Skip to main content

Recensione Realme 7 Pro

Due passi in avanti… e due di lato

Realme 7 Pro
Realme 7 Pro
(Image: © Aakash Jhaveri)

Il nostro verdetto

Realme 7 Pro vuole imporsi come il miglior smartphone economico del 2020, nonostante le funzionalità e le specifiche avanzate di cui è dotato: ricarica rapida da 65 W, display Super AMOLED e fotocamere affidabili. Nel complesso, Realme 7 Pro centra l’obiettivo, peccato per alcuni tagli necessari a contenerne il prezzo.

Pro

  • Ricarica rapida da 65 W
  • Display AMOLED
  • Ottime fotocamere

Contro

  • Pannello posteriore in plastica
  • Frequenza di aggiornamento di 60 Hz
  • Realme 7 è superiore in alcuni aspetti

Realme si è fatta un nome nel mercato indiano e cinese, ma fa ancora fatica a emergere in quello europeo e americano. L’azienda intende cambiare tale trend con Realme 7 Pro e Realme 7, dispositivi progettati per conquistare la fascia medio-bassa e bassa del mercato.

Realme 7 Pro se la vedrà quindi con la linea Redmi di Xiaomi, i Moto G di Motorola e la gamma A di Oppo. Questo segmento di mercato è molto competitivo, ma Realme 7 Pro ha le carte in regola per sbaragliare la concorrenza.

Lo smartphone vanta specifiche degne di modelli ben più costosi, persino di top di gamma, eppure “per ogni passo in avanti ne arriva uno laterale”.

Realme 7 Pro presenta un vibrante display Super AMOLED con una frequenza di aggiornamento di 60 Hz: molti rivali (e lo stesso Realme 7), a questo prezzo, offrono schermi da 90 Hz.

Allo stesso modo, lo smartphone ha una fotocamera principale da 64 MP, ma perde il teleobiettivo del Realme 6 Pro; se non altro, ha quattro fotocamere posteriori che catturano scatti interessanti.

Anche la scelta dei materiali lascia a desiderare: il pannello posteriore è in plastica, ma ciò comporta un peso più contenuto.

Realme 7 Pro ha una batteria da 4.500 mAh, meno capiente di quella da 5.000 mAh del Redmi Note 9S, ma vanta una ricarica rapida da ben 65 W, l’unico con una funzionalità simile nel segmento medio-basso; nemmeno l’iPhone 12 arriva a tanto.

Realme 7 Pro offre un'esperienza affidabile e completa; manca di alcune funzionalità chiave come il teleobiettivo o un display da 90 Hz, ma, nel complesso, è un prodotto che consigliamo vivamente.

Realme 7 Pro

(Image credit: Aakash Jhaveri)

Disponibilità e prezzo

  • Disponibile 
  • Il prezzo oscilla tra i 300 e i 350 euro

Realme 7 Pro è disponibile in una sola configurazione con 8 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione; il prezzo ufficiale è di 319,90 euro.

Lo smartphone è disponibile nelle colorazioni blu (mirror blue) o argento (mirror silver).

Design

  • Pannello posteriore in plastica
  • Accattivante finitura bicolore
  • Pesa 182 grammi

A ogni generazione, Realme modifica il pannello posteriore dei propri smartphone e Realme 7 Pro non fa eccezione: sfoggia un nuovo design "a specchio diviso" con un taglio asimmetrico a sinistra. Il risultato è una finitura bicolore unica, se vista con l'illuminazione corretta. La colorazione è opaca e gli conferisce un aspetto premium. Abbiamo ricevuto la variante Mirror Blue, caratterizzata da una tonalità di blu intenso. 

Realme 7 Pro

(Image credit: Aakash Jhaveri)

Il pannello posteriore è in policarbonato, tuttavia non sembra economico o fragile; sebbene si tratti di una scelta atta a contenere i costi, l’abbiamo apprezzata, poiché rende il dispositivo più leggero della concorrenza (182 grammi). 

Inoltre, il pannello è leggermente curvo e ciò migliora l'ergonomia. Risultato? Realme 7 Pro è uno smartphone compatto e piacevole da tenere in mano. Il pulsante di accensione e il bilanciere del volume sono posizionati a metà altezza sui lati e sono facili da cliccare.

Le fotocamere sono alloggiate in un blocco rettangolare, corto e ampio, nell'angolo in alto a sinistra. Infine, c'è una porta USB-C e un jack per cuffie da 3,5 mm.

