Skip to main content

RTX 3080 Ti potrebbe arrivare presto

JDSP_
(Image credit: JDSP_)

Parlando delle schede Ampere di recente presentazione, sappiamo che tra RTX 3080 e RTX 3090 il divario in termini di prestazioni non è esagerato: le prove effettuate finora da chi è già entrato in possesso di entrambi i modelli parlano infatti di un gap prestazionale tra le due GPU misurabile tra il 10 e il 15 % in 4K, a seconda del titolo giocato.

Nonostante ciò, Kopite7kimi, un leaker noto per aver rivelato importanti dettagli sulla serie GeForce RTX Ampere con mesi di anticipo, segnala ora lo SKU (numero di stock) di una nuova scheda che si andrebbe a posizionare tra GeForce RTX 3080 e RTX 3090.

La presunta scheda grafica avrebbe presumibilmente 9984 core CUDA, 1280 in più rispetto all’attuale RTX 3080. Kopite riferisce che il codice di GPU montata sul nuovo modello potrebbe essere GA102-250. Anche la configurazione della memoria potrebbe cambiare, dato che si parla di un bus di 384 bit, rispetto a quello di 320 bit della RTX 3080. Un bus più ampio farebbe presumere che la scheda verrà dotata di una maggiore quantità di RAM, probabilmente 12 GB o addirittura 24 GB come la RTX 3090, ma è solamente un'ipotesi che al momento non è confermata.

Twitter

(Image credit: Twitter)

Modelli Ampere, fine ottobre 2020
ModelloGPUCUDA CoreRAM
RTX 3090 24 GB8nm GA102-30010496 24GB GDDR6X 384 bit
presunta RTX 3080 Ti8nm GA102-250998412 GB GDDR6X 384 bit
RTX 3080 10GB8nm GA102-200870410GB GDDR6X 320 bit
presunta RTX 3070 Ti8nm GA102-150 742410GB GDDR6X 320 bit
RTX 3070 8GB8nm GA104-30058888GB GDDR6 256 bit
RTX 3060 Ti 8GB8nm GA104-20048648GB GDDR6 256 bit

Un’ulteriore ipotesi, anche qui non confermata, parla del rilascio da parte di Nvidia di un modello con codice GA102-150 dotato di 7424 core CUDA, che potrebbe essere la futura RTX 3070 Ti. Detto ciò, abbiamo già parlato della cancellazione della versione da 20 GB della RTX 3080 e della RTX 3070 da 16 GB. I due modelli segnalati da Kopite potrebbero pertanto prendere il loro posto ma con specifiche migliorate.

Prima del lancio di Ampere giravano molte voci relative alle schede di prossima uscita, ma molte di esse non si sono rivelate corrette. Alcune di queste tuttavia contenevano informazioni confermate successivamente come parzialmente veritiere. Oltre a questo, sono state diverse le schede “Engineering Sample” ad avere alimentato voci, poi smentite dopo il lancio ufficiale. In ogni caso, ciò che traspare da tali voci e indiscrezioni è che Nvidia non è rimasta con le mani in mano dopo il lancio di Ampere, ma sta già preparando l’artiglieria pesante in attesa delle nuove schede RDNA 2 di AMD.

Fonte: Videocardz