Skip to main content

Google Stadia ha la tecnologia che serve, ma ancora pochi titoli...

Google Stadia Controller
(Image credit: Google)

Si è conclusa l'ultimo Google Stadia Connect e noi stiamo ancora cercando di capire perché dovremmo passare con armi e bagagli a questa nuova piattaforma.

Quella che dovrebbe diventare il ‘Netflix-dei-giocatori’, almeno secondo Google, è ancora in attesa di titoli esclusivi che la facciano decollare. Tutti i giochi annunciati fino ad oggi infatti sono già presenti sulle console PS4, Xbox One e anche su  PC. 

E le esclusive? Ci sono, ma non sono esattamente titoli bomba.

La lotta per l'esclusiva

Orcs Must Die! 3 è un classico videogame tower defense ed è, (almeno inizialmente) una esclusiva Google Stadia. Ha i suoi fan ma non è certo tra i più giocati, basti pensare che il suo predecessore Orcs Must Die! Unchained, è stato interrotto per mancanza di giocatori in grado di renderlo economicamente indipendente.

Insomma non si può certo definire come la risposta di Google a Super Mario...

Piuttosto ci è piaciuto vedere girare in streaming Darksiders Genesis. Si tratta del quarto episodio di una serie che ha i suoi appassionati ma a cui manca qualcosa per diventare un successo come Zelda. Con questo ultimo episodio Genesis vuole però spostarsi sui RPG come Path of Exile o Diablo. Peccato che sia già stato annunciato su altre piattaforme già dall'inizio dell'anno....

Per cui l'esclusiva rimane una, e nemmeno memorabile.

Niente esclusive? Niente personalità!

Il problema è che non si riesce bene a capire la personalità di questa nuova piattaforma e le comunità di videogiocatori che si dividono tra PlayStation, Nintendo Switch o Xbox One difficilmente avranno voglia di tradire il loro hardware. 

Certo, Google cerca di attirare il maggior numero possibile di giocatori con la sua formula "all-you-can-eat”. Ma se poi le pietanze originali non ci sono può essere un problema. Anche perché i titoli proposti ad oggi possono essere facilmente trovati altrove senza dover investire in un nuovo servizio. 

(Image credit: Future)

La possibilità di trasmettere i giochi in 4K e 60fps è sicuramente interessante (ammesso di avere una connessione sufficientemente veloce). Ma se quello che vi interessa sono i contenuti e non tanto l'aspetto, allora Google Stadia non è poi così interessante.

Comunque è ancora presto per un giudizio definitivo e ci sono gli esempi di fallimenti come OnLive a servire da ammonimento per Google. Il gigante del web non ha comunque fretta e vede Stadia come un investimento a lungo termine. Per cui c'è ancora tempo per accaparrarsi qualche esclusiva che potrebbe convincere i gamers ad abbonarsi al servizio.