Display

  • Schermo da 6,4 pollici con risoluzione Full HD+ (2.400 x 1.080 pixel)
  • Tecnologia Super AMOLED
  • Frequenza di aggiornamento di 60 Hz

Realme 7 Pro

(Image credit: Aakash Jhaveri)

La serie Realme 6 offre display LCD con un’alta frequenza di aggiornamento, mentre Realme 7 Pro opta per uno schermo da 60 Hz, ma dalla maggiore qualità video.

Si tratta di un display Super AMOLED da 6,4 pollici con una risoluzione di 2.400 x 1.080 pixel (Full HD+), una luminosità massima di 600 nit e in grado di coprire lo spazio colore NTSC del 98%; probabilmente è il miglior display tra gli smartphone di fascia medio-bassa (e anche media), ma il refresh rate è di soli 60 Hz.

La tecnologia Super AMOLED produce neri profondi, un contrasto elevato e colori vivaci; questi ultimi non sono saturi e sembrano naturali. Non abbiamo avuto problemi sotto la luce diretta del sole, grazie all’elevata luminosità massima.

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)

Le cornici sono relativamente sottili su tutti i lati e il rapporto schermo-corpo è del 90,8%. I bordi sono leggermente curvi e ciò facilita la presa del dispositivo.

Il display presenta il tipico foro per la fotocamera e un lettore per le impronte digitali in-display: Realme 7 Pro presenta molte delle funzionalità dei modelli di fascia alta.

Comparto fotografico

  • Quattro sensori posteriori: uno principale, uno grandangolare, uno macro e uno di profondità
  • La fotocamera principale da 64 MP funziona bene
  • Fotocamera frontale da 32 MP

Realme 7 Pro, come molti smartphone del 2020, presenta quattro sensori fotografici posteriori di cui uno ad alta risoluzione.

L’obiettivo principale (Sony IMX682) da 64 MP (f / 1.8) supporta la funzione pixel binning per produrre foto da 16 MP. I risultati sono stati molto superiori alle aspettative, grazie all'ampia gamma dinamica, ai colori naturali e a un livello di dettaglio molto buono. Talvolta, tuttavia, le immagini risultano un po’ troppo luminose e ciò va a discapito del contrasto.

Realme 7 Pro

(Image credit: Aakash Jhaveri)

Il sensore grandangolare è da 8 MP, non altera troppo i colori e cattura una sorprendente quantità di dettagli. Gli scatti in condizioni di scarsa luminosità dei suddetti obiettivi sono eccezionali; basta una frazione di secondo per scattare ed elaborare le immagini, eppure risultano luminose e nitide, ma con meno dettagli.

I restanti sensori, un obiettivo macro e un sensore di profondità, sono da 2 MP; il primo scatta foto discrete, ma poco nitide, mentre il secondo serve a migliorare gli scatti standard.

Realme 7 Pro

(Image credit: Aakash Jhaveri)

Se l’azienda avesse inserito anche un teleobiettivo, Realme 7 Pro sarebbe diventato un best-buy, ma i produttori tendono a dare la priorità al rilevamento della profondità e ai sensori grandangolari nei modelli più economici.

Lo smartphone supporta numerose modalità di scatto: Pro Nightscape, astrofotografia, video ultra-stabile, filtri notturni, modalità ritratto, modalità pro, scatto con IA, ecc. La fotocamera frontale da 32 MP scatta foto abbastanza buone; se amate postare le immagini sui social media rimarrete soddisfatti.

I nostri scatti

Immagine 1 di 5

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)
Immagine 2 di 5

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)
Immagine 3 di 5

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)
Immagine 4 di 5

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)
Immagine 5 di 5

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)

Specifiche e prestazioni

  • Processore Snapdragon 720G 
  • 8 GB di RAM
  • Prestazioni fluide, ma qualche lag in alcuni giochi

Realme 7 Pro è dotato del processore Snapdragon 720G, un chip di fascia bassa prodotto a 8 nm; include una CPU octa-core e la GPU Adreno 618. Il Soc è abbinato a 8 GB di RAM LPDDR4X e a 128 GB di spazio di archiviazione (UFS 2.1).

Il processore è affidabile: offre prestazioni discrete e consuma poco. Nella maggior parte dei casi, è più performante del chip MediaTek Helio G95 ed è lo stesso processore di molti smartphone di fascia medio-bassa. Il passaggio da un'app all'altra, il caricamento di file di grandi dimensioni e lo scorrimento delle pagine Web e social media sono un gioco da ragazzi per Realme 7 Pro; è improbabile che si verifichino lag in tali scenari.

