Skip to main content

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Lite

Lite nel nome e nel prezzo, ma top nel resto

(Image: © Xiaomi)

Il nostro verdetto

Xiaomi Mi Note 10 Lite è un altro best buy da parte del colosso cinese. Ha un design raffinato e moderno, anche se la finitura è fin troppo scivolosa. Offre prestazioni fotografiche di ottimo livello, con qualche incertezza solo quando c’è poca luce. È uno smartphone praticamente privo di concorrenti nella sua fascia di prezzo ed è quello da consigliare, a tutti tranne a chi proprio non apprezza l’interfaccia Xiaomi, che è valida ma sicuramente migliorabile

Pro

  • Schermo fantastico
  • Autonomia eccellente
  • Prestazioni sopra la media in questa fascia di prezzo
  • Prezzo competitivo

Contro

  • Troppo scivoloso, la custodia è obbligatoria
  • L’altoparlante si copre con la mano, in modalità panoramica
  • Non ha certificazioni IP
  • App indesiderate e pubblicità nel software

 Xiaomi è rapidamente diventata uno dei grandi colossi nel mondo degli smartphone, e ci è riuscita grazie a smartphone con un’eccellente rapporto qualità prezzo. Non ha sempre avuto i telefoni migliori, ma spesso e volentieri gli smartphone Xiaomi sono stati etichettati come “best buy” proprio perché, a un certo prezzo, erano la migliore scelta possibile.

Con lo Xiaomi Mi Note 10 Lite le cose non cambiano, e abbiamo ancora uno smartphone incredibile in rapporto al suo prezzo. In effetti, questo smartphone offre qualità che altri marchi danno solo a costi maggiori. 

Prezzo e disponibilità 

Lo Xiaomi Mi Note 10 Lite è in commercio da maggio 2020. Esiste in due versioni: 6/64GB e 8/128GB, e in tre diversi colori (nero, viola e bianco). Il prezzo di listino minimo è pari a 369 euro per la versione da 64GB, e si va oltre i 400€ per il modello da 128 GB.

I prezzi reali sono tuttavia molto più bassi, ed è facile trovare la versione da 64 GB a meno di €300, un prezzo che rende questo smartphone, ancora una volta, una tra le migliori opzioni, se non la migliore in assoluto, nella sua fascia di prezzo. Senza ombra di dubbio, lo Xiaomi Mi Note 10 Lite è tra i migliori smartphone economici del 2020. 

Design 

(Image credit: Future)

Xiaomi Mi Note 10 Lite offre lo stesso design del fratello maggiore, Xiaomi Mi Note 10. Ritroviamo quindi un telefono da 6,47” relativamente compatto (157.8 x 74.2 x 9.7 mm), ma il peso - appena superiore ai 204 grammi - si fa sentire. Lo schermo curva ai lati, un dettaglio che molti avranno visto sugli smartphone Samsung. La cornice principale è in alluminio e le linee sono arrotandate a morbide. Ne deriva uno smartphone relativamente facile da maneggiare nonostante le dimensioni, ma usarlo con una sola mano è comunque piuttosto difficile. 

La finitura posteriore è in vetro, assolutamente liscia come quella frontale. Alcuni potrebbero apprezzarne l’estetica ma noi non molto: si sporca molto facilmente e, ancora più importante, lo Xiaomi Mi Note 10 Lite è davvero molto scivoloso. È uno di quei casi in cui forse è vero il detto “mal comune mezzo gaudio”, ma comunque sia l’uso di una custodia è caldamente consigliato. 

Lo schermo AMOLED da 6,47” è davvero fantastico. Il design è senza cornici, e l’unica interruzione è un bordo inferiore leggermente più spesso rispetto agli altri, e un notch a goccia che ospita la fotocamera anteriore, posto in alto e centrale. Il risultato è un rapporto corpo-schermo superiore all’87%, che è davvero eccellente. 

È anche uno schermo molto luminoso, sempre perfettamente leggibile anche all’esterno e con il sole. Di sera, invece, la luminosità si riduce al minimo e l’uso dello smartphone resta confortevole. Anzi, se vorrete giocare o magari guardare un video forse vorrete intervenire per aumentare la luminosità a mano. 

