Skip to main content

iPhone 11, le vendita in Cina calano di un terzo

(Image credit: Apple)

Le spedizioni di iPhone in Cina sono diminuite di un terzo (35%) a novembre e l’azienda fa fatica a imporsi nel mercato del dragone. La Cina ha contribuito molto alle entrate del colosso di Cupertino negli ultimi anni grazie alla domanda di iPhone, che ha compensato i risultati non entusiasmanti in altre parti del mondo. Tuttavia, la forte concorrenza di venditori locali come Huawei, unita a un rallentamento economico, ha visto diminuire i ricavi di Apple.

I dazi sui prodotti cinesi 

L’uscita dell'iPhone 11 all'inizio dell'anno non è riuscita a generare lo stesso entusiasmo dei modelli precedenti. I dati riportati dal Credit Suisse e basate sui dati del Ministero dell'industria e della tecnologia dell'informazione cinese, rivelano un calo a due cifre negli ultimi due mesi.

I consumatori cinesi sono molto attenti ai prezzi e la fedeltà alla marca è scarsa; gli smartphone dei produttori locali, venduti a prezzi competitivi e ricchi di funzioni, hanno gradualmente sottratto quote di mercato ai melafonini.

Il taglio di prezzo dell'iPhone 11 è stato una conseguenza di questo problema e, a differenza del mercato cinese, ha funzionato in occidente. Man mano che la saturazione del mercato progrediva, Apple ha puntato su servizi come Apple Music e Apple TV+, per aumentare le entrate.

Apple potrebbe subire un duro colpo dalle imposte statunitensi sui beni cinesi. L'iPhone, infatti, è progettato dagli ingegneri californiani ma è assemblato in Cina, il che potrebbe aumentarne i costi.

Il presidente degli U.S.A, Donald Trump, ha introdotto diversi dazi lo scorso settembre, ma Apple non ha subito rincari sui suoi prodotti: iPhone, Mac, Apple Watch e accessori sono stati esclusi. Purtroppo nuove tasse entreranno in vigore questo mese, aumentando potenzialmente il costo di queste merci del 15%.

Via Reuters

Steve McCaskill is TechRadar Pro's resident mobile industry expert, covering all aspects of the UK and global news, from operators to service providers and everything in between. He is a former editor of Silicon UK and journalist with over a decade's experience in the technology industry, writing about technology, in particular, telecoms, mobile and sports tech, sports, video games and media.