Skip to main content

Microsoft modifica Chrome per metterci Bing, tornando alle sue vecchie, cattive abitudini

(Image credit: Shutterstock)

Andiamo Microsoft. Devi sapere che a nessuno piace Bing. Inserirlo in un film di Spider-Man nel tentativo di farlo sembrare figo non ha funzionato.  Soprattutto perché in un film che coinvolge ragni radioattivi, supereroi e persone lucertole, l'idea che qualcuno usi volentieri Bing piuttosto che Google risulta essere l'aspetto più irrealistico.

In realtà, ho il subdolo sospetto che il termine più ricercato su Bing sia "Come scaricare Chrome", dato che la gente usa il browser Edge di Microsoft, che viene fornito con Windows 10 e ha Bing come motore di ricerca predefinito, per scaricare il browser Chrome di Google.

Scommetterei, persino, che i numeri degli utenti di Bing rispetto a quelli di Google siano così piccoli che sono praticamente un'anomalia. Una goccia nell’oceano.

E Microsoft deve saperlo. È per questo che l'azienda ha cercato di imporci il suo amato motore di ricerca. Non solo Bing è il motore di ricerca predefinito su Edge, ma utilizzando la casella di ricerca in Windows 10, si ottengono i risultati di Bing quando si cerca su internet, senza un modo semplice per cambiarli.

Ancora peggio, è ora emerso che Microsoft sta progettando una "estensione di Bing per Chrome" che verrà installata automaticamente insieme ad un prossimo aggiornamento di Microsoft Office 356 ProPlus.

Questa cambierà il motore di ricerca predefinito di Chrome da Google (o qualsiasi altro motore di ricerca) a Bing. Il motivo per cui Microsoft pensa che chiunque utilizzi Microsoft Office 356 ProPlus voglia cambiare il proprio motore di ricerca in Bing è al di là della mia comprensione. Si è inventata una vecchia scusa sulla necessità di usare la ricerca Microsoft o altro, ma, per essere schietti, non è una ragione per cambiare forzatamente i motori di ricerca delle persone.

Microsoft Bing

(Image credit: Shutterstock)

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità 

Microsoft vuole che la gente usi Bing non per scelta, ma con la forza. Sebbene molte persone torneranno a usare Google non appena avranno notato che le loro ricerche riportano i risultati di Bing, sono sicuro che Microsoft punti su un numero sufficiente di persone che non si rendono conto, o che semplicemente si adeguano, vittime della sindrome digitale di Stoccolma.

A mio parere, si tratta di una mossa che fa riaffiorare il passato più oscuro di Microsoft, quando ha cercato di imporre i suoi prodotti agli utenti. Chiunque abbia usato una nuova versione di Windows 10 saprà che se si usava Edge (e Bing) per cercare Chrome per scaricarlo, si ricevevano messaggi che saltavano fuori per tentare di dissuaderti dal farlo, e restare fedeli a Edge.

Non solo questo era fastidioso (e un po' disperato), ma sfruttava un ingiusto vantaggio di avere Edge preinstallato su Windows 10.

Quei piccoli pop-up e messaggi sembravano essersi un po' calmati ultimamente, e speravo che Microsoft avesse imparato la lezione. Ma, se si procede a cambiare i motori di ricerca predefiniti delle persone quando aggiornano Microsoft Office 356 ProPlus, allora temo che l'azienda non abbia imparato proprio nulla.

Il punto è che, se Microsoft vuole che più persone utilizzino prodotti come Edge e Bing, allora, invece di costringere le persone ad utilizzarli, Microsoft dovrebbe lavorare sodo per rendere quei prodotti migliori. Nel qual caso la gente li userebbe volentieri, invece di essere tenuta in ostaggio.

Microsoft ha lavorato bene sugli aggiornamenti di Edge, ma ci vorrà molto di più per farmi prendere in considerazione l'utilizzo di Bing.

Perché manomettere le mie scelte in un programma non correlato, solo perché uso un altro prodotto Microsoft? Credo che Spider-Man sarebbe d'accordo sul fatto che questo vada contro tutto ciò che lo zio Ben rappresentava.