Skip to main content

Questa CPU AMD è la più potente del 2020, ma non è per il gaming

AMD EPYC
(Image credit: AMD)

Probabilmente non avrà lo stesso appeal del chip M1 di Apple, ma chi è alla ricerca del processore più veloce al mondo per il proprio server dedicato potrebbe aver trovato la risposta con la nuova CPU EPYC 7763 di AMD.

Il processore non è ancora disponibile, ma sono state pubblicate alcune immagini sul forum di un sito web cinese dedicato alla tecnologia, Chiphell. Il numero di serie dell'ordine  (100-000000312) mostrato nel leak dell'immagine è disponibile anche all'interno di un file PDF sul sito web di AMD.

A quanto pare, il nuovo processore fa parte della linea Milan, basata sulla microarchitettura Zen 3, la stessa alla base della serie Ryzen 5000.

La CPU 7763 avrà probabilmente 64 core e 128 thread (come il modello 7662), con una cache L3 da 256 MB. Secondo gli screenshot, avrà una velocità di clock di base di 2,45 GHz e 3,53 GHz in boost. Occorre tuttavia prendere questi dati con la dovuta cautela, dato che probabilmente si tratta di ES, ovvero campioni del reparto progettazione.

Uno dei fattori ancora sconosciuti è il TDP, che si attesta sui 225 W nel modello 7662. Considerato che la velocità di clock di base sembra essere aumentata di circa il 20%, senza dimenticare l'aumento del 19% di IPC di AMD, potremmo immaginare che la nuova CPU EPYC 7763 possa superare in velocità il modello precedente anche del 40%.

Non si parla ancora di una CPU AMD Ryzen Threadripper a 64 core con Zen3. Il modello di punta attuale è la 3990X, arrivata a febbraio, pertanto ci aspettiamo l'annuncio della nuova iterazione (magari la 4990X) in occasione del CES 2021, con la commercializzazione a partire da febbraio 2021.

Fonte: Tom's Hardware (opens in new tab)

Désiré has been musing and writing about technology during a career spanning four decades. He dabbled in website builders and web hosting when DHTML and frames were in vogue and started narrating about the impact of technology on society just before the start of the Y2K hysteria at the turn of the last millennium.