Google promette un chatbot più "maturo" di ChatGPT

A laptop screen showing DeepMind's Sparrow chatbot
(Immagine:: DeepMind)

DeepMind, società controllata da Google, ha dichiarato che presto potrebbe lanciare un rivale di ChatGPT che il suo promette di essere un tipo di assistente AI più sicuro.

DeepMind è fra le prime aziende impegnate nella ricerca sull'intelligenza artificiale negli ultimi dieci anni ed è stata acquisita da Google nove anni fa. Tuttavia, dato che ChatGPT ha conquistato le prime pagine dei giornali, l'amministratore delegato di DeepMind Demis Hassabis ha dichiarato al Time (Si apre in una nuova scheda) che sta considerando di rilasciare il proprio chatbot, chiamato Sparrow, per una "beta privata" nel 2023.

Sparrow è stato presentato al mondo l'anno scorso come proof-of-concept in un documento di ricerca che lo descriveva come un "agente di dialogo utile e che riduce il rischio di risposte non sicure e inappropriate". 

Nonostante alcune perplessità sui potenziali pericoli dei chatbot, che secondo DeepMind includono "informazioni imprecise o inventate", sembra che Sparrow sia vicino a una prima versione beta. Dato lo stretto rapporto di DeepMind con Google, potrebbe effettivamente diventare la risposta del colosso tecnologico a ChatGPT.

Il leggero ritardo nel lancio di Sparrow è dovuto, secondo Demis Hassabis, alla volontà di DeepMind di assicurarsi che abbia caratteristiche importanti che mancano a ChatGPT, in particolare la citazione di fonti specifiche. Come ha dichiarato Hassabis al Time, "è giusto essere cauti su questo fronte".

Dal documento di ricerca di DeepMind, sembra anche che Sparrow sarà inizialmente più limitato e conservativo di ChatGPT. Quest'ultimo è diventato virale per la sua impressionante capacità di aiutare tutti, dai coder agli aspiranti poeti, ma ha anche suscitato allarme per la sua capacità di commenti discriminatori e di scrivere malware.

DeepMind ha parlato delle regole di limitazione del comportamento su cui si basa Sparrow, insieme alla sua volontà di rifiutare di rispondere alle domande in "contesti in cui è appropriato rimandare agli esseri umani". Nei primi test, Sparrow ha apparentemente fornito una risposta plausibile e, cosa fondamentale, l'ha supportata con prove nel "78% dei casi quando è stata posta una domanda concreta".

Ma le sue vere capacità saranno più chiare quando la beta pubblica sarà lanciata nel corso dell'anno. Siamo molto curiosi di vedere come si dipanerà il primo dibattito sui chatbot AI tra Sparrow, affiliato a Google, e ChatGPT, sempre più affezionato a Microsoft.

Analisi: i chatbot AI sono ancora immaturi

A phone screen showing DeepMind's Sparrow chatbot

Negli esempi come questo, Sparrow cita le fonti a sostegno delle proprie risposte. (Image credit: DeepMind)

Chiunque abbia usato ChatGPT saprà che è in grado di imitare piuttosto bene l'intelligenza su una serie di argomenti. Ma se questo è sicuramente un aspetto interessante, i chatbot AI hanno bisogno anche di intelligenza morale e della capacità di citare le fonti, ed è qui che DeepMind dice che il suo "agente di dialogo" Sparrow è più forte.

Per passare al livello successivo saranno necessari molti stimoli esterni, ed è per questo che la beta pubblica di Sparrow è imminente. DeepMind afferma che lo sviluppo di regole migliori per il suo assistente AI "richiederà sia il contributo di esperti su molti argomenti (tra cui politici, scienziati sociali ed etici) sia il contributo partecipativo di una vasta gamma di utenti e gruppi interessati". 

Sam Altman, CEO di OpenAI (che ha creato ChatGPT), ha parlato in modo analogo delle difficoltà nell'aprire i chatbot AI senza causare danni collaterali. Su Twitter ha ammesso che "nel tempo ci saranno problemi significativi con l'uso della tecnologia OpenAI; faremo del nostro meglio ma non riusciremo ad anticipare ogni problema".

In altre parole, gli sviluppatori di ChatGPT e di Sparrow di DeepMind sono come genitori con bambini curiosi, il che comporta divertimento e pericolo in egual misura, soprattutto quando la loro maestra d'asilo è di fatto l'intera rete Internet.

ChatGPT è già in piena attività e si sta dirigendo verso un futuro monetizzato con ChatGPT Professional, un imminente livello a pagamento. Ma Sparrow di DeepMind sembra essere il personaggio più mite di cui i chatbot AI hanno bisogno mentre corrono verso i modelli di prossima generazione, come il vociferato ChatGPT-4.

Marco Doria
Senior editor

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.

Con il supporto di