Skip to main content

Xiaomi auto elettrica, nasce la nuova impresa

Xiaomi, Lei Jun
(Image credit: Reuters)

 Xiaomi ha iscritto al registro delle imprese una nuova azienda: si chiama Xiaomi EV Company Limited, ha un capitale di circa 1,3 miliardi di euro (al cambio) e si occuperà di sviluppare veicoli elettrici. Rappresentante legale è Lei Jun, già fondatore e CEO di Xiaomi. 

Si prevede di investire circa 10 miliardi di dollari in dieci anni. Sono già state reclutati esperti da Weibo e altre realtà del settore, e si è formato un gruppo di circa 300 dipendenti.  Tra le azioni già completate c'è anche l'acquisizione di Deepmotion Tech, specializzata nella guida autonoma, per 77,4 milioni di dollari.

Xiaomi si aggiunge così alla lista di aziende che dal settore tech si allargano a quello automotive, una lista che include Google, Huawei, Apple, IBM e altri meno famosi. La particolarità di Xiaomi è che, per dichiarazioni dello stesso Jun, l'obiettivo è avere un'impatto nel settore delle auto piccole, le classiche utilitarie. 

Una cosa piuttosto diversa rispetto a quanto fa Tesla, per citare un nome famoso. Al momento, comunque, non c'è ancora un partner per la produzione. E probabilmente la produzione di un'auto vera e propria non comincerà prima di alcuni anni - ammesso e non concesso che il progetto porti a qualcosa di concreto. 

Sicuramente, d'altra parte, il momento è più che favorevole per Xiaomi, che di recente ha superato sia Apple sia Samsung tra i produttori di smartphone, occupando il primo posto della classifica. Un primato che magari non durerà, ma che basta e avanza per certificare la forza di un'azienda che solo qualche anno fa era un outsider. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.