Skip to main content

Google sta eliminando gradualmente i cookie di terze parti da Chrome

Google Chrome
(Image credit: Shutterstock)

Google non è un'azienda che viene comunemente associata alla privacy, ma ha annunciato varie strategie per contribuire a migliorare la privacy degli utenti che utilizzano il browser Chrome. L'obiettivo è rendere obsoleti i cookie di terze parti tramite una nuova serie di standard.

I cookie di tracciamento sono comunemente utilizzati dagli inserzionisti per raccogliere informazioni sulle persone in modo da contribuire a pubblicare annunci più mirati, ma le informazioni raccolte possono metterne a rischio la privacy. In Safari, Apple ha scelto semplicemente di bloccare i cookie di terze parti; dalla sua Google afferma che ciò possa incoraggiare gli inserzionisti e altre società a utilizzare metodi di tracciamento più sovversivi.

Justin Schuh, direttore di Chrome Engineering, spiega: "Stiamo sviluppando tecniche e soluzioni alternative per rilevare e mitigare il monitoraggio nascosto lanciando nuove misure anti-fingerprinting per scoraggiare questo tipo di tecniche ingannevoli e intrusive, e speriamo di lanciare queste misure alla fine di quest'anno."

Google non avrà un approccio drastico e risolutivo in tutto questo; guadagna molti soldi dalla pubblicità e deve rendere felici gli inserzionisti. Nello sviluppo di nuovi standard e di un nuovo ecosistema web, la società afferma che lavorerà con editori, sviluppatori e inserzionisti per aiutare a costruire insieme "un web più affidabile e sostenibile".

Privacy Sandbox

Sono passati quasi sei mesi da quando Google ha annunciato Privacy Sandbox, un movimento nato per creare un nuovo standard aperto che consentirebbe pubblicità mirate senza inutili invasioni della privacy. Ora, nel corso dei prossimi due anni, la società prevede di eliminare gradualmente il supporto per i cookie di terze parti presente in Chrome.

Allo stesso tempo, Google adotterà anche misure per limitare alcuni tracciamenti tra siti che potrebbero essere utilizzati dagli inserzionisti e da altri per creare profili utente dettagliati. La società afferma inoltre che sta lavorando per trovare vari modi mirati a prevenire l'inosservanza di queste misure di miglioramento della privacy.

Via Reuters