Xbox Project Scarlett, Microsoft non è pronta a dare dettagli

Image credit: TechRadar

Dopo mesi di indiscrezioni Microsoft ha finalmente confermato alcuni dettagli sulla Xbox di prossima generazione, chiamata Project  Scarlett

La presentazione ha svelato parte delle specifiche della console (o delle console), il periodo di uscita e il fatto che Halo Infinite sarà il gioco di riferimento. Restano però molte domande ancora senza risposta. Quanto costerà Project Scarlett? Ci sarà un solo modello oppure saranno due versioni? Che aspetto avrà? 

Ne abbiamo parlato con il Vice Presidente per il gaming di Microsoft, Liz Hamred, dopo la conferenza dedicata a Project Scarlett. Ne è emerso che, purtroppo, Microsoft non è ancora pronta a dare dettagli ...  

Purché se ne parli ... 

Image credit: Microsoft

Image credit: Microsoft

Sembra proprio che Microsoft non sia ancora pronta a rivelare molte informazioni su Project Scarlett, oltre alle poche cose dette durante la presentazione d E3 2019. 

"Tutto ciò che possiamo dire su Scarlett è nel video", ci ha detto Hamren. "In futuro potremo fornire più dettagli su Scarlett". 

È una cosa abbastanza sorprendente considerato che la maggior parte delle aspettative erano proprio per i dettagli sulla Xbox di prossima generazione.

Hamren ci ha spiegato che il prezzo per la console è già stato stabilito, ma Microsoft non vuole ancora parlarne. Né vogliono dire che Project Scarlett include una sola console oppure due modelli. 

Lo stesso vale per le altre informazioni: se ci sarà un nuovo controller dedicato, le specifiche complete, la compatibilità con mouse e tastiera. "Non parleremo ancora di queste cose". Microsoft per ora ha la bocca cucita. 

Ciò che sappiamo è che Project Scarlett non ci obbligherà a essere online per giocare. 

"Potete vederla come qualcosa di simile alle console attuali", spiega Hamren. "Le nostre console si possono usare in modi diversi. Se c'è un aggiornamento per un gioco, va aggiornata anche la console per averlo. Ci sono molti giochi che ricevono aggiornamenti regolari, quindi sarete interessati a essere connessi. Ma ce ne sono tanti altri che continueranno a funzionare anche senza connessione a Internet, e li supportiamo". 

Non è granché ma se non altro ci dice che Microsoft, nonostante l'evidente spostamento verso lo streaming e il digitale, tiene ancora in considerazione i giocatori che preferiscono restare offline, o che devono farlo perché non hanno una linea abbastanza veloce. 

E la concorrenza?

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

L'elefante nella stanza è ovviamente PlayStation 5. Guardando solo alle specifiche, sembra che Scarlett sia considerevolmente più potente rispetto alla next-gen di Sony, ma secondo Microsoft qual è l'elemento chiave che rende le due console diverse? 

"Non posso parlare di ciò che stanno facendo i nostri concorrenti, ma noi con Scarlett abbiamo voluto mettere i nostri partner nelle condizioni di realizzare fantastici giochi di prossima generazione", ci ha detto Hamren. "E su questo che ci siamo concentrati. Quale hardware possiamo realizzare per rendere migliore l'esperienza tanto per i giocatori quanto per gli sviluppatori? Come possiamo fare per rendere i caricamenti più veloci? Come costruiamo i mondi futuri? Cosa fanno gli sviluppatori per creare i loro mondi? Come si approcciano i giocatori ai giochi che non conoscono? Abbiamo ragionato così con Xbox One X e vogliamo farlo di nuovo". 

E questo è quanto siamo riusciti a farci dire nell'intervista. Microsoft è pronta a introdurre Project Scarlett, ma non a parlarne nei dettagli, o almeno non ancora. Abbiamo chiuso l'incontro con molte domande in sospeso, come quelle riguardo alla possibilità che esistano le due varianti Anaconda e Lockhart, o se una console quattro volte più potente di Xbox One X avrà un prezzo mostruoso.

Nonostante la nostra curiosità, Microsoft non ha voluto dirci di più su Project Scarlett. È un po' frustrante, e a questo punto possiamo solo supporre che Microsoft dirà di più in un evento dedicato, nelle prossime settimane o mesi.