Skip to main content

Recensione Sennheiser Momentum Wireless (2019)

Cuffie smart senza compromessi

Cuffie Wireless
(Image: © TechRadar)

Il nostro verdetto

Le cuffie Sennheiser Momentum Wireless (2019) sono semplicemente fantastiche: suono eccellente, aspetto elegante e facilmente personalizzabili tramite la sua app dedicata. Nota dolente: solo 17 ore di autonomia, veramente poche per il loro prezzo elevato.

Pro

  • Eccezionale qualità audio
  • Design elegante
  • Semplici da personalizzare

Contro

  • Scarsa autonomia
  • Più costose delle rivali

Se avete mai comprato un buon paio di cuffie con cancellazione del rumore, saprete sicuramente quanto sia difficile separarsene portandole ovunque. L’altra faccia della medaglia è che è altrettanto facile dimenticarsi dove sono state lasciate.

Cercare per tutta casa le cuffie preferite è irritante, ma l’ultimo modello di Sennheiser Momentum Wireless è dotato di un tracciatore di posizione, che vi permetterà di non perderle mai più.

Più costose delle sue dirette concorrenti, abbiamo voluto scoprire soprattutto se queste cuffie on-ear ricche di funzionalità valgono veramente il denaro speso. 

Prezzo e disponibilità

Le nuove cuffie Sennheiser Momentum Wireless sono attualmente disponibili in due colorazioni: bianca e nera.

Senza mezzi termini queste cuffie sono veramente costose, con un prezzo al pubblico consigliato di circa €390 , ovvero più delle nostre cuffie preferite con cancellazione di rumore, le Sony WH-1000XM3, che costano circa €100 in meno.

Il prezzo maggiore potrebbe essere parzialmente giustificato dalla tecnologia di tracciamento della posizione, ma online il prezzo di alcuni di gadget con questa funzione si aggira sui €25. 

Sennheiser può quindi giustificare un prezzo del genere per le sue ultime cuffie wireless che hanno anche un design eccellente, ottima resa dell’audio e un  efficiente cancellazione del rumore?

Cuffie con cancellazione del rumore

(Image credit: TechRadar)

Design

Le Sennheiser Momentum Wireless (2019) spiccano senza ombra di dubbio tra le altre cuffie, grazie al loro design elegante, minimalista e contraddistinto da un rivestimento in metallo.

La caratteristica che probabilmente impressiona di più di queste cuffie con cancellazione del rumore è il loro archetto regolabile, realizzato con cursori in acciaio perlato inossidabile e fissati da un pulsante in metallo lucido con il logo della casa produttrice in bassorilievo.

Per questo motivo ci sono alcuni cavi (visibili) che collegano i padiglioni e l’archetto. Non avranno la forma armoniosa e compatta che possiamo trovare nelle Bose Headphones 700, ma è solo una questione di gusti.

I padiglioni e l’archetto sono foderati con di pelle di pecora, rendendo quindi queste cuffie inadatte agli animalisti; se invece non lo ritenete un problema, troverete queste cuffie davvero molto morbide e comode anche se indossate per lunghi periodi di tempo.

Le cuffie sono accompagnate da una custodia voluminosa, ma comunque piacevole; un cavo USB type-C per la ricarica, un adattatore da USB-C a USB-A e un cavo audio da 3,5 mm per quando volete utilizzarle senza usufruire della connettività wireless.

Queste nuove cuffie Momentum Wireless eliminano i poco pratici pulsanti dei loro predecessori: il tasto d’accensione è stato rimpiazzato con un sistema  automatico di attivazione e spegnimento che tiene traccia di quando togliete e mettete le vostre cuffie.

Si tratta di una funzionalità veramente utile, e lavora abbastanza bene... troppo bene, in realtà. Talvolta, anche solo aggiustando le cuffie o muovendo la testa potrebbero interrompere la riproduzione. 

Ciò non significa queste Sennheiser non abbiano affatto pulsanti: potete gestire la riproduzione con un tasto multifunzione. Lo dovrete premere una volta per riprodurre/mettere pausa la vostra musica, due volte per passare alla canzone successiva e tre volte per andare al brano precedente.

È presente anche un bottone per richiamare il vostro assistente vocale ed uno per la funzionalità di cancellazione del rumore, permettendovi di accendere e spegnere la modalità Transparent Hearing.

cuffie wireless

(Image credit: TechRadar)

Caratteristiche e autonomia

A rendere diverse queste cuffie dalla concorrenza è il suo tracker incorporato, il che significa che sono davvero molto difficili da smarrire. Usando l’app dedicata, potete ‘chiamare’ le vostre cuffie ogni volta che non riuscirete più a trovarle, il che è una caratteristica fantastica se siete distratti.

Dovrete semplicemente scaricare la Tile app nel vostro smartphone per utilizzarla registrando gratuitamente un account. Una volta fatto questo, basterà connettere le vostre cuffie all’applicazione.

Abbiamo testato questa caratteristica nell’app e non appena fatto, le cuffie hanno iniziato a vibrare e suonare sempre più forte col passare del tempo. Ha funzionato davvero bene.

Inclusa nelle cuffie c’è la possibilità di attivare con un pulsante dedicato il vostro assistente vocale, sia nel caso voi usiate Siri o l’Assistente Google. Sennheiser ha inoltre annunciato che anche Amazon Alexa presto sarà compatibile con questa funzionalità.

