Skip to main content

Apple HomePod potrebbe supportare Spotify e Tidal

apple homepod
(Immagine:: Apple)

Apple HomePod potrebbe ottenere il supporto per i servizi di streaming musicale di terze parti, come Spotify e Tidal.

In un comunicato stampa (Si apre in una nuova scheda) pubblicato in seguito al WWDC 2020, Apple ha dichiarato che HomePod ha una nuova funzione per integrare servizi musicali di terze parti.  

Non vi è stata nessuna conferma in merito a quali potrebbero essere questi servizi, ma riteniamo che Spotify sia il candidato più probabile, dato che si tratta della piattaforma di streaming musicale più famosa al mondo. Spotify vanta ben 113 milioni di abbonati (numero risalente a ottobre 2019) e continua a crescere.

Tidal è un altro probabile candidato, dal momento che offre audio ad alta risoluzione con una qualità simile al CD che potrebbe convincere numerosi audiofili a provare Apple HomePod. 

Una migliore integrazione 

Apple HomePod è uno dei migliori smart speaker disponibili sul mercato per quanto riguarda la qualità audio, ma lascia molto a desiderare in termini di connettività. 

Apple Music, al momento, è l'unico servizio di streaming che può essere controllato con Siri, costringendo i possessori di HomePod a rimanere nei limiti dell'ecosistema Apple.

Si dice che Apple sia sul punto di presentare Apple HomePod 2 (o HomePod Mini). Quest’ultimo potrebbe essere una versione più piccola ed economica rispetto al modello standard che speravamo di vedere al WWDC 2020, ma così non è stato.

Tuttavia, se Apple dovesse veramente aggiungere il supporto a servizi di streaming musicali di terze parti, HomePod, in un certo senso, diventerebbe un prodotto nuovo di zecca.  

Fonte: Pocket Lint (Si apre in una nuova scheda)

Olivia was previously TechRadar's Senior Editor - Home Entertainment, covering everything from headphones to TVs. Based in London, she's a popular music graduate who worked in the music industry before finding her calling in journalism. She's previously been interviewed on BBC Radio 5 Live on the subject of multi-room audio, chaired panel discussions on diversity in music festival lineups, and her bylines include T3, Stereoboard, What to Watch, Top Ten Reviews, Creative Bloq, and Croco Magazine. Olivia now has a career in PR.