Skip to main content

WhatsApp nel 2020: dark mode, acquisti in-app, pubblicità e altre novità

WhatsApp
(Image credit: Shutterstock)

Quello appena trascorso è stato un anno intenso per WhatsApp; finalmente è arrivata la tanto attesa funzione di avviso di chiamata, che permette la visualizzazione di un messaggio di notifica nel caso qualcuno stia cercando di contattarci e la nostra linea risulti occupata, mentre lo sblocco tramite impronte digitali ci ha fornito un'alternativa più sicura alle password.

Diversi ostacoli hanno minato il cammino di WhatsApp nel corso dell’anno, tra cui un bug che permetteva ad un singolo messaggio dannoso di cancellare intere chat di gruppo e una vulnerabilità che esponeva il nostro dispositivo al rischio di essere controllato in remoto da terzi per mezzo di un file MP4.

Nonostante le indiscrezioni di inizio 2019, la fusione tra Facebook, WhatsApp e Instagram in un’unica grande app social non è avvenuta. Tuttavia, Facebook si è battuta in tribunale per far comparire il proprio logo (sebbene leggermente occultato) sulla schermata iniziale di WhatsApp, mentre molte altre novità ci attendono dietro l’angolo, considerando che le tre società non sono mai state tanto legate quanto lo sono oggi.

Ci aspettano grandi novità da WhatsApp per tutto il 2020, quindi ecco la nostra guida con tutte le anticipazioni per il prossimo anno. 

WhatsApp splash credit

(Image credit: WhatsApp Inc)

Dark mode

Nel 2020, dovremmo finalmente assistere al lancio ufficiale della modalità notte di WhatsApp. È sorprendente notare che l’app di messaggistica abbia impiegato così tanto tempo per sviluppare questa nuova caratteristica, che ora, a giudicare dalle risorse nascoste nei file di installazione in versione beta, sembra essere pronta per i primi test pubblici. 

Infatti, le future versioni dell’app potrebbero essere dotate di una modalità notte comprendente due varianti, tra cui un’opzione speciale progettata esclusivamente per il risparmio energetico su schermi AMOLED.

Sembra inoltre che la dark mode possa essere attivata manualmente, oppure in modo automatico qualora le impostazioni di risparmio energetico siano abilitate sul dispositivo. 

Eliminazione automatica dei messaggi

Un’altra funzione che attendevamo con ansia è la possibilità di creare messaggi che verranno poi eliminati automaticamente dopo un breve periodo di tempo, migliorando la qualità della nostra privacy. Molte app concorrenti offrono già questo tipo di soluzione e sappiamo che Whatsapp sta lavorando da tempo per implementarla.

In un primo momento, questa funzione avrebbe dovuto soltanto nascondere i messaggi, mentre nella versione finale dovrebbe eliminarli definitivamente. Sulla base delle prove fornite dai file di installazione in versione beta di WhatsApp, sembra che i messaggi possano essere eliminati automaticamente dopo un’ora, un giorno, una settimana, un mese o un anno. 

WhatsApp shopping

(Image credit: Shutterstock)

Acquisti in-app

Un’altra novità riguarda l’introduzione della possibilità di poter fare acquisti direttamente all’interno dell’app di WhatsApp. Nei file di installazione in versione beta è infatti disponibile la dicitura “A breve: pagamenti in-app”, segno evidente che questa nuova modalità potrebbe ben presto essere presente nelle prossime versioni dell’app. Questa novità è stata pensata e sviluppata per rimpiazzare l’attuale servizio di pagamento adito all’acquisto di una licenza d’uso su base annuale e per estendere il catalogo degli elementi extra in vendita (tra cui temi, funzioni speciali ecc), sulla falsariga di altri servizi di messaggistica. 

Pubblicità

Sì, alla fine stanno arrivando. Al summit sul marketing di Facebook tenuto nei Paesi Bassi, l’azienda ha svelato al pubblico alcune slide che hanno mostrato come Whatsapp abbia intenzione di introdurre annunci pubblicitari nella propria app. L’idea è quella di far comparire le pubblicità tra gli aggiornamenti di stato dal 2020, con banner a tutto schermo che appariranno tra una schermata e l’altra. 

È possibile che questi annunci si colleghino alla possibilità per le aziende di accettare pagamenti in WhatsApp, con quest’ultimo che potrebbe diventare un vero e proprio store online

Stop al supporto per i vecchi modelli

WhatsApp dovrebbe cessare il supporto ai vecchi modelli di dispositivi iOS e Android a partire dal primo febbraio 2020, anche se questa data potrebbe subire degli slittamenti.

Come spiegato nella pagina FAQ dell’app, i dispositivi con sistemi operativi precedenti a Android 2.3.7 o iOS 8 non potranno più accedere a WhatsApp dopo la suddetta data. In sostanza, coloro che possiedono un iPhone 4 o precedente oppure un dispositivo Android antecedente il 2011 (come Google Nexus One o l’originale Samsung Galaxy S) non saranno più in grado di installare WhatsApp da App Store o Google Play

Ricerca inversa delle immagini 

Secondo WABetaInfo, sito specializzato in indiscrezioni riguardanti app in uscita e relative anticipazioni di nuove funzionalità, WhatsApp potrebbe introdurre nel 2020 uno strumento di ricerca inversa delle immagini, che fornirà la fonte originaria per ciascuna immagine presente nelle varie chat.

È probabile che questa novità abbia lo scopo di arginare il fenomeno della diffusione di notizie false attraverso l’app, allo stesso modo del messaggio di avvertimento (visibile soltanto dagli utenti WhatsApp in India) che segnala se un determinato messaggio sia stato inoltrato per più di cinque volte, non verificando tuttavia se questo contenga notizie vere o false.