Skip to main content

10 cose possibili con il 5G ma impossibili con il 4G

OnePlus 7 Pro 5G (Image credit: TechRadar)

Dal Samsung Galaxy S10 5G allo Xiaomi Mi Mix 3 5G, i primi modelli di smartphone 5G cominciano a essere disponibili. Allo stesso tempo, gli operatori telefonici del mondo stanno sviluppando la necessaria infrastruttura, e anche in Italia le reti 5G preparano la prossima rivoluzione tecnologica. 

E se avete la fortuna di vivere in un’area dove il 5G è già attivo, o lo sarà presto, forse potrebbe persino valere la pena di sottoscrivere un nuovo (e costoso) abbonamento. Il vantaggio di una maggiore velocità, e soprattutto una latenza minore, potrebbe essere determinante per alcune persone. E ci sono alcuni vantaggi concreti da prendere in considerazione. 

La sigla 5G indica la rete mobile di prossima generazione, quella successiva al 4G, che a sua volta sostituì il 3G. Il cambiamento non è solo una questione di velocità, stavolta, perché con le nuove reti 5G si aprono molte nuove opzioni che semplicemente non sono possibili con il 4G. 

Abbiamo quindi stilato un elenco di cose che si possono fare con il 5G, e che sono impossibili con il 4G.

Huawei potrebbe introdurre il primo televisore 5G al mondo. (Image credit: Huawei)

Huawei potrebbe introdurre il primo televisore 5G al mondo. (Image credit: Huawei)

1. Video streaming a 8K

Al giorno d’oggi ci sono pochi fornitori che propongono contenuti in streaming in 4K, e i clienti si affidano a linee in fibra o VDSL. Con le reti 5G, però, sarebbe potenzialmente possibile arrivare fino alla risoluzione 8K. E senza dover aspettare a lungo per il buffering. 

È un esempio piuttosto ovvio di come la velocità del 5G possa fare la differenza: la possibilità di trasferire più dati in meno tempo, significa poter trasmettere con maggiore risoluzione senza notare differenze nel tempo di caricamento o nella fluidità. 

Naturalmente, non abbiamo ancora smartphone o televisori che possano sfruttare questa possibilità, ma presto arriveranno. Huawei, per esempio, sta lavorando a un televisore 8K con connessione 5G.

Con il 5G i download sono molto più veloci. (Image credit: TechRadar)

Con il 5G i download sono molto più veloci. (Image credit: TechRadar)

2. Download enormi in un batter d’occhio

La maggiore velocità del 5G è utile anche per scaricare contenuti, oltre che per vederli in streaming. In teoria, si può scaricare anche in 4G o in 3G, ma se parliamo di un intero film 8K, il tempo necessario cambia parecchio.

La velocità del 5G rende più ragionevole l’idea di scaricare file enormi, quindi anche mappe o videogiochi, con una grafica migliore o con più funzioni. Quindi, tra l’altro, magari preferirete avere uno smartphone con molta memoria disponibile. 

La velocità del 5G abbinata a un servizio come Google Stadia potrebbe permetterci di giocare ovunque, con ogni gioco.

5G con Google Stadia potrebbe permettere di giocare a qualsiasi gioco, quando e dove vogliamo. (Image credit: TechRadar / Odyssey)

5G con Google Stadia potrebbe permettere di giocare a qualsiasi gioco, quando e dove vogliamo. (Image credit: TechRadar / Odyssey)

3. Giochi online di qualità, senza lag

Giocare online su rete mobile, oggi, non è sempre una bella esperienza. Non è solo un problema di velocità ma, più spesso, di latenza. Cioè il tempo che impiega la rete per rispondere a una richiesta. Con le reti 5G, la latenza è molto più bassa. 

Ciò significa che quando date un comando al gioco, la risposta sarà immediata. Quindi non si rischia di mancare un colpo o di farsi uccidere per colpa del lag. 

I giochi online, da parte loro, potrebbero diventare molto più dettagliati e belli da vedere, simili per qualità grafica a quelli che vediamo sulle console di ultima (e prossima) generazione. 

