Skip to main content

I dieci migliori videogiochi per PC del decennio

(Image credit: Shutterstock)

Mentre il terzo millennio si appresta a spegnere la sua ventesima candelina, è tempo di fare il punto sui migliori titoli per PC usciti negli ultimi dieci anni.

È stata un’era abbastanza singolare per il mondo dei videogame, con molti titoli di qualche anno fa che sono riusciti a restare sulla cresta dell’onda grazie al lancio di espansioni e mod, mantenendo sempre un numero di giocatori elevato. È stato un decennio caratterizzato da giochi dalla grande longevità, dal dominio degli RPG (giochi di ruolo) e dalla predilezione per le ambientazioni medievali.

Quelli appena trascorsi sono stati anni di gloria per il PC gaming, dunque abbiamo redatto una classifica dei migliori videogiochi per PC usciti dal 2010 ad oggi.

(Image credit: Microsoft)

10. Minecraft

Scavare una buca o estrarre un cubo di minerale è diventato ormai un gioco da ragazzi per i milioni di giocatori che Minecraft ha conquistato. Si tratta di una sorta di Lego in versione digitale che permette agli utenti di dar sfogo a tutta la propria creatività all’interno di un mondo in formato voxel (pixel tridimensionali).

Inavvertitamente, Minecraft ha aperto la strada alla diffusione del genere survival; sarebbe stato difficile assistere alla pubblicazione di giochi come Rust o DayZ (e, in seguito, PUBG e Fortnite) senza l’esistenza della modalità di sopravvivenza (estremamente impegnativa) di Minecraft, nella quale bisogna mangiare, costruire e respingere degli insopportabili mostri.

(Image credit: 2K Games)

9. Sid Meier’s Civilization V

È impressionante pensare che il più “anziano” dei due capitoli di Civilization sia uscito quasi dieci anni fa e, al momento della stesura di questo articolo, sia ancora nella top 25 dei titoli più giocati su Steam.

Questa longevità può essere attribuita all’incredibile ventaglio di scenari che possono presentarsi al giocatore e alla cura minuziosa dei dettagli in tema di religione, diplomazia politica e strategia di guerra.

Per far fronte alla bizzarra intelligenza artificiale della versione base del gioco, la community ha introdotto Vox Populi, una mod di espansione che reintroduce tantissimi meccanismi dei Civilization del passato risolvendo diversi bug e permettendo a questo quinto capitolo di offrire la migliore esperienza di gioco dell’intera serie.

(Image credit: Paradox Interactive)

8. Crusader Kings 2

Tradimento, avidità, falsità e spietatezza sono solo alcune delle qualità che dovrete sfoggiare in Crusader Kings 2. Si tratta di un gioco in cui la penna può far più male della spada, così come un calice avvelenato ad una festa o una bugia sul vostro figlio illegittimo faranno pendere l’ago della bilancia in una direzione piuttosto che in un’altra.

Questo gioco di strategia ambientato nel Medioevo vi metterà al comando di una nobile dinastia, nei panni del duca di una piccola contea inglese o del califfo di un regno mediorientale. Con l’avanzare degli eventi, dovrete preoccuparvi di tramandare la vostra linea di sangue di generazione in generazione, affrontare epidemie e crociate, fronteggiare molteplici imprevisti che sono sempre dietro l’angolo.

La vastissima gamma di scenari possibili rende Crusader Kings 2 uno dei migliori giochi strategici in tempo reale di sempre e sarà interessante vedere se il sequel annunciato di recente si confermerà al top nel prossimo decennio, proprio come il suo predecessore.

(Image credit: Psyonix, Panic Button Games)

7. Rocket League

Di sicuro, se vi parlassimo di unire il calcio a delle macchine dotate di motore a razzo che non risentono della forza di gravità, ci considerereste soltanto dei folli, soprattutto se non avete una passione per lo sport in generale. È però proprio da questa unione che ha avuto origine lo straordinario successo del fenomeno Rocket League, lanciato nel 2015.

Rocket League è completamente basato sulla fisica, è caratterizzato da dinamiche di gioco uniche nel suo genere e porta il tasso competitivo ad alti livelli.

Che stiate sfidando i vostri amici in un’avvincente sfida 2 contro 2 oppure mettendo alla prova le vostre abilità di tiro a canestro in modalità Hoops, Rocket League vi garantirà sempre un grado di divertimento elevato, rivelandosi la vera sorpresa dello scorso decennio.

(Image credit: Bethesda)

6. The Elder Scrolls V: Skyrim

L’approdo di Skyrim su tutte le maggiori console, a partire dal momento dell’uscita nel 2011, rende questo gioco immortale. In molti sostengono, tuttavia, che questo maestoso RPG, dotato di uno degli open world più vasti in assoluto, tragga il massimo delle proprie potenzialità su PC.

Il titolo è ormai un vero classico. Avrete l’opportunità di divenire un eroe o un coraggioso avventuriero (perlomeno finché non sarete trafitti da una freccia in un ginocchio) e, per di più, la community di modding è sempre molto attiva.

