Skip to main content

Firefox è un browser fantastico, ma allora perché sta perdendo utenti?

Logo Firefox su uno sfondo colorato
(Image credit: Mozilla)

Firefox ha perso circa 46 milioni di utenti, nel corso degli ultimi tre anni. Lo ha notato l'utente di Reddit  nixcraft, che è andato a guardarsi un report pubblico di Mozilla.  PC Gamer aggiunge che Firefox conta ancora su circa 198 milioni di utenti attivi ogni mese, ma nel 2018 erano circa 244 milioni. 

Stiamo parlando di un browser che nel 2008 raccoglieva circa il 30% di tutti gli utenti di Internet, con Internet Explorer al 60%.  Oggi il browser di Mozilla raccoglie circa il 3% degli utenti, invece. Eppure è al primo posto nella nostra lista dei migliori browser

Ma se è migliore di tutti i concorrenti, allora perché le persone non lo usano?

La forza bruta di Google

Ci sono diverse ragioni per cui Firefox continua a perdere terreno, pur essendo tecnicamente il miglior browser disponibile. Tanto per cominciare, ci sono tantissimi siti web che sono ottimizzati per Google Chrome, e questo significa in genere che si caricano più velocemente. Chrome inoltre è meglio integrato con alcuni strumenti oggi molto popolari come Google Meet, Google Docs, Google Sheets e altri. 

Molte aziende infatti hanno scelto di affidarsi a Google Workspace, l'insieme di strumenti lavorativi che prima si chiamava G Suite. Un prodotto scelto da milioni di persone in tutto il mondo, e che funziona meglio con Google Chrome. 

Firefox, da parte sua, offre una vasta libreria di estensioni, e più strumenti (e migliori) per la protezione della privacy. Ma in linea generale come browser è un po' più lento di quelli basati su Chromium.

Il dettaglio forse più importante di tutti è che Chrome è il browser di default sugli smartphone Android. E, come sanno gli esperti di usabilità, l'impostazione predefinita vince sempre. Sempre. E poi c'è il fatto che se usato i servizi di Google su altro browser, come Edge o Safari, avrete sempre davanti un "suggerimento" che vi invita a scaricare e usare Chrome. E prima o poi si finisce per cedere, non fosse altro per stanchezza. 

Il comportamento di Google si potrebbe etichettare come anticompetitivo, ma finora il colosso californiano ha evitato quasi tutte le cause antitrust. 

Nonostante le difficoltà, comunque, non crediamo che Firefox sia destinato a sparire presto. Continuiamo infatti a suggerire di scaricarlo e installarlo sui vostri dispositivi, almeno come browser secondario. E se siete quel tipo di persona che vuole combattere contro l'eccessivo potere delle multinazionali, allora dovreste usare Firefox invece di Chrome, senza se e senza ma.

Mozilla deve impegnarsi per migliorare le prestazioni e pareggiare quelle dei browser Chromium, ma Firefox ha già molto da offrire, con la protezione della privacy e le estensioni. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.