Skip to main content

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili: quale scegliere?

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili
Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili (Image credit: Shutterstock)

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili: quale scegliere? Possiamo aiutarvi a decidere.

Vi siete mai chiesti se sono migliori gli aspirapolvere a traino, dotati di tubo di aspirazione e rotelle, rispetto a quelli verticali, conosciuti anche come aspirapolvere senza fili?

In effetti c'è una vasta scelta di aspirapolvere di varie tipologie, ognuna delle quali presenta alcune caratteristiche peculiari che è necessario approfondire per scoprire qual è la migliore per ogni esigenza di aspirazione. Dato che l’argomento è molto vasto, cercheremo di riassumerlo analizzando in particolar modo quali sono i punti di forza per ciascuna tipologia e valutando qualche alternativa intelligente.

Gli aspirapolvere a traino e quelli senza fili sono i tipi più tradizionali di aspirapolvere, ma negli ultimi anni abbiamo visto arrivare sul mercato anche aspirapolvere senza fili e robot aspirapolvere. Questo non significa che gli aspirapolvere classici siano diventati obsoleti, ma oggi si riescono a coprire diverse necessità in maniera più specifica di quanto fosse possibile precedentemente.

Aspirapolvere a traino vs scopa elettrica

(Image credit: Getty)

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili: gli aspirapolvere a traino

Gli aspirapolvere a traino sono costituiti da un'unità dotata di motore, dalla quale parte un tubo morbido con collegato all’estremità un tubo rigido, che funge da impugnatura. Il tubo rigido può essere dotato di accessori differenti a seconda dell’uso che se ne deve fare, in particolar modo al tipo di superficie da aspirare.

L’unità motore, che comprende anche il serbatoio, è dotata di rotelle, in modo che possa essere trainata semplicemente tirando il tubo morbido; da qui prende il nome di aspirapolvere a traino. Questo tipo di aspirapolvere è probabilmente il più usato nel nostro paese, ma con l’arrivo del nuovo millennio c’è stata una piccola rivoluzione con il passaggio dai modelli dotati di sacchetto di carta intercambiabile a quelli ciclonici bagless, senza sacchetto.

I modelli più tradizionali utilizzano dei sacchetti di carta per raccogliere la polvere e la sporcizia, una volta che il sacchetto si è riempito è necessario sostituirlo svuotarlo e, dopo alcuni utilizzi, sostituirlo con uno nuovo. Per chi aspira molto, questo comporta notevoli costi aggiuntivi perchè i sacchetti vanno cambiati spesso e ciò fa lievitare i costi. Questo tipo di aspirapolvere viene venduto ancora oggi, anche se molto meno di quanto lo fosse in precedenza. Dato che ogni modello utilizza un particolare set di sacchetti, è necessario acquistare per ciascun modello l’apposito set, perchè l’imbocco e l’aggancio del sacchetto possono differire tra loro.

La nuova generazione di aspirapolvere utilizza un sistema di aspirazione più moderno, definito ciclonico, che sfrutta la forza centrifuga per imprigionare polvere e sporcizia dentro un apposito contenitore. Una volta che il contenitore è pieno, è sufficiente svuotarlo per ripristinare la funzionalità dell’apparecchio senza dover cambiare il sacchetto di carta, che in questi modelli non è presente. Questa tipologia di aspirapolvere è quasi sempre dotata di filtri HEPA (high-efficiency particolate air), che permettono di aspirare quasi il 100% delle particelle di polvere presenti nell’ambiente, caratteristica che la rende particolarmente efficace per chi soffre di allergie.

