Skip to main content

Coronavirus, la Cina limita l'uso delle VPN

(Image credit: Shutterstock)

L'attuale crisi del coronavirus sta rendendo più difficile per i cittadini cinesi e a quelli stranieri nel paese di accedere a Internet poiché il governo cinese ha nuovamente dato un giro di vite sull’utilizzo dei servizi VPN.

Impedendo agli utenti di accedere alle VPN all'interno dei propri confini, la Cina può controllare più facilmente il flusso di informazioni in entrata e in uscita dal Paese, esattamente come la Cina ha bloccato Whatsapp. Questo consentirebbe al governo di impedire la diffusione di informazioni errate sul coronavirus online, ma contemporaneamente rende anche più difficile per i cittadini e i residenti cinesi scoprire cosa stia accadendo realmente in tutto il mondo.

Le VPN offrono agli utenti la possibilità di eludere il “Great Firewall” cinese e il governo del paese consente a questi servizi di operare in una certa misura.

Sebbene il governo cinese abbia vietato i servizi VPN privati ​​non regolamentari, consente a quelli registrati dal governo di operare nel paese. Le VPN regolamentate sono utilizzate principalmente da aziende nazionali e straniere che devono accedere a Internet per connettersi con le sedi estere. Ad esempio, molte aziende cinesi hanno una forte presenza su Twitter, nonostante il servizio sia vietato nel paese, e tutti usano VPN regolamentate per accedervi.

La repressione delle VPN cinesi

In particolare, la Cina ha imposto i propri blocchi sulle VPN più energicamente nei confronti dei provider VPN rispetto a quanto ha fatto contro le persone che materialmente utilizzano questi servizi all'interno dei propri confini. (e per questo esiste il nostro articolo "Le migliori VPN per la Cina") Tuttavia, il governo cinese ha stabilito un chiaro modello di repressione delle VPN durante i periodi di potenziali tensioni politiche.

Ad esempio, durante la riunione del National People's Congress del marzo scorso, che è il più grande raduno politico annuale in Cina, molti utenti VPN si sono lamentati di non essere stati in grado di aggirare il firewall del paese. La stessa cosa è successa lo scorso settembre, quando gli utenti hanno espresso preoccupazione per il fatto che i server VPN non funzionino in vista delle celebrazioni del 70° anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese.

Il sito web Greatfire tiene traccia delle prestazioni delle VPN in Cina e secondo il suo creatore Charlie Smith, gli utenti VPN in tutto il paese hanno trovato sempre più difficile utilizzare questi servizi dall'inizio dell'epidemia di coronavirus. Smith ha fornito ulteriori approfondimenti sull'attuale situazione in Cina in una dichiarazione a Fortune, affermando: “L'attuale situazione per le VPN è molto simile a quanto accade durante i principali incontri governativi in ​​Cina. Le autorità limitano l'utilizzo della VPN, rendendo quasi impossibile l'uso dell’Internet globale. "

Greatfire ha tenuto traccia della velocità della VPN in un periodo di 60 giorni e dall'inizio dell'epidemia, 10 delle 15 migliori VPN attive in Cina hanno mostrato un calo significativo delle prestazioni.

Via Fortune