Skip to main content

Recensione OnePlus 10T

Lo OnePlus 10 che abbiamo sempre desiderato

OnePlus 10T
(Image: © Future)

Verdetto

Lo OnePlus 10T è un ottimo smartphone Android di fascia media: display nitido, elevate prestazioni e ricarica rapida. I compromessi, necessari per tenere basso il prezzo, sono stati fatti sul lato fotocamera, autonomia e design.

Pros

  • +

    Ricarica rapida

  • +

    Display gradevole

  • +

    Prestazioni

Cons

  • -

    Fotocamere

  • -

    Autonomia

  • -

    Dimensioni

OnePlus 10T: In breve

OnePlus 10T mostra che l’abbandono della serie T da parte dell’azienda cinese è stata una scelta del 2021, anche se il 2022 ha sicuramente portato dei cambiamenti strategici.

In passato, la serie T di OnePlus rappresentava un’alternativa economica ai prodotti principali (come nel caso del OnePlus 8T) o una loro versione aggiornata, al passo con l’avanzamento tecnologico (il OnePlus 7T, per esempio).

Il 10T è basato sullo OnePlus 10 Pro e presenta un design simile, con alcuni compromessi fatti per renderlo più economico. 

Tuttavia, OnePlus 10T supera il suo riferimento 10 Pro in alcune aree specifiche. La CPU è la versione ‘plus’ del processore Snapdragon 8 di cui era dotato il 10 Pro e i tempi di ricarica sono stati ottimizzati, a patto che vengano impostati dal menu e si utilizzi il caricabatterie in dotazione. La velocità è il tratto distintivo di questo dispositivo.

OnePlus 10T

La selfie camera di OnePlus 10T (Image credit: Future)

Essendo un modello di fascia media, sono stati effettuati alcuni compromessi, per esempio la qualità delle fotocamere, al fine di rendere il costo accessibile.

OnePlus 10T non è dotato di zoom e sono assenti anche le diverse modalità del 10 Pro, rendendo così l’esperienza fotografica meno soddisfacente. In termini di resa, le fotocamere sono alla pari di modelli molto meno costosi. 

L’autonomia è, anch’essa, nella media. La priorità è stata data alla velocità di ricarica ed è questa caratteristica che permette al 10T di affrontare una giornata di uso intensivo.

Dato che si tratta di un prodotto di fascia media, alcune componenti vengono per forza sacrificate ma non riteniamo che l’autonomia meritasse tale trattamento. 

OnePlus è solita accompagnare i modelli di punta con le rispettive versioni più economiche e ora, a mesi di distanza, anche il 10 Pro ha il suo corrispettivo di fascia media.

OnePlus 10T: Prezzo e disponibilità

OnePlus 10T

Il set di fotocamere di OnePlus 10T (Image credit: Future)

OnePlus 10T costa 719€ con 8GB di RAM e 128GB di memoria mentre, il modello con 16GB di RAM e 256GB di memoria, arriva a 819€. Le stesse configurazioni, trasportate sul 10 Pro, costano rispettivamente 919€ e 999€.

La differenza non è enorme, forse appena sufficiente per distinguere i due prodotti. Se si vuole spendere ancora meno è meglio rivolgersi alla serie OnePlus Nord.

Il paragone riesce meglio se fatto con Google Pixel 6 che costa 649€ con 128GB di memoria e ram da 8GB. OnePlus 10T ha uno schermo più grande e un processore più performante, ma perde punti su fotocamere e software.

Il nuovo OnePlus è disponibile sul sito ufficiale.

  • Prezzo e disponibilità: 4 / 5 

OnePlus 10T: Design

L’estetica di OnePlus 10T non si discosta molto dal 10 Pro, soprattutto per quanto riguarda le fotocamere sul retro: medesima posizione e medesimo layout. I sensori e le lenti sono diversi e il flash è posizionato altrove, ma sono tutti cambiamenti minimi.

Disponibile in colore nero e verde, OnePlus 10T presenta un retro lisco e luminoso su cui è facile lasciare impronte. Inoltre, lo schermo piatto e senza bordi arrotondati fa sembrare lo smartphone più grande di quello che è.  

OnePlus 10T

OnePlus 10T in orizzontale (Image credit: Future)

L’altezza è di 163 mm mentre la larghezza è di 75.4 mm, lo spessore di 8.8 mm e il peso di 203.5 g. OnePlus 10T è leggermente più grande del 10 Pro, ma la differenza non viene notata finché non li si mette uno di fianco all’altro.

Per la prima volta dopo anni, OnePlus ha deciso di rimuovere lo slider laterale per regolare il volume e, se si vuole passare alla modalità silenziosa o ‘non disturbare’, si dovrà accedere alle impostazioni.