Pro:

  • Leggero
  • Potente
  • Non danneggia il pavimento

Ci sono diversi vantaggi nella scelta di un aspirapolvere a traino. Innanzitutto è generalmente più pratico da usare, perchè si impugna solo il tubo di aspirazione rigido. L’aspirapolvere seguirà fedelmente grazie alla presenza delle ruotine sottoscocca. Inoltre il cavo di alimentazione viene raccolto in modo semplice e veloce tramite un meccanismo a molla attivabile da un pulsante all'interno del guscio. Gli aspirapolvere a traino sono anche più potenti dato che, avendo più spazio all’interno del guscio, possono montare un motore più grande e performante. In aggiunta c’è la possibilità di attivare o disattivare la spazzola per pavimenti a seconda del tipo di superficie che si desidera pulire, e ciò aiuta a prevenire i graffi sul pavimento.

Contro:

  • Occupa molto spazio una volta riposto
  • Lo svuotamento del sacchetto (dove presente) è laborioso
  • Il tubo può graffiare le pareti

Lo svantaggio di avere un aspirapolvere a traino è che in generale sono abbastanza ingombranti rispetto agli aspirapolveri verticali, in particolar modo per la difficoltà nel riporre il tubo di aspirazione, che richiede uno spazio notevole.

Quando il sacchetto della polvere è pieno può essere piuttosto complicato cercare di svuotarlo. Alcuni aspirapolveri sono dotati di sacchetti per la polvere lavabili che è possibile riutilizzare più volte, ma come già detto, dopo pochi utilizzi è necessario sostituirli.

Ciò non si applica per i modelli ciclonici, anche se smontare il contenitore composto da diversi pezzi non è sempre facile e non è una brutta idea quella di usare un piccolo compressore per pulirli in profondità. La mancata pulizia potrebbe compromettere il motore elettrico, causando potenziali guasti e perdita di efficienza.

Trascinare l’aspirapolvere e il relativo tubo mette inoltre a rischio le pareti di casa, che possono diventare oggetto di graffi se non si presta la dovuta attenzione. Un problema che non si pone nell’uso di aspirapolvere verticali.

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili: l'aspirapolvere senza fili

Gli aspirapolvere verticali, o aspirapolvere senza fili, sono un'unità a sviluppo verticale, in un corpo che comprende dal basso verso l’altro, un accessorio di pulizia, un tubo rigido, un contenitore per la polvere, il motore e una maniglia che funge da impugnatura.

Pro:

  • I modelli attuali sono per la maggior parte cordless
  • Pratico da riporre
  • Facile da svuotare

Gli aspirapolvere senza fili sono disponibili con diversi tipi di design e sono prodotti da moltissimi marchi differenti. Nell’ultimo decennio abbiamo visto aumentare a dismisura il numero dei modelli senza fili, o cordless. Questi ultimi permettono di lavorare più agilmente, dato che il cavo elettrico tende sempre ad impigliarsi negli spigoli dei mobili e nelle gambe delle sedie.

Tuttavia è necessario tenere in conto l’autonomia, che dipende in modo diretto dalla potenza di aspirazione e dalla capacità della batteria. Ciò non sarà un problema se vivete in un appartamento, se pulite spesso o se eseguite la pulizia a zone. Diversamente, potrebbe essere necessario effettuare una ricarica intermedia, anche esistono diversi modelli con la batteria sostituibile, il che li rende davvero molto pratici ma anche più costosi, dato che va considerato anche il prezzo di una o più batterie aggiuntive.

Un altro grande vantaggio, che rende gli aspirapolvere senza fili molto adatti per chi vive in appartamento e ha uno spazio limitato, è che sono molto facili da riporre. Queste si sviluppano in verticale e non hanno tubi lunghi (e spesso nemmeno cavi), ed è semplice trovare qualche angolo in cui celarle. La maggior parte degli aspirapolvere verticali ha un contenitore per la polvere all'interno che si sgancia e che può essere svuotato nel bidone della spazzatura senza lasciare polvere ovunque, similmente a come accade per gli aspirapolvere da traino ciclonici, anche se in questo caso il contenitore è più piccolo e pratico, ma è necessario svuotarlo più spesso.