Dunque, Skyrim si aggiorna di giorno in giorno grazie alle mod rilasciate, portando al pubblico un prodotto sempre fresco e in continuo ringiovanimento, nonostante il lancio avvenuto nel lontano 2011.

(Image credit: Larian Studios)

5. Divinity: Original Sin 2

Il sito americano Kickstarter è stata una manna dal cielo per diversi sviluppatori, e Larian Studios è uno di questi. Mentre i capitoli precedenti hanno sempre incontrato problemi relativi al budget, grazie ai finanziamenti provenienti da Kickstarter, il team ha potuto sviluppare i due giochi della serie di Divinity, che rientrano nell’albo dei migliori RPG in assoluto.

Original Sin 2 si basa sul precedente primo capitolo, ma presenta un rinnovato sistema di combattimento, un aumento dell’impatto delle scelte del giocatore sull’avanzare della storia e degli enigmi ben articolati. Il comparto multiplayer è probabilmente il migliore mai visto in un gioco RPG.

(Image credit: Arkane Studios)

4. Dishonored 2

Ai piedi del podio troviamo uno dei titoli più incompresi del decennio, in quanto le vendite non si sono rivelate esaltanti. Sviluppato dal team di Arkane Studios, Dishonored 2 entra a far parte dell’aristocrazia dei migliori giochi degli ultimi dieci anni. Il titolo prende spunto dalle dinamiche presenti nei vecchi capitoli della serie Thief e permette ai giocatori di vestire i panni di un assassino dai poteri soprannaturali che si trova in un mondo steampunk realizzato alla perfezione.

Vi troverete immersi nei paesaggi soleggiati di Karnaca e vestirete i panni di un assassino di nome Corvo o dell’imperatrice deposta Emily Kaldwin per cercare di riportare quest’ultima sul trono. Grazie alla varietà di livelli e alle abilità da assassino, che danno vita a spettacolari combo utili a smembrare i vostri nemici, Dishonored 2 si rivela molto piacevole da giocare e tecnicamente impeccabile.

(Image credit: Valve)

3. Portal 2

Quando l’azienda statunitense Valve ha lanciato il primo capitolo di Portal come corredo alla Orange Box del ben più famoso Half-Life, nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla bontà di questo titolo. Ben presto però è venuta fuori la genialità di questo gioco, ricco di rompicapi e in grado di lasciarci in eredità, una volta completato, la spasmodica attesa dell’uscita di un secondo capitolo.

Quando quel giorno è finalmente arrivato, non siamo rimasti di certo delusi. Portal 2 è un puzzle game in prima persona in cui il protagonista utilizza una delle armi più grandi della storia dei videogame, la portal gun, per avanzare attraverso una serie di ostacoli sempre più difficili. La trama è scritta brillantemente e, inoltre, l’attore britannico Stephen Merchant presta la propria voce alla megalomane intelligenza artificiale che cerca di distruggere il nostro piccolo robot, protagonista del gioco.

Si tratta di una delle migliori esperienze narrative che prevedono la totale assenza di personaggi umani, mai realizzate.

(Image credit: FromSoftware Games)

2. Dark Souls

Se consideriamo l’influenza avuta su altri titoli e la nascita di un vero e proprio genere ad hoc (quello dei cosiddetti giochi Soulslike), allora Dark Souls risulta essere il titolo più influente dell’ultimo decennio.

Ci troveremo a essere catapultati in un mondo ostile, in cui la morte si anniderà in ogni angolo, attraverseremo un regno ingegnosamente ricco di sentieri e scorciatoie e vivremo una storia caratterizzata da personaggi misteriosi e luoghi oscuri come rovine, grotte e villaggi.

Quelli appena elencati sono i tratti distintivi di un videogioco Soulslike, benché a nove anni dall’uscita del primo capitolo, si può affermare che nessuno di questi (e neanche alcuni sequel ufficiali) siano riusciti ad eguagliare il primo Dark Souls. Coloro i quali hanno perseverato nel cercare di superare lo stato di suspense e misticismo che l’oscurità iniziale trasmette ai giocatori, sono stati ripagati con un'esperienza di gioco semplicemente formidabile.

(Image credit: CD Projekt Red)

1. The Witcher 3: Wild Hunt

C’è una nota confortante nel fatto che il miglior RPG, nonché il miglior videogioco del decennio appena trascorso, non consista in un grande viaggio figlio della fantasia dello sviluppatore famoso di turno ma sia stato lanciato da un team di sviluppo polacco, traendo ispirazione dal folklore delle semisconosciute favole dell’Europa orientale.

The Witcher 3: Wild Hunt rappresenta un trionfo su più fronti. Vi lascerete trasportare dagli eventi infiniti e indimenticabili, partendo dalle faide presenti tra gli abitanti di un villaggio per arrivare alle lotte contro i mostri nelle foreste circostanti, passando per il sobrio, compassionevole e diffamato protagonista Geralt di Rivia, che è alla ricerca della sua protetta Ciri, considerata come una figlia.

Si tratta di uno degli open world più grandi, dettagliati e profondi mai creati, una vera e propria apoteosi del gaming, a testimonianza dei giganteschi passi in avanti fatti nel corso degli ultimi nove anni.