Il dispositivo presenta una porta USB-C e nessun ingresso per il jack da 3.5mm. Il tasto accensione/spegnimento è sulla destra mentre il volume sulla sinistra. Lo sblocco avviene tramite lo scanner sul display, che si è rivelato veloce ed affidabile nella maggior parte dei casi.

  • Design: 3.5 / 5 

OnePlus 10T: Display

OnePlus 10T

OnePlus 10T in mano (Image credit: Future)

OnePlus 10T ha uno schermo da 6.7’’ con specifiche adatte alla fascia di prezzo. La risoluzione è di 1080 x 2412 con refresh rate di 120Hz, il doppio rispetto allo standard. 

Il display è particolarmente adatto alla riproduzione video e al gaming, grazie al supporto HDR10+ per i colori. Nella parte superiore si trova la selfie camera.

  • Display: 4 / 5 

OnePlus 10T: Fotocamere

OnePlus 10T

App fotocamera di OnePlus 10T (Image credit: Future)

Il set di fotocamere è la parte che, più di tutte, mostra i compromessi fatti per abbassare il prezzo.

La fotocamera principale è dotata di sensore Sony IMX766 da 50 MP. Tuttavia, questo tipo di sensore, adatto a scattare in ambienti poco illuminati, si trova su smartphone di fascia più bassa.

Si aggiungono la fotocamera ultra grandangolare da 8MP e un sensore da 2MP. La prima ha una risoluzione bassa, mentre il secondo è semplicemente inutile. In teoria, la 2MP serve per scattare foto ravvicinate, ma risultano talmente sgranate che è preferibile utilizzare quella principale.

La mancanza di zoom è deludente e, senza teleobiettivo, bisogna fare affidamento sullo zoom digitale che non supera i 10x. Ciò comporta una repentina perdita di qualità, a differenza del Samsung Galaxy S22, con zoom fino a 30x.

Ci sono smartphone molto più economici che presentano lo stesso set di fotocamere (come il Realme 9 Pro Plus). Tuttavia, OnePlus 10T non punta sulla fotografia, bensì sulla velocità di elaborazione.

Le foto risultano quindi saturate, talvolta anche troppo, ma restano adatte ad essere postate sui social se scattate in condizioni di luce favorevoli.

OnePlus 10T offre tutte le modalità standard di scatto: ritratto, notte, pro ed esposizione prolungata. Ad esse si aggiungono la modalità Tilt-shift, che cambia il piano di messa a fuoco creando un effetto di profondità di campo e la modalità Film che trasporta le impostazioni pro sulla ripresa video.

Sono state abbandonate alcune modalità delle fotocamere Hasselblad, dal momento che questo modello non sfrutta al massimo le creazioni del brand. 

La selfie camera è un grandangolo da 16MP in grado di scattare foto dettagliate, ma non sempre al massimo della nitidezza. In modalità ritratto ci sono alcuni problemi con la distinzione tra il soggetto e lo sfondo, ma non sempre si notano.

  • Fotocamere: 3 / 5 

Immagini di prova

OnePlus 10T: Prestazioni e specifiche

Le prestazioni sono la punta di diamante di OnePlus 10T e le specifiche riflettono questa scelta. 

Il processore è uno Snapdragon 8 Plus Gen 1, versione avanzata rispetto a quello utilizzato dal OnePlus 10 Pro e miglior CPU disponibile per Android al momento.

Le specifiche rendono  OnePlus 10T adatto al gaming e all’editing video, senza doversi preoccupare di eventuale crash del sistema.

Data la potenza di calcolo di cui dispone, il nuovo OnePlus è soggetto a surriscaldamento, ma non è sicuramente il peggiore che abbiamo testato. Il raffreddamento funziona a dovere.

La RAM può essere di 8 o 16GB, a seconda della scelta. Stando a quanto afferma OnePlus, la RAM da 16GB è in grado di supportare 30 app contemporaneamente, anche se riteniamo che questa eventualità non si presenterà mai. 

OnePlus 10T è uno smartphone 5G, ne consegue che la velocità della connessione dipenda più dal fornitore del servizio e sarà avvantaggiato chi risiede in una zona dove il 5G è disponibile.

  • Prestazioni: 5 / 5 

OnePlus 10T: Software

OnePlus 10T

Menu principale di OnePlus 10T (Image credit: Future)

Il sistema operativo è OxygenOS, la soluzione con cui OnePlus personalizza  Android e sono disponibili tutti i prodotti Google come il Play Store.

OxygenOS presenta alcune funzioni  aggiuntive rispetto ad Android, tra le quali una modalità Zen che riduce le distrazioni. Alcune di queste funzioni aggiuntive  sono leggermente ridondanti, in particolare la dashboard a cui si accede con uno scroll verso il basso.