A prima vista, le 17 ore di autonomia delle Sennheiser Momentum Wireless appaiono veramente buone, ma confrontate con le 30 offerte dalle Sony WH-1000XM3 non è proprio così, specialmente per quanto si pagano le Sennheiser. 

La durata della batteria è anche significativamente diminuita rispetto alle prime Momentum Wireless, che offrivano circa 22 ore di funzionamento. Nonostante ciò, l’autonomia dovrebbe bastare per una settimana di trasferimenti da casa a lavoro. 

Accoppiare le cuffie con lo smartphone è stato semplicissimo, come lo è stato utilizzare l’app di controllo per la cancellazione del rumore.

cuffie wireless

(Image credit: TechRadar)

Cancellazione del rumore

Le Sennheiser Momentum Wireless (2019) presentano una buona cancellazione del rumore. Nonostante non blocchino del tutto i rumori ambientali come le rivali WH-1000XM3 e Bose Noise Cancelling Headphones 700, sarete comunque in grado di sentire la vostra musica in totale tranquillità. 

Tramite l’app di controllo, inoltre, potete personalizzare il tipo ed il grado di cancellazione del rumore: non sorprende che ‘Max’ sia il livello più alto, mentre la modalità ‘Anti-Wind’ (Anti-Vento) permette una cancellazione leggermente inferiore, bloccando sia il vento che i rumori. 

Troviamo anche una funzione ‘Anti-Pressure’ (Anti-Pressione) che permette la riduzione del fastidio che qualche utente riscontra indossando le cuffie con cancellazione del rumore. Si tratta di una sottile differenza, ma se vi dà fastidio alle orecchie, troverete veramente piacevole e utile questa funzionalità.

Infine c’è la modalità ‘Transparent Hearing’ (trasparenza acustica) che permette il passaggio di una parte del suono ambientale attraverso le cuffie quando ci si deve concentrare su ciò che ci circonda o qualcuno che sta parlando con noi. Questa modalità consente di ascoltare meglio di quando avete disattivato del tutto la cancellazione attiva del rumore, il che è utile se non volete accendere e spegnere costantemente le cuffie ogni volta che volete sentire cosa accade attorno a voi.

cuffie

(Image credit: TechRadar)

Prestazioni sonore

Montando trasduttori da 42 mm, secondo l’azienda queste cuffie sono realizzate per replicare “la profondità e precisione del mixaggio di una registrazione in studio”. 

Le cuffie Sennheiser Momentum Wireless supportano Bluetooth 5.0 e codec quali aptX, AAC, SBC e aptX Low Latency. Non dovreste quindi riscontrare interruzioni della connessione o fastidiosi ritardi con la visione di filmati. 

Un equalizzatore nell’app vi permetterà di gestire le impostazioni audio in base alle vostre preferenze, sia che vogliate dei bassi più accentuati o degli alti più pesanti. È un’ottima possibilità per coloro che vogliono rendere realmente personalizzate le proprie cuffie, ma riteniamo comunque che l’equalizzazione di default costituisca già un’ottima opzione. 

Ascoltando il brano “Stupid Things” di Girl Ray, siamo rimasti veramente colpiti da quanto le armonizzazioni vocali suonassero naturali, di come le calde note del piano ed i brillanti acuti fossero di una chiarezza cristallina e di come la linea di basso possa essere ascoltata in sottofondo senza mai sopraffare i riff di chitarra.

Passando a iMi di Bon Iver, abbiamo avuto la possibilità di sentire quanto possano suonare ricche di dettagli queste cuffie, con basse frequenze sonore che si gonfiano attorno ad armonie vocali, mentre i battiti dalle influenze industrial risuonano ossessivamente. Non appena il pezzo raggiunge il suo apice, gli ottoni cacofonici scalano le sonorità come una vite su un albero, raggiungendo frequenze sempre più alte senza sembrare eccessivamente aspri. 

Nel complesso, le ampie sonorità ed il suono dettagliato fornito dalle cuffie Sennheiser Momentum Wireless sono ottime per dare voce alla vostra musica, indipendentemente da quanto elaborata e complessa possa essere. 

L’ottima limpidezza potrebbe farvi notare particolari delle vostre canzoni preferite mai notati prima: non sono così netti come con le Bose Noise Cancelling Headphones 700, ma ci è piaciuta la maggiore naturalezza dei suoni delle Momentum Wireless.

(Image credit: TechRadar)

Verdetto finale

In termini di pura qualità del suono, le cuffie Sennheiser Momentum Wireless (2019) si comportano benissimo, con un gran livello di dettaglio, bassi caldi e alti dal suono naturale.

La possibilità di personalizzare la cancellazione del rumore è una buona idea, ma non raggiunge gli standard da top di gamma stabiliti dalle Sony WH-1000XM3 Wireless.

Per quel che riguarda l’autonomia, non hanno nulla a che vedere con le cuffie Sony e risultano essere più costose, il che ci lascia con una domanda: perché acquistare le Sennheiser quando si potrebbero avere le Sony WH-1000XM3?

Ebbene, se il tracciamento della posizione vi attira e vi piacciono il design industriale e i materiali premium delle Momentum Wireless, questi potrebbero essere motivi più che sufficienti, ma se optate per il modello Sony, non perderete alcuna qualità audio. Sotto questo aspetto, possiamo considerarle del tutto equivalenti.