alcuni controlli aggiuntivi che piaceranno ai più esigenti - ma se volete restare sul semplice potete anche fare a meno di installarla. 

L’autonomia ci ha impressionati. Ben 32 ore di ascolto, che diventano 38 se spegnete la funzione ANC. Potete salire su un aereo con le Fidelio L3, e non preoccuparvi della batteria finché non sarete a destinazione. Ma se dimenticate di caricarle c’è sempre la possibilità di usare il cavo da 3,5 mm incluso. 

Grazie al Bluetooth 5.0 potete collegarle a due dispositivi diversi: la situazione tipica è di averle collegate al computer per la musica, in ufficio, ma anche allo smartphone, così potrete rispondere a una chiamata senza interruzioni. Funziona, ma nel nostro caso non era possibile sentire la musica dallo smartphone Android se era collegato anche il laptop con Windows 11; allo stesso tempo, il comando play/pausa faceva un po’ di confusione tra Amazon Music su Windows 11 e Spotify su Android. 

La modalità ANC si attiva automaticamente quando si accendono le Fidelio L3. Starà poi a voi disattivarla, se lo preferite. 

Philips Fidelio L3

(Image credit: Future)

 Ergonomia 

 

Le Philips Fidelio L3 sono cuffie comodissime, grazie prima di tutto al fatto che sono molto leggere (per delle cuffie sovrauricolari chiuse). Potrete portarle per ore senza sentirle, anche se non ci sarebbe dispiaciuta una migliore imbottitura sull’archetto. Ci sono cuffie 

Ottima invece la finitura interni dei padiglioni, che offrono un eccellente isolamento passivo senza premere troppo sulla testa e le orecchie. I morbidi cuscinetti in pelle sono piacevoli da usare, anche per molte ore. Potrebbero essere un po’ più stabili, e in effetti se state cercando delle cuffie da usare tutti i giorni in metropolitana, forse queste Philips non sono la scelta migliore. 

La vestibilità e il comfort complessivi, tuttavia, sono molto buoni e non abbiamo certamente problemi a indossare il Philips Fidelio L3 durante sessioni di ascolto prolungate, sia alla nostra scrivania che durante il tragitto da e per l'ufficio.

 Suono 

 

Le Philips Fidelio L3 offrono una buona qualità audio. In chiamata le voci degli altri risultano pulite e perfettamente comprensibili, e lo stesso vale per la riproduzione della nostra voce attraverso i microfoni. Per quanto riguarda la comunicazione, sono cuffie eccellenti. 

Stessa cosa per film e serie TV. Vi fanno sentire i dialoghi perfettamente, ma allo stesso tempo la musica e gli effetti sonori risultano pieni e convincenti. I suoni più profondi e avvolgenti, come per esempio le esplosioni, risultano pieni e convincenti. 

In generale ritroviamo il suono classico Philips, cioè uno spettro sonoro molto equilibrato. Bassi e medi potrebbero essere leggermente più pronunciati, soprattutto i medi, il che porta a un soundstage un po’ piatto, con alcuni brani - lo potreste notare in particolare con l’hard rock. Ma se ascoltate molto jazz o classica vi piaceranno molto. 

Il suono migliore si ottiene con la modalità ANC attiva, quindi vi consigliamo di usarla sempre. Attivando la modalità trasparenza o spegnendo ANC, invece, abbiamo notato un fruscio più o meno forte. Ci si può passare sopra, se serve per sentire ogni tanto i rumori esterni. 

Abbiamo ascoltato Cookin' With The Miles Davis Quintet in versione Hi-Res. Il suono è pieno e caldo come dovrebbe essere, ma alti e medi conferiscono il tono brillante che ha reso famoso questo disco - in particolare la prima traccia. 

Volendo spaccare il classico capello in quattro, le Sony WH-1000XM4 riescono a tirare fuori un suono ancora migliore, seppure non di molto. Fortunatamente per Philips, però, il prodotto giapponese costa il 20% in più come street price, anche se il prezzo di listino è più o meno lo stesso. 

Philips Fidelio L3

(Image credit: Future)

 Verdetto 

Le Philips Fidelio L3 sono delle eccellenti cuffie ANC, particolarmente indicate per chi deve spostarsi molto, per via di un’autonomia fino a 38 ore di riproduzione. Sono comode e leggere, abbastanza da portarle anche per tutto il giorno, e la cancellazione del rumore svolge egregiamente il proprio lavoro. 

Avremmo preferito un design “più pieghevole”, perché quando arriva il momento di riporle le Philips Fidelio L3 risultano davvero ingombranti - ma il design dei padiglioni le rende relativamente comode anche se portate al collo.  

La qualità del suono è anch’essa di alto livello, con uno spettro equilibrato e una risposta piana che piacerà agli amanti della classica e del jazz. Ci starebbe bene una funzione extra per rendere bassi e medi più potenti, da usare sempre o solo occasionalmente. 

In generale concorrenti come Sony o Bose riescono a offrire qualcosa di più come qualità generale, ma queste Philips Fidelio L3 hanno senso grazie a un prezzo reale che è mediamente inferiore di circa il 20%. 

Finché il prezzo resta così basso le Fidelio L3 sono imbattibili per rapporto qualità/prezzo. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.