Skip to main content

Pirateria, i produttori cinematografici denunciano per la prima volta una VPN

pixabay
(Image credit: Pixabay)

Un gruppo di produttori cinematografici ha avviato una causa legale contro i proprietari di una VPN, sostenendo che il servizio incoraggi gli utenti a piratare i film.

Secondo le notizie in circolazione, i produttori di film come Hunter Killer e Automata hanno portato in tribunale i proprietari precedenti e attuali di LiquidVPN, accusandoli di utilizzare il servizio per promuovere e agevolare la pirateria.

Sebbene i bersagli delle cause contro la pirateria siano di solito i servizi di file hosting e condivisione, questa è la prima volta in cui i produttori cinematografici si rivalgono nei confronti di una VPN. 

L'inizio di un'era?

Le cause vedono impegnate Voltage Pictures e Millennium Funding, che hanno già intrapreso azioni legali simili contro vari soggetti coinvolti nella pirateria, fra cui app come Popcorn Time e Showbox, nonché siti come YTS. 

Sembra che il gruppo abbia preso di mira un singolo individuo, David Cox e la sua azienda di hosting, SMR Hosting, che avrebbe gestito LiquidVPN fino all'inizio del 2019. Inoltre, è stata intentata un'altra causa nei confronti degli attuali proprietari del servizio, l'azienda portoricana 1701 Management e l'unico azionista Charles Muszynsky.

Secondo la documentazione del tribunale, i produttori cinematografici sostengono che gli imputati abbiano dichiarato che il servizio LiquidVPN sia utilizzabile per guardare Popcorn Time senza essere rilevati dall'ISP e dal software per il tracking P2P.

La querela indica altri riferimenti al fatto che il servizio promuova attività in violazione del copyright. La parte lesa si è appellata alla corte affinché si concentri su questo aspetto del servizio e non tanto sul fatto che LiquidVPN in sé non ospiti materiali coperti da diritto d'autore.

Oltre ai danni economici, i produttori vogliono che LiquidVPN impedisca agli utenti di accedere ai siti web che promuovono la pirateria e che blocchi le porte 6881-6889, che sembrano essere usate molto spesso per il traffico di torrent.

Fonte: Techspot

Mayank Sharma

With almost two decades of writing and reporting on Linux, Mayank Sharma would like everyone to think he’s TechRadar Pro’s expert on the topic. Of course, he’s just as interested in other computing topics, particularly cybersecurity, cloud, containers, and coding.