Il bilanciere del volume e il tasto di accensione sono ben posizionati e facili da usare. Sotto troviamo un singolo altoparlante, la presa USB-C e il sempre più raro connettore jack da 3,5 mm. L’altoparlante suona discretamente e potete usarlo senza problemi per una chiamata in vivavoce o per guardare Youtube. Non è però posizionato nel migliore dei modi e ci è capitato spesso di coprirlo con la mano, con il telefono in orizzontale. Un secondo altoparlante avrebbe sicuramente aiutato da questo punto di vista, ma forse è chiedere troppo in questa fascia di prezzo. 

I quattro obiettivi sono organizzati in verticale, in un blocco rettangolare che include anche il doppio flash. Il modulo fotografico è inferiore rispetto al Mi Note 10, ma è sicuramente ben integrato nel design. Sporge di pochissimo e non risulta mai fastidioso. Posando il telefono sul tavolo, resta perfettamente stabile - a parte il fatto che scivola via facilmente se la superficie lo permette. 

Il sensore per le impronte è sotto allo schermo e nel nostro test ha sempre funzionato benissimo. Si sblocca sempre al primo tentativo, con un’area di riconoscimento piuttosto grande - quindi non siamo obbligati a posizionare il dito precisamente in un certo punto per sbloccare il telefono.

(Image credit: Future)

Software 

Lo Xiaomi Mi Note 10 Lite nasce con Android 10 e interfaccia MIUI 11, ma è già disponibile l’aggiornamento a MIUI 12. Consigliamo di fare questo update il prima possibile, possibilmente prima di iniziare a usare lo smartphone. 

È senza dubbio il migliore aggiornamento mai proposto da Xiaomi, e sul Mi Note 10 Lite sono disponibili quasi tutti i suoi miglioramenti: il nuovo e fantastico centro di controllo in stile iOS, la Modalità Scura migliorata, il nuovo Gestore File e molto altro. Mancano solo i Super Wallpaper, e non crediamo che sia per una questione di prestazioni; probabilmente Xiaomi ha voluto tenere da parte almeno qualcosa per i suoi top di gamma, come lo Xiaomi Mi 10.

Ci sono molte impostazioni per personalizzare la MIUI 12: tra le più importanti, sul Mi Note 10 è possibile attivare il classico app drawer di Android (di base non è presente), attivare o disattivare Google Discover a sinistra della Home principale (non disponibile su tutti gli smartphone Xiaomi).

La MIUI 12 è un’interfaccia convincente ma i difetti non mancano: ci sono fin troppe applicazioni indesiderate, e nessuna di esse ci è sembrata particolarmente utile. Inoltre Xiaomi ha inserito annunci pubblicitari qui e là, nelle sue app, che risultano piuttosto fastidiosi. 

(Image credit: Future)

Prestazioni 

All’interno dello Xiaomi Mi Note 10 Lite troviamo il processore Qualcomm Snapdragon 730G, con 6GB di RAM a 64 GB di archiviazione. Oppure potete averlo con 8/128GB. È la stessa piattaforma hardware del Mi Note 10, e come con quello smartphone non troverete assolutamente nulla di cui lamentarvi. 

Lo smartphone è sempre veloce e reattivo ed è in grado di gestire molte applicazioni aperte. Nessun problema nemmeno con la seconda app in finestra, una funzione recentemente aggiunta da Xiaomi con la MIUI 12. Il salvataggio delle foto HDR o notturne è leggermente più lento rispetto al Mi 10 (Snapdragon 865) ma è davvero una differenza piccolissima, che noterete solo con un’osservazione attenta. 

Fotocamera 

La fotocamera è il dettaglio che più di tutti separa questo Mi Note 10 Lite dal Mi Note 10 standard. Ma quale differenza fa? 

Su questo smartphone abbiamo quattro sensori: uno principale da 64MP (f/1.9), un ultragrandangolare e un Macro, più un sensore di profondità. Manca quindi il teleobiettivo, che secondo noi non è una grande mancanza su uno smartphone - ma c’è comunque un ingrandimento 2x praticamente privo di rumore o artefatti. 

Ci sembrano più utili e interessanti, per la vita quotidiana, il supergrandangolo e il sensore Macro, che offre effettivamente qualche buona opportunità di divertirsi. Potrete avvicinarvi davvero moltissimo al soggetto e immortalare dettagli altrimenti impossibili da mettere a fuoco, anche con la modalità manuale (che Xiaomi chiama Pro). Non è una cosa che si usa ogni giorno ovviamente, ma averla a disposizione è sicuramente bel pregio. 