Non vediamo l’utilità di queste shortcut quando, per accedere ad una qualsiasi applicazione, è sufficiente cliccare sull’icona a schermo.

La nuova versione, Oxygen 13, basata su Android 13, arriverà entro la fine dell’anno e sarà disponibile per OnePlus 10 Pro e 10T.

  • Software: 4 / 5 

OnePlus 10T: Autonomia

OnePlus 10T

Porte per ricarica di OnePlus 10T (Image credit: Future)

Quando si produce uno smartphone, bisogna decidere tra autonomia e velocità di ricarica. OnePlus 10T va nella seconda direzione.

Con 150W la velocità di ricarica è impressionante e il dispositivo raggiunge il 100% di batteria in soli 20 minuti, partendo da zero.

Per ottenere questo risultato è necessario cambiare le impostazioni dal menu ed utilizzare il caricabatteria in dotazione, altrimenti si resta a 80W.

Il compromesso, come detto in precedenza, avviene sul lato dell’autonomia. La batteria a 4,800mAh è grande, ma non dura a lungo.

Con un utilizzo standard, social media, streaming e foto, non si arriva a fine giornata e le cose peggiorano con un uso intensivo come il gaming. Tuttavia, ci sono diverse impostazioni che permettono di ottimizzare i consumi.

  • Autonomia: 3 / 5 

OnePlus 10T: Tabella punteggi

AttributesNotesRating
DesignDesign nella media ma funzionale.3.5/5
DisplayBuon display adatto ad un utilizzo standard.4/5
PrestazioniTra i più potenti smartphone sul mercato.4.5/5
FotocameraIl set di fotocamere non delude, ma nemmeno stupisce.3/5
AutonomiaBassa autonomia compensata dalla velocità di ricarica.3/5
SoftwareOxygenOS presenta qualche miglioramento rispetto ad Android anche se alcune funzionalità sono inutili.4/5
ConvenienzaOnePlus 10T è uno smartphone competitivo di fascia media.4/5

OnePlus 10T: Ne vale la pena?

Compratelo se… 

Volete una ricarica veloce
Sia con alimentazione a 150W, che con 80W, i tempi di ricarica di OnePlus 10T sono impressionanti.

Siete videogiocatori
Grazie alla sua GPU, display e raffreddamento, OnePlus 10T è un’ottima scelta per chi vuole giocare su smartphone. Tuttavia non è al livello dei dispositivi creati apposta per il gaming.

Cercate uno OnePlus Pro economico
Ancora di più rispetto alla linea OnePlus Nord, il 10T rappresenta l’alternativa economica al 10 Pro.

Non compratelo se… 

Siete amanti della fotografia
Set di fotocamere mediocre. Scelta non consigliata a chi cerca immagini di qualità.

Necessitate di maggiore autonomia
Sebbene ci siano smartphone peggiori in termini di autonomia, il OnePlus 10T fatica ad arrivare a fine giornata.

Avete mani piccole
Date le sue dimensioni, il OnePlus 10T non è confortevole da usare se si hanno mani piccole. Non è uno smartphone facile da tenere in mano nella sua interezza.

 Considerate anche

Di seguito, alcune scelte simili che potrebbero rispecchiare meglio i vostri gusti. 

(opens in new tab)

OnePlus 10 Pro
Il gemello premium del OnePlus 10T, dotato di un migliore set di fotocamere, autonomia e design. Tuttavia, costa di più, è più lento e la ricarica non è così veloce.

Ecco la recensione su OnePlus 10 Pro (opens in new tab) 

(opens in new tab)

OnePlus Nord 2T
Se volete restare nella fascia media ma cercate una soluzione più economica, il OnePlus Nord 2T è la scelta consigliata. Le prestazioni fotografiche si avvicinano al OnePlus 10T ma non è adatto al gaming.

(opens in new tab)

Nubia Red Magic 7
Se volete andare all in sul gaming, il Nubia Red Magic 7 offre prestazioni quasi al livello di OnePlus 10T e uno schermo migliore. Inoltre, è meno costoso.

Recensito ad agosto 2022

Tom Bedford
Deputy Editor - Phones

Tom's role in the TechRadar team is to specialize in phones and tablets, but he also takes on other tech like electric scooters, smartwatches, fitness, mobile gaming and more. He is based in London, UK.


He graduated in American Literature and Creative Writing from the University of East Anglia. Prior to working in TechRadar freelanced in tech, gaming and entertainment, and also spent many years working as a mixologist. Outside of TechRadar he works in film as a screenwriter, director and producer.