Potenzialmente il 5G rende possibile usare in streaming gli stessi giochi, come propone Google Stadia o altri servizi simili. In questo caso sono i server a fare tutto il lavoro, e poi trasmettono il gioco sullo smartphone (o altri dispositivi) in tempo reale proprio grazie alle prestazioni del 5G.

Il 5G potrebbe portare la VR al livello successivo. (Image credit: TechRadar)

Il 5G potrebbe portare la VR al livello successivo. (Image credit: TechRadar)

4. Streaming VR

A proposito di streaming, il passaggio al 5G rende possibile, in teoria, anche lo streaming di giochi VR. 

Non si tratta infatti solo di semplice” qualità grafica dei videogiochi. Con i giochi VR, infatti, bisogna inviare due diversi flussi video ad alta risoluzione. Un quantità enorme di dati, possibile solo grazie alle prestazioni del 5G.

Il 5G e la VR ci possono portare più vicini all'azione. (Image credit: TechRadar)

Il 5G e la VR ci possono portare più vicini all'azione. (Image credit: TechRadar)

5. Eventi dal vivo e in VR

Già oggi è abbastanza normale guardare un evento in diretta online, come la prestazione del nuovo iPhone o le novità della conferenza E3, o magari un concerto.  

Un modo per assistere “più da vicino” sarebbe la realtà virtuale, cioè la possibilità di partecipare all’evento usando un visore come l’Oculus Rift o il PlayStation VR. Per la natura di questa tecnologia, come con i videogiochi, sarebbe necessario trasmettere un doppio flusso video ad altissima risoluzione. E per di più con un’inquadratura più ampia, che permetta di muovere la testa e “guardarsi intorno”. 

Tutto questo richiede una linea ad altissima velocità,e le connessioni 5G sarebbero adatte a questo tipo di utilizzo. Lo streaming di eventi in diretta e in VR è un altro aspetto che, potenzialmente, può portare una piccola rivoluzione nelle vite di tutti noi.

Con il 5G,  si potrà trasmettere qualunque cosa, non solo eventi live (Image credit: Shutterstock)

Con il 5G,  si potrà trasmettere qualunque cosa, non solo eventi live (Image credit: Shutterstock)

6. Sempre più dirette, in ogni momento

La diffusione delle reti 5G renderebbe più facile l’accesso alla fruizione di contenuti in streaming, come abbiamo detto. E questo include anche eventi in diretta: dalle conferenze ai concerti, passando per tutto quello che c’è in mezzo, il 5G elimina i limiti attuali. 

Al momento la trasmissione di eventi in diretta, infatti, è limitata dalla velocità delle reti o dalla necessità di usare apparecchiatura ingombrante e costosa, che va trasportata su furgoni o persino camion. 

Con il 5G diventa tutto più veloce e più comodo. L’attrezzatura può diventare più compatta e leggera, e la trasmissione in diretta diventa più accessibile anche per chi non ha grandi cifre da spendere. 

Diventerebbe possibile, per esempio, vedere in streaming tutte le partite di campionato, non solo quelle principali. E sarebbe molto più facile anche trasmettere in diretta un concerto - magari facendo pagare un biglietto diverso a seconda di cosa si vuole vedere e sentire. 

Secondo i rappresentanti di Red Bee Media, una società specializzata in broadcasting, la possibilità di trasmettere più eventi dal vivo aiuterà le emittenti tradizionali a competere con servizi on-demand come Netflix. In altre parole, la TV tradizionale potrebbe trovare nuova linfa vitale con il 5G.

