Skip to main content

Una nuova Nintendo Switch migliorata in arrivo, oltre al modello Lite

Image credit: Future (Image credit: Future)

Nintendo sta facendo parlare di sé per via della nuova Nintendo Switch, presentata ieri e già in vendita presso alcuni shop, ma la Casa di Mario sta pensando anche di aggiornare la Nintendo Switch standard, come si deduce da una nuova registrazione presso la Federal Trade Commission (FCC), cioè l'autorità statunitense del commercio. 

La registrazione (opens in new tab) indica che Nintendo ha richiesto una "modifica di classe II" che, se approvata, permetterebbe all'azienda di apportare modifiche minori al prodotto senza dover affrontare di nuovo tutto il processo di certificazione. Questo indica, quasi certamente, l'intenzione di introdurre la Nintendo Switch 2 (nome non confermato). 

In particolare, Nintendo ha richiesto la modifica del SoC (il processore centrale) e del tipo di memoria NAND. Come nota la società stessa, "la scheda della CPU sarà sostituita in virtù dei due nuovi componenti". 

Image credit: FCC

Image credit: FCC (Image credit: FCC)

L'attuale Nintendo Switch usa il SoC (System on a chip) Nvidia Tegra X1, che integra CPU e GPU. La sigla NAND indica il tipo di memoria usata nei dispositivi elettronici, dagli smartphone agli SSD. 

Ciò che non sappiamo è in che misura Nintendo voglia migliorare i componenti, per rendere la Switch più veloce nei tempi di caricamento, oppure magari per offrire un maggiore spazio di archiviazione. O magari vuole solo ridurre i costi di produzione, affidandosi a nuovi fornitori. 

È anche possibile che Nintendo voglia allineare la Switch alla Switch Lite, che sembra avere "una disposizione dei chip più efficiente", come afferma The Verge (opens in new tab).

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.