Skip to main content

Sony WH-CH510 | Recensione

Le Sony WH-CH510 sono cuffie sovraurali wireless che rispettano tutti gli standard

The Sony WH-CH510 on-ear headphones in black on a wooden surface
(Image: © Future)

Verdetto

Le Sony WH-CH510 hanno un audio consistente, elevata autonomia e connettività Bluetooth, offrendo un prodotto eccellente per la fascia di prezzo. Una struttura leggermente fragile potrebbe essere un ostacolo per qualcuno, ma resta un sacrificio accettabile per il costo.

Pros

  • +

    molto convenienti

  • +

    audio e autonomia consistenti

Cons

  • -

    struttura fragile

  • -

    assenza di cavo jack da 3.5mm e USB audio

Le Sony WH-CH510 sono un buon paio di cuffie di fascia bassa e dimostrano che Sony è un marchio capace di creare alcune delle migliori cuffie disponibili ad oggi, così come prodotti convenienti per tutte le tasche.

Se si vuole vedere il meglio della tecnologia audio di Sony, è possibile consultare la nostra recensione sulle Sony WH-1000XM4 per le nostre cuffie over-ear preferite oppure la recensione sulle Sony WF-1000XM4 per gli auricolari. Ambedue rappresentano il top di gamma in materia di qualità del suono e cancellazione del rumore.

Le Sony WH-CH510 non possono competere con i modelli appena citati, ma non è questo il loro scopo. Queste cuffie a basso budget hanno un design semplice, un buon suono e nessuna funzione superflua. Per questo sono una delle nostre prime scelte quando si tratta delle migliori cuffie economiche.

Agli audiofili consigliamo le nostre guide sulle migliori cuffie e sulle migliori cuffie wireless. Se invece non si sta cercando qualcosa di altamente specializzato, le Sony WH-CH510 offrono un suono discreto. Ad esso si aggiungono la porta USB-C e 35 ore di autonomia.

Sony WH-CH510: prezzo e disponibilità 

  • Solo 50€ 
  • Disponibili in versione nera, blu e bianca 

Le Sony WH-CH510 sono convenienti e disponibili per 50€.

Come prezzo sono simili ad alcune delle migliori cuffie economiche che abbiamo consigliato. Per una scelta più orientata ad un modello circumaurale, potete orientarvi sulle JBL Tune 750BTNC. La differenza principale che va presa in considerazione sta nel fatto che le Sony WH-CH510 sono sovraurali.

Ciò comporta che i padiglioni auricolari poggiano sulle orecchie, anziché circondarle (come accade con i modelli circumaurali). Il suono risulta così essere meno immersivo ma il prodotto è particolarmente adatto a tutte quelle situazioni in cui è importante sentire i rumori che abbiamo intorno.

Per maggiori opzioni, consultate la nostra guida sulle migliori cuffie over-ear. Le Jabra Elite 45h rappresentano un prodotto più valido dal punto di vista estetico, mentre le Sennheiser HD 250 BT hanno un suono leggermente più performante.  

Someone wearing the Sony WH-CH510 on-ear headphones in black

(Image credit: Future)

Sony WH-CH510: design

  • Sovraurale 
  • Leggere e facilmente trasportabili 

Queste cuffie sono sovraurali e non circumaurali, dunque i padiglioni non copriranno l’orecchio ma ci si poggeranno sopra. Le Sony WH-CH510 sono molto più compatte, ma anche più scomode (il design impatta anche sulla qualità audio, ma ne parleremo più avanti). 

Dal punto di vista estetico non c’è molto da dire, ma il loro look semplice e contenuto ne aumenta la gradevolezza tenendo conto che il vero obiettivo è l’accessibilità. Sono disponibili in tre versioni: nero, blu e bianco. Oltre al logo di Sony sui padiglioni, l’unica altra nota estetica è la griglia a diamante che copre la maggior parte del lato esterno.

SONY WH-CH510 SPECIFICHE

Peso: 132g
Driver: Chiusi, dinamici, 30mm
Risposta di frequenza: 20 Hz–20,000 Hz
Autonomia: 35 ore
Metodo di ricarica: USB-C
Versione Bluetooth: 5.0

Probabilmente, la più visibile conseguenza del basso prezzo è la qualità della struttura. L’archetto in plastica, il perno girevole e i padiglioni non sembrano robusti e sconsigliamo di sbatterle in giro per lo zaino o trattarle con leggerezza.

L’archetto pare essere più flessibile ma è meglio non metterlo eccessivamente alla prova. Non si piega ulteriormente e non è possibile compattare oltre le cuffie (anche se i padiglioni si girano di 90° e si appiattiscono). In questo caso, meno sono le giunture è meglio è visto che solitamente sono un punto critico per quanto riguarda la tenuta.

Poco importa, a questo punto, che le Sony WH-CH510 siano adatte a molti tipi di testa. Durante questa recensione l’archetto è giunto solo a metà altezza, ben lontano dal massimo.