La calciatrice Captain Steph Houghton MBE incontra virtualmente una fan. (Image credit: Vodafone)

La calciatrice Captain Steph Houghton MBE incontra virtualmente una fan. (Image credit: Vodafone)

7. Chiamate olografiche

Oggi le videochiamate sono più o meno la norma, e ognuno di noi le fa spesso tramite Skype, Whatsapp, Facebook Messenger e altri servizi simili. Ma se potessimo fare una chiamata olografica? Sembra fantascienza, ma è qualcosa che Vodafone ha già sperimentato in Gran Bretagna

Per le chiamate olografiche, naturalmente, non bastano le alte prestazioni delle reti 5G. Ma se un giorno sarà possibile essere virtualmente presenti in una stanza dall’altra parte del mondo, come nei film di fantascienza, sarà anche merito di reti più veloci.

Preparatevi a un futuro aumentato. (Image credit: Shutterstock)

Preparatevi a un futuro aumentato. (Image credit: Shutterstock)

8. Realtà aumentata più complessa

La realtà aumentata (AR) è quella tecnologia che ci permette di inquadrare un luogo con la videocamera, e di arricchire l’immagine con informazioni prese online. Per esempio, è Realtà Aumentata quando si inquadra una strada e vediamo i nomi delle strade e dei negozi in sovraimpressione. 

È una cosa che esiste da anni, ma finora non è stata proprio spettacolare. Con l’arrivo del 5G, però, anche la Realtà Aumentata potrebbe cambiare molto. 

La combinazione di alta velocità e bassa latenza, infatti, potrebbe rendere al Realtà Aumentata completamente diversa da come la conosciamo oggi. In futuro potremmo vedere cartelloni pubblicitari personalizzati, che vengono “filtrati” dai finestrini delle nostre auto o dagli occhiali da sole. 

A proposito di auto, le reti 5G portano con sé grandi innovazioni anche per il mondo delle quattro ruote. Potremmo vedere istruzioni grafiche direttamente sovrapposte all’ambiente che ci circonda, con i finestrini trasformati in schermi. E sono solo alcuni piccoli esempi di come l’AR possa essere qualcosa di molto più complesso rispetto a Pokémon Go.

Presto le auto a guida autonomia potrebbero essere realtà. (Image credit: Shutterstock)

Presto le auto a guida autonomia potrebbero essere realtà. (Image credit: Shutterstock)

9. Veicoli autonomi per tutti

Il 5G potrebbe essere la chiave per spingere la diffusione delle auto a guida autonoma, una volta che la tecnologia sarà matura. Affinché queste auto funziono bene, infatti, hanno bisogno di poter inviare e ricevere dati velocemente da e verso le altre auto, strade e infrastrutture. Per questo è necessaria una rete veloce e a bassa latenza, per cui il 5G sarebbe ideale.

Un operatore specializzato ha dichiarato di recente che “quando si accendono le luci, si accendono immediatamente. Ed è ciò che serve per la guida autonoma: se succede qualcosa, l’auto deve potersi fermare subito. Ecco perché servono i segnali 5G”.

I termostati intelligenti sono solo l'inizio. (Image credit: TechRadar)

I termostati intelligenti sono solo l'inizio. (Image credit: TechRadar)

10. Case e città più smart

Un’altra cosa in cui le reti 5G potrebbero rivelarsi molto utili è l’Internet of Things (IoT). Abbiamo già visto i primi passi di questo nuovo mondo, e il diffondersi dispositivi connessi di ogni genere, come i termostati. L’arrivo delle reti 5G potrebbe però rendere realtà il sogno di una vera casa connessa e intelligente. 

E non si tratta solo di casa. Anche le città grandi e piccole potrebbero diventare più intelligenti grazie al 5G. Pensiamo per esempio a sistemi semaforici che si regolano automaticamente in base al traffico, a sistemi di controllo dell’inquinamento atmosferico, alla gestione dei trasporti pubblici ottimizzato in tempo reale, alla gestione energetica, e molto, molto altro ancora. 

Rendere tutto smart non sarebbe solo un slogan (per quanto sia anche quello), ma un modo per ridurre i costi energetici, gestendo per esempio l’illuminazione stradale in modo che le luci si accendano solo quando c’è qualcuno in giro - cosa che aiuterebbe anche ad arginare il problema dell’inquinamento luminoso. Se pensate che il mondo di oggi sia connesso, non avete ancora visto niente.