Nei giochi se la cava bene, ma in alcuni titoli soffre: ad esempio, in PUBG Mobile raggiunge un frame rate massimo di circa 45 fps.

Realme 7 Pro

(Image credit: Realme)

Se cercate uno smartphone economico con cui giocare, vi conviene optare per un modello con chip MediaTek Helio G90 o G95; in caso contrario, lo Snapdragon 720G è una buona opzione.

Realme 7 Pro si distingue dalla massa anche nelle prestazioni audio: è uno dei pochi smartphone convenienti ad avere due altoparlanti. Il volume massimo è superiore alla media, sebbene non bilanciato, ma il suono è comunque piacevole.

Software

  • Esegue Android 10
  • L'interfaccia utente di Realme è altamente personalizzabile

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)

Realme 7 Pro viene fornito con Android 10 e con l'interfaccia utente di Realme. Si tratta di una skin Android raffinata, basata su ColorOS 7 di Oppo (la società gemella di Realme), poiché è facilmente personalizzabile: consente di modificare le icone delle app, i temi, riordinare le opzioni rapide, aggiungere un app drawer e altro ancora. Modificando le impostazioni, è possibile rendere l'interfaccia più simile ad Android stock.

Nelle impostazioni di Realme Labs abbiamo scoperto anche funzionalità in fase di test, tra cui lo scorrimento fluido (presumibilmente tramite MEMC - un effetto di attenuazione del movimento), super standby notturno (per ridurre il consumo durante la notte) e il DC dimming.

Autonomia

  • La batteria da 4.500 mAh offre una durata decente
  • Ricarica rapida da 65 W

Realme 7 Pro monta una batteria da 4.500 mAh, che combinata alle ottimizzazioni software, offre una durata della batteria piuttosto buona.

Lo smartphone è quasi sempre arrivato alla fine della giornata con 5-7 ore di schermo acceso e un uso misto: uso del Wi-Fi o della connessione dati tutto il giorno, circa 2 ore di riproduzione media e musica, tonnellate di notifiche push e social media, alcune chiamate e un po' di gaming.

L’autonomia offerta da Realme 7 Pro è più che sufficiente per la maggior parte degli utenti, ma se usate lo smartphone soprattutto per giocare, dovreste dare un’occhiata a modelli da 5.000 mAh, come Moto G 5G Plus.

E le buone notizie non finiscono qui: il dispositivo supporta anche la ricarica "Super Dart" da 65 W (con un caricabatterie compatibile incluso nella confezione), una funzionalità che nemmeno i modelli premium vantano.

È possibile ricaricare l’intera batteria in soli 35 minuti, il tempo di prepararsi prima di uscire di casa; tuttavia, non supporta la ricarica wireless.

Realme 7 Pro

(Image credit: Future)

Vale la pena acquistare Realme 7 Pro?

Realme 7 Pro

(Image credit: Aakash Jhaveri)

Compratelo se...

Volete uno smartphone con una lunga autonomia

Realme 7 Pro non solo offre una buona autonomia, ma supporta anche la ricarica rapida da 65 W. È avvincente vedere quanto velocemente si ricarica il dispositivo!

Le fotocamere sono una priorità assoluta

Molti smartphone offrono quattro obiettivi posteriori in ​​questo segmento, ma quelli di Realme 7 Pro sono tra i migliori e i più affidabili. Inquadrate, scattate e potete essere certi di ottenere un'immagine di buona qualità.

Volete un bel display

Il display Super AMOLED unito alla configurazione degli altoparlanti stereo e il jack per le cuffie rendono Realme 7 Pro una combinazione rara nel mondo degli smartphone moderni.

Non compratelo se...

Potete aspettare un po'

Il segmento degli smartphone economici è estremamente competitivo ed escono grandi novità ogni mese. Con le festività natalizie dietro l'angolo (al momento della scrittura), potreste accaparrarvi un modello di qualità in offerta.

Volete un display ad alta frequenza di aggiornamento

Per contenere il prezzo, l’azienda ha optato per un display da 60Hz. Se questo compromesso non vi soddisfa, cercate altrove.

Volete una qualità costruttiva premium

Realme 7 Pro ha un bell'aspetto, ma con il suo retro in plastica non trasmette lo stesso feeling di un top di gamma. Questo è il tipo di compromessi che ci aspettiamo in questa fascia di mercato, ma se volete materiali di qualità, dovrete spendere molto di più.