Naturalmente, si recupera dal punto di vista del peso e della portabilità. Inoltre, l’interno dei padiglioni è di qualità maggiore e permette di indossare le cuffie per lunghi periodi di tempo. 

A pair of the Sony WH-CH510 on-ear headphones hanging on a wooden bannister

(Image credit: Future)

Sony WH-CH510: caratteristiche

  • Controlli semplici con soli 3 pulsanti 
  • Ricarica USB-C 
  • 35 ore di autonomia 

L’interfaccia di controllo delle Sony WH-CH510 è composta da una serie di 3 larghi pulsanti che sono facili da localizzare, differenziare ed interagire. Le funzioni sono le classiche: play/pause; controllo volume e avanti/indietro, ma permettono anche l’attivazione dell’assistente vocale. 

Il microfono integrato, posizionato vicino ai 3 pulsanti, serve a questo scopo e permette di effettuare chiamate. Tuttavia, non rappresenta la migliore opzione. Nei pressi dei controlli e del microfoni si trova l’unica porta USB-C per la ricarica (l’audio tramite USB non è al momento supportato).

Da notare l’autonomia di 35 ore e la capacità di essere utilizzate per 90 minuti con soli 10 di ricarica da zero. Ciò compensa l’assenza di un jack da 3.5mm e audio tramite USB, essendo le batterie l’unica fonte di alimentazione.

Potrebbe sembrare controintuitivo, ma la mancanza di funzionalità delle Sony WH-CH510 è uno dei suoi punti di forza. Concentrandosi su caratteristiche più significative come l’autonomia e la qualità del suono, i costi sono stati tagliati per tutte quelle componenti che i destinatari non ritengono fondamentali (in primis la cancellazione del rumore).

Sony WH-CH510: prestazioni

  • Non immersive come le cuffie circumaurali 
  • Bassi nitidi e presenti 

Il fatto di essere un modello sovraurale porta le Sony WH-CH510 ad un livello di qualità audio minore rispetto a quello delle cuffie circumaurali. L’effetto è causato dai padiglioni piccoli che non sigillano l’orecchio e restituiscono un minor senso di spazialità.

Detto ciò, è ammirevole come queste Sony abbiano un suono consistente a discapito del loro basso prezzo. I bassi sono nitidi e presenti, ma certamente non prepotenti. Le frequenze alte sono un po’ troppo predominanti e le medie troppo soppresse, ma l’esperienza è comunque piacevole.   

Pur mancando della chiarezza, del bilanciamento e del senso di spazialità offerto dalle WH-1000 XM3, il suono di questo modello smentisce il suo prezzo e la sua dimensione. La maggior parte dei generi performano a dovere, anche se i brani che hanno già poche frequenze medie e molte frequenze alte potrebbero subire un boost indesiderato. 

Durante il nostro test, la connessione Bluetooth 5.0 è rimasta stabile e non si sono verificate interferenze o cali. Al momento non ci sono app associate al prodotto ma non se ne sente il bisogno, vista la sua semplicità.

A pair of the Sony WH-CH510 on-ear headphones in black pictured next to a window on a wooden surface

(Image credit: Future)

Sony WH-CH510: conclusioni

Se si stanno cercando le migliori cuffie economiche, si è già disposti a fare qualche sacrificio.

Fortunatamente, la maggior parte dei compromessi fatti da Sony con il modello WH-CH510 non sono drastici. La mancanza di un input analogico rispecchia la perdita della porta da 3.5mm sulla maggioranza degli smartphone moderni, mentre la struttura leggera ne migliora comodità e trasportabilità.

Per chiunque cercasse una soluzione più robusta o dotata di porta 3.5mm sarà difficile trovare delle cuffie wireless allo stesso prezzo, senza contare la qualità del suono e l’autonomia. 

Considera anche...

Di seguito altre tre cuffie wireless che vale la pena considerare. 

(Si apre in una nuova scheda)

Jabra Move Wireless
Un altro modello di cuffie sovraurali a basso budget, progettato per il fitness e l'esercizio fisico. Come le Sony WH-CH510, sono leggere e con un suono consistente. Design più minimale.

(Si apre in una nuova scheda)

Beyerdynamic DT 240 Pro
Le cuffie sovraurali Sony WH-CH510 vanno bene per la maggior parte delle persone, ma le Beyerdynamic DT 240 Pro sono un competitor da non sottovalutare. Queste cuffie da studio sono un’ottima alternativa se si cerca una qualità audio più dettagliata per meno di 100€.

(Si apre in una nuova scheda)

Lypertek PurePlay Z3 2.0
Sicuramente non si tratta di cuffie sovraurali, ma se si sta cercando un prodotto wireless che sia comodamente trasportabile ed economico ci si può rivolgere alle Lypertek PurePlay Z3 2.0. Suono eccellente a meno di 100€.  

Harry is an Australian Journalist for TechRadar with an ear to the ground for future tech, and the other in front of a vintage amplifier. He likes stories told in charming ways, and content consumed through massive screens. He also likes to get his hands dirty with the ethics of the tech.