Skip to main content

Questo browser sconosciuto vale 1 miliardo di dollari

browser web
(Image credit: Shutterstock / makrushka)

Una startup che offre un browser web dedicato alle aziende ha superato la valutazione di un miliardo di dollari, nonostante il progetto sia stato lanciato solo qualche settimana fa.

Island è arrivato in sordina all'inizio di febbraio, ma ha già raggiunto lo stato di "unicorno" (ovvero una startup che supera la valutazione di un miliardo di dollari pur non essendo quotata in Borsa), grazie al round di finanziamento di 115 milioni di dollari (Series B) che ha portato il valore complessivo dell'azienda a 1,3 miliardi di dollari statunitensi. Nonostante il prodotto fosse già in sviluppo nei due anni precedenti al lancio, Island resta una delle startup che hanno raggiunto più rapidamente questo traguardo.

Il round di finanziamento è stato condotto dall'azienda di venture capital Insight Partners, che in passato aveva investito in realtà come Shopify, Qualtrics e DocuSign, tutte aziende con una capitalizzazione di mercato multimiliardaria. Fra gli altri investitori spiccano Sequoia Capital, Stripes e Cyberstarts.

Browser Island

La differenza principale fra il browser Island e altri come Google Chrome o Microsoft Edge è il maggiore focus sulla sicurezza informatica. Secondo Island, i browser standard non sono adatti all'uso in contesti aziendali, nonostante la loro presenza massiccia nel mondo professionale.

"I browser sono l'app più ampiamente implementata nel mondo enterprise, tuttavia si tratta di prodotti di fascia consumer", ha dichiarato il CEO di Island Mike Fey a Mike Fey told TechCrunch, quando l'azienda è uscita dalla fase "stealth".

"I clienti desiderano libertà illimitata, vogliono poter installare ciò che desiderano, andare ovunque e fare qualsiasi cosa con il proprio browser senza problemi. In ambito aziendale, tuttavia, occorre assicurarsi che i dati dei clienti restino al sicuro, che le informazioni cruciali vengano protette e che l'esperienza complessiva sia positiva".

Sebbene il servizio di Island si basi sullo stesso motore di Chromium usato da molti browser popolari, e dunque presenti un'interfaccia familiare, il browser pone diverse limitazioni nel modo in cui gli utenti finali possono interfacciarsi con il web.

Ad esempio, il browser Island offre ai team di sicurezza il controllo su funzioni semplici come le operazioni di copia-incolla, l'acquisizione dello schermo e il download di contenuti. Inoltre, limita il tipo di estensioni installabili e i domini che possono essere raggiunti.

Inoltre, il servizio offre agli amministratori IT l'accesso a tool avanzati per la protezione delle applicazioni SaaS e la prevenzione della perdita di dati, nonché a informazioni complete su tutte le implementazioni del browser. In questo modo, è possibile risalire velocemente alla fonte di eventuali problemi.

"Island ha creato un nuovo modo di pensare alle attività aziendali. Trasformando l'ambiente lavorativo affinché sia sicuro fin dalle fondamenta, il browser aziendale Island consente alle organizzazioni di raggiungere nuovi livelli di sicurezza, produttività ed efficienza in ambito informatico", aggiunge Fey.

"I nuovi investimenti da Insight Partners e l'aumento di quelli forniti dai partner finanziari d'origine convalidano la possibilità di introdurre il nostro prodotto sul mercato, accelerano la nostra crescita ed evidenziano le importanti opportunità che abbiamo davanti a noi".

  • I migliori dispositivi NAS del 2022
Marco Doria
Marco Doria

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.