Skip to main content

Abbiamo intenzione di trattare la fotocamera di iPad Pro 11 in un modo che non abbiamo mai fatto in precedenza con un tablet, poiché questo è un dispositivo professionale che deve avere una fotocamera all’altezza. Verrà usato per scattare in presentazioni e dimostrazioni grazie anche alla possibilità di annotare direttamente sopra la fotografia oppure di realizzare video in slow-motion.

La buona notizia è che iPad Pro 11 integra una buona fotocamera sul retro, con un sensore da 12MP in grado di realizzare foto decenti anche in condizioni di scarsa illuminazione e con un buon livello di dettaglio anche con lo zoom. Lo schermo più grande si trasforma in un ottimo mirino soprattutto per chi deve riprendere immagini tecniche o scientifiche per lavoro. 

Le foto luminose rendono al meglio sullo schermo, anche se poi le dimensioni di quest’ultimo non sono proprio il massimo per scattare durante i festival e le conferenze.  

I video possono essere ripresi a 240fps con una risoluzione di 1080p, non certo ai 960fps a cui ci hanno abituato alcuni smartphone (e che sinceramente pensavamo che anche iPad Pro 11 potesse raggiungere). Per questo motivo se state cercando un dispositivo ottimo per le riprese slow-motion, cercate altrove. 

Modificare le immagini, soprattutto con la Apple Pencil, se ve la siete procurata, è una bella esperienza e grazie ad app come Lightroom disponibili gratuitamente (nella versione base) l’iPad Pro potrebbe bastare per tutte le vostre necessità fotografiche. A meno naturalmente che non pretendiate gli scatti di massima qualità che riescono a realizzare i migliori  smartphone in commercio.

La fotocamera anteriore da 7MP integra ora la tecnologia TrueTone, grazie a cui potrete scattarvi dei selfie con lo sfondo sfocato. È fantastico riuscire a riprendere un volto su di uno schermo così grande, e poter gestire anche la messa a fuoco alle spalle è decisamente un plus. 

Le impostazioni della fotocamera di iPad Pro 11 sono più che sufficienti per chi vuole fotografare con un tablet, anche se poi per avere i migliori risultati occorrerà una vera fotocamera. 

Autonomia

Non è mai semplice determinare l’autonomia di un tablet, anche perché è spesso molto buona. Nel caso di iPad Pro 11, Apple dichiara un’intera giornata di autonomia ma noi saremmo pronti a scommettere che è ancora maggiore di così.

Nei nostri test iPad Pro 11 ha superato le 24 ore continuando a funzionare senza problemi il giorno successivo nonostante lo avessimo usato in maniera intensiva. 

Non è prevista la ricarica wireless e per alcuni questo è un problema. Noi sinceramente non ne vediamo la necessità anche se ci piacerebbe comunque avere a disposizione un supporto che funzionasse come stazione da ricarica.

In definitiva le 10 ore dichiarate da Apple come autonomia per il suo iPad Pro 11 ci sembrano poche. Arriverete sempre alla fine della giornata a meno di non eseguire sempre operazioni di elaborazione complessa, per le quali comunque iPad non dovrebbe essere il dispositivo primario.