Skip to main content
Editor's Choice

Il nostro verdetto

La Sony Alpha A7 mark III è la macchina perfetta per molti fotografi. Sony ha preso alcune delle caratteristiche dalle sue ammiraglie Alpha A9 e A7R III e il risultato è una macchina fotografica con un fantastico mix di performance e qualità d’immagine. Il prezzo a parer nostro è più che giusto.

Pro

  • 693 punti di messa a fuoco a rilevamento di fase
  • Scatto a raffica da 10 fps
  • 4k senza crop
  • 15 stop di range dinamico
  • Stabilizzazione ibis a 5 assi
  • Corpo compatto e resistente

Contro

  • Touchscreen con funzioni limitate
  • Solo uno slot supporta le Sd card UHS-II
  • Leggere imprecisioni nell’ EVF
  • Scarsa tropicalizzazione per le porte

L'Alpha A7 III si trova sul gradino più basso della gamma di fotocamere mirrorless Full Frame di casa Sony, ed è progettata sia per gli appassionati, sia per i fotografi professionisti. 

La line-up di Sony A7 è sempre stata costituita da 3 modelli, l’A7 base che veniva definita entry-level e le sue due sorelle maggiori A7R e A7S. Le ultime due serie sono sempre state progettate per usi specifici: la serie A7R per chi ha bisogno di tanta risoluzione e un sensore con tanti megapixel e la serie A7S per chi ha bisogno di una buona resistenza agli ISO e produce più video che foto. La serie A7 è un mix delle due, che permette di non avere una macchina per uno scopo ben preciso ma di poter fare ottimi video e scattare ottime foto ad un prezzo minore rinunciando ad alcune caratteristiche.

Sony presenta il modello A7 III come la entry level della linea Alpha A7, ma dopo aver ereditato il meglio delle sue sorelle più grandi A9 e A7R3, non si può più definire entry-level, anzi si posiziona in una fascia ben precisa di mercato.

Caratteristiche  

  • Un nuovo sensore Full Frame da 24.2 MP retroilluminato
  • Stabilizzazione Ibis a 5 assi sul sensore, che permette di guadagnare fino a 5 stop di compensazione 
  • Video in 4k a pieno formato senza crop 

Specifiche tecniche

**Sensore:** CMOS Full Frame da 24.2 MP retroilluminato

**Innesto lenti:** Sony FE

**Schermo:** 3” touchscreen, orientabile, 921.000 punti

**Scatto in raffica:** 10 fps

**Autofocus:** 693 punti a rilevamento di fase

**Video:** risoluzione massima 4k

**Connettività:** Wi-Fi, NFC e Bluetooth 

**Durata della batteria:** 710 scatti

**Peso:** 650g

Sony non ha pensato di aumentare la risoluzione del sensore dell’Alpha A7 III, seguendo le orme della A7II, e mantenendo i 24MP. Tuttavia il sensore è stato completamente ridisegnato e ora è di tipo retroilluminato e lavora assieme al nuovo processore d’immagine Bionz X. La sensibilità ISO è nettamente migliorata rispetto al precedente modello,parte da un minimo di 100 e arriva a  25.600, ma è possibile espanderla da 50 a 204.800(gli stessi valori dell’Alpha A9). Sony afferma che si possono guadagnare fino a 15 stop di gamma dinamica con i file Raw a 14-bit.

Il mirino elettronico (EVF) non riceve nessun upgrade al contrario della A7R III e rimane il classico EVF da 2.3 milioni di punti. Migliora invece il fattore di crop,che passa dal 0.71x al 0.78x.

Come abbiamo visto con altre fotocamere Sony,il display inclinabile da 3.0 pollici guadagna le funzioni touchscreen, che permettono di spostare velocemente il punto di messa e fuoco e di muoversi  nel menu di visualizzazione delle foto,anche se non consente ancora una rapida navigazione nei menu della fotocamera.

La stabilizzazione a 5 assi (IBIS, in body image stabilization) sul sensore è stata migliorata, ora permette fino a 5 stop di gamma dinamica rispetto ai 4.5 del modello precedente

Immagine 1 di 5

Immagine 2 di 5

Immagine 3 di 5

Immagine 4 di 5

Immagine 5 di 5

Non è una novità vedere la registrazione in 4k su tutto il sensore della A7 III. Tuttavia solo registrando a 24p si potrà utilizzare l’intero sensore Full Frame senza pixel binning. Durante la registrazione in 4k, l’immagine viene acquisita in 6k e successivamente viene sovra campionata per restituire un file eccellente. Se si desidera registrare video in 4k a 30p, il sensore risulterà croppato del 1.2x e il sensore girerà in 5k.

Come abbiamo visto con l'Alpha A7R III, l'Alpha A7 III offre un nuovo profilo HLG (Hybrid Log-Gamma) che supporta un flusso di lavoro istantaneo HDR, consentendo di girare dei file HDR (HLG)-compatibili, per la riproduzione dei video in 4K HDR sulle TV che li supportano.  Oltre a questo, sia S-log 2 che S-log 3 sono disponibili per una maggiore classificazione dei colori, mentre se si desidera girare filmati Full HD è possibile farlo fino a 120 fps.

L'Alpha A7 III sfoggia due slot per schede SD, ma come per l'Alpha A7R III, solo uno di questi supporta schede UHS-II più veloci. Dispone anche delle connessioni Wi-Fi e NFC per consentire di trasferire le immagini ad uno smartphone attraverso la nuova app Imaging Edge Mobile, ma il Bluetooth non può essere usato per trasferire le immagini ad esempio al cellulare, scelta secondo noi non molto conveniente dato che è una tecnologia che permette di risparmiare batteria e da la possibilità di mantenere la macchina sempre connessa.