Skip to main content

Xiaomi Redmi 9 con chip MediaTek in arrivo a inizio 2020

(Image credit: Xiaomi)

La popolare serie Redmi di Xiaomi subirà a breve un aggiornamento. Chiamato Redmi 9, il successore del Redmi 8 sarà equipaggiato con un nuovo chipset MediaTek e sarà disponibile sul mercato all’inizio del prossimo anno.

La serie Redmi è diventata famosa per aver portato al pubblico delle specifiche e delle caratteristiche davvero rare per questa fascia di prezzo. Il Redmi 8, uscito in India lo scorso ottobre, si è rivelato un grande successo con un prezzo di partenza di sole 7.999 rupie, pari a circa €100. Le prime indiscrezioni sulle specifiche del suo successore sono già venute fuori, segno che la sua uscita avverrà a breve. 

Un importante crocevia per MediaTek

Secondo il sito 91mobiles il Redmi 9 arriverà sul mercato agli inizi del prossimo anno, prima in Cina e poi nel resto del mondo per poi sbarcare in Italia a metà del 2020. Le indiscrezioni sostengono che il chipset MediaTek G70 sarà il cuore pulsante dello smartphone. È la prima volta che sentiamo parlare di questo chipset e il nome sembra suggerire  che apparterrà alla famiglia gaming di MediaTek e si posizionerà al di sotto della gamma G90, uscita agli inizi di quest'anno.

Se queste voci saranno confermate, MediaTek avrà segnato un punto a proprio favore. Avendo optato per questo chip anche per il Redmi Note 8 Pro, la decisione di Xiaomi di affidarsi ancora una volta a MediaTek per una delle proprie serie più vendute, la dice lunga su quanto l’azienda sia cresciuta negli ultimi tempi.

Secondo quanto trapelato, il Redmi 9 avrà uno schermo da 6,6 pollici con notch frontale. Fino ad oggi, la serie Redmi si è sempre fermata ad una risoluzione HD+ e probabilmente le cose non cambieranno. Almeno una delle varianti avrà 4 GB di RAM e uno storage da 64 GB, anche se è facile aspettarsi versioni meno performanti e più economiche. Il Redmi 8 era dotato di uno Snapdragon 439 con una batteria da 5000mAh tale da garantire una grande autonomia. Quindi anche per il suo successore sembra certo che avremo una batteria molto capiente.