Contro:

  • Pesante da maneggiare, varia a seconda del modello
  • Non eccezionale sulle scale
  • Tendenzialmente rumorosi

Uno dei problemi principali degli aspirapolvere senza fili è che sono piuttosto pesanti perché è necessario spingere l'intera unità avanti e indietro, invece che brandeggiare solamente il tubo, come negli aspirapolvere a traino. Il problema è stato in parte risolto dall’arrivo dei modelli più compatti prodotti negli ultimi anni. ,Se volete farvi un’idea potete consultare la nostra guida dedicata ai migliori aspirapolvere senza fili, dove vengono indicati i modelli migliori sul mercato, incluso il loro peso.

Gli aspirapolvere verticali sono certamente un’ottima scelta per chi ha una casa non troppo grande e soprattutto a un solo piano. Al contrario sono piuttosto scomodi per pulire le scale, pertanto se avete diverse rampe, converrà certamente puntare su un modello a traino. Gli aspirapolvere verticali sono scomodi da brandeggiare ed essendo monolitici, usarli per aspirare molti scalini potrebbe rivelarsi non un'impresa da poco.

Gli aspirapolvere a traino possiedono un guscio che attutisce in parte il rumore del motore, mentre gli aspirapolvere verticali sono generalmente più rumorosi. Anche qui, ci sono importanti differenze tra modello e modello, ed è giusto specificare che non tutti gli aspirapolvere verticali producono la stessa quantità di rumore. Fate sempre riferimento alle schede tecniche verificando il numero di decibel (dB) prodotti dai modelli di vostro interesse, facendo una scelta oculata anche in base a questo parametro.

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili: quale comprare?

Se siete indecisi tra l’acquisto di un aspirapolvere a traino o un aspirapolvere senza fili, potete tenere in considerazione le seguenti indicazioni. Gli aspirapolvere senza fili costringono ad uno sforzo superiore e pertanto sono più difficili da gestire, per contro è anche più semplice girare per casa, avendo dimensioni molto più compatte. Inoltre sono semplici da riporre, alcuni modelli possono anche essere compattati per occupare ancora meno spazio in verticale.

Gli aspirapolvere a traino sono generalmente più pesanti, ma impugnando solamente il tubo lo sforzo necessario per il loro utilizzo risulta inferiore. Questi ultimi sono particolarmente indicati per case che hanno pochi mobili, nelle quali diventa facilissimo aspirare ampie aree in pochissimo tempo. Verificate di scegliere un modello che abbia gli accessori dei quali avete bisogno per le vostre tipologie di pavimento, talvolta l’acquisto di accessori può far lievitare il prezzo anche considerevolmente.

Aspirapolvere a traino vs aspirapolvere senza fili: qualche alternativa.

Infine, potete valutare altri due tipi di aspiratori. Se per voi il tempo è denaro e siete disposti ad investire in un dispositivo aggiuntivo, un robot aspirapolvere potrebbe essere quello che vi serve per aiutarvi a tenere la casa pulita, almeno tra una pulizia manuale e l’altra. Sicuramente non potrà fare tutto il lavoro, ma vi permetterà di tornare la sera dopo una giornata di lavoro e trovare dei pavimenti tutto sommato curati.

Un altro dispositivo che è possibile valutare, in particolar modo se la casa tende a sporcarsi molto, è un bidone aspiratutto. Certamente non lo userete tutti i giorni, ma vi permetterà di rimuovere velocemente quantità di sporco notevoli in poco tempo. La maggior parte di bidoni aspiratutto può anche aspirare liquidi, all’occorrenza, mentre alcuni modelli possono fungere anche da soffiatori, rendendoli il complemento perfetto ad un aspirapolvere tradizionale. In particolar modo se vi capita di dover pulire solai e cantine, un bidone aspiratutto si dimostrerà molto più longevo di un aspirapolvere, che non è adatto ad aspirare quantità notevoli di polvere, soprattutto se si tratta di calcinacci o eventuali residui di lavorazione.

  • Le migliori bilance smart del 2021: come monitorare peso e forma fisica da casa