Skip to main content

Apple condannata per violazione di brevetto, ma farà appello

AirPods
(Image credit: Future)

Apple Inc. e Broadcom Inc. devono pagare $ 1,1 miliardi di risarcimento per la violazione di brevetti del California Institute of Technology sulla tecnologia Wi-Fi, come ordinato da  una giuria in California.

Ad Apple è stato ordinato di pagare $ 837,8 milioni mentre la Broadcom è stata sanzionata per $ 270,2 milioni, come hanno spiegato  gli avvocati della  CalTech. L’istituto ha citato in giudizio le società tecnologiche per una serie di brevetti relativi alla trasmissione di dati wireless.

È la più grande sanzione emessa quest’anno, e la sesta più grande secondo i calcoli fatti da Bloomberg. 

Apple ha trascorso anni facendo causa ad altre società per presunta violazione dei suoi brevetti, e ha anche espresso diverse critiche sul modo in cui vengono calcolati i danni in questi casi. Ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di affrontare la questione in una disputa di vecchia data con VirnetX Holding Corp., una società con meno di $ 2 milioni di entrate annuali che da anni aspetta il grande giorno in cui verrà pagata da Apple.

Apple ha dichiarato che la società farà appello  al verdetto sul caso  CalTech. Anche Broadcom ha intenzione di presentare ricorso, ha affermato la società, aggiungendo di essere in disaccordo con le basi fattuali e legali del verdetto stesso. 

CalTech si dice  "lieta  che la giuria abbia determinato  che Apple e Broadcom hanno violato i nostri brevetti ", tramite  un portavoce, aggiungendo che l’istituto  è "impegnato a proteggere la sua proprietà intellettuale a sostegno della sua missione di espandere la conoscenza umana e favorire la società attraverso la ricerca integrata con l'istruzione".

Gli avvocati di Apple e Broadcom hanno negato la violazione dei brevetti e hanno affermato che l’istituto non aveva diritto a un così significativo risarcimento da parte delle aziende anche, se avessero utilizzato i brevetti in questione.

Un caso aperto dal 2016 

La CalTech ha presentato la causa nel 2016 e ha nominato iPhone, iPad, iPod, Apple Watch, computer Mac, altoparlanti intelligenti HomePod e router wireless AirPort (da allora fuori produzione) come dispositivi che utilizzano i componenti Broadcom accusati.

Apple e Broadcom in precedenza avevano dichiarato in giudizio che le rivendicazioni nei confronti di Apple sono "Basate esclusivamente sull'incorporazione di chip in presunta violazione" nei prodotti Apple.

Il giudice era chiamato a stabilire se i chip Broadcom usavano i brevetti dell'istituto e, in tal caso, i  danni dovuti. Questo verdetto contro Apple è uno dei più grandi contro il gigante della tecnologia di Cupertino, California, in tutta la sua storia.