Quanto alla qualità fotografica di per sé, lo Xiaomi Mi Note 10 Lite. La fotocamera preserva un ottimo livello di dettagli anche per gli elementi più piccoli e solo ingrandendo molto si cominciano a notare elementi “impastati” e poco nitidi. Gli elementi più distanti in questo caso mostrano le imprecisioni tipiche di tutti gli smartphone. Parliamo di un livello di ingrandimento da “stampa gigante”, ma se volete stampare in un formato medio un’immagine da appendere in casa, non avrete problemi (sempre che si faccia attenzione al momento dello scatto). In altre parole, se volete uno zoom valido, meglio prendere una “vera” macchina fotografica.

Immagine 1 di 5

(Image credit: Valerio Porcu)
Immagine 2 di 5

(Image credit: Valerio Porcu)
Immagine 3 di 5

(Image credit: Valerio Porcu)
Immagine 4 di 5

(Image credit: Valerio Porcu)
Immagine 5 di 5

(Image credit: Valerio Porcu)

Se volete più dettagli, comunque, si può sempre usare la modalità a 64MP (che va attivata manualmente). 

Nelle immagini più contrastate il software di Xiaomi tende a sacrificare un po’ le zone in ombra in favore di una corretta esposizione delle aree più illuminate. Forzando la funzione HDR il “problema” si risolve ma alcuni colori possono risultare alterati, quindi il nostro consiglio è di intervenire a posteriori, eventualmente anche con una semplice app per smartphone. Le fotografie dove si nota questo comportamente comunque saranno poche, cioè quelle dove c’è un’area in ombra e un’altra sotto il sole diretto.

La cosa più interessante comunque è che avrete colori realistici e molti dettagli, e volendo potrete usare la modalità AI per ottenere qualche effetto extra. Probabilmente i colori in questo caso sembrano un po’ troppo saturi, ma non tanto da risultare artificiali o falsi - restiamo entro i limiti dei gusti personali.

Notevoli anche le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione. Xiaomi offre una modalità notturna davvero eccellente, con ben poco da invidiare a un “primo della classe” come Google . Dovrete però ricordare di attivarla per ottenere aree scure ben riprodotte e i migliori contrasti possibili. Con le impostazioni di default lo Xiaomi Mi Note 10 Lite fa foto serali discrete, ma niente di spettacolare. Usando la Night Mode la qualità migliora molto, ma lo scatto richiede un po’ più tempo e senza dubbio si rischia di perdere la spontaneità del momento. 

Eccellente invece l’applicazione Fotocamera, che è davvero ricca di opzioni per tutti i gusti, ma allo stesso tempo è semplice da usare e alla portata di tutti. Insieme alla precisione degli algoritmi, ormai Xiaomi ha raggiunto i migliori livello del mondo smartphone. 

Se cercate ma migliore qualità fotografica in questa fascia di prezzo, la troverete con il Mi Note 10 Lite.

Batteria 

(Image credit: Future)

A bordo dello Xiaomi Mi Note 10 Lite c’è un’enorme batteria da 5.260 mAh, e nella confezione trovate un caricatore da 30 watt, che è anche la potenza massima supportata da questo smartphone. 

In concreto, potrete usarlo senza la minima preoccupazione e stare certi che arriverà fino a sera. Durante la nostra prova, lo staccavamo dalla presta tra le 06:00 e le 06:30 del mattino, e non siamo mai arrivati a sera con meno del 25% di batteria restante. 

E non ci siamo mai risparmiati tra fotografie, applicazioni con notifiche push, navigazione, musica e video in streaming, posta elettronica e chi più ne ha più ne metta. In condizioni meno estreme di quelle in cui lo abbiamo messo noi, questo smartphone dovrebbe essere in grado di durare due giorni senza grossi problemi.

Con il caricatore da 30 watt incluso, inoltre, potrete portarlo da 0 a 100% in poco più di un’ora; ancora più importante, basteranno 10-15 minuti per recuperare diverse ore di utilizzo. 

Manca la ricarica wireless, ma non ce l’aspettiamo in questa fascia di prezzo. Troviamo invece funzioni di risparmio energetico che, all’occorrenza, possono garantire diverse ore aggiuntive di autonomia

Conclusioni 

Lo Xiaomi Mi Note 10 Lite è stato da più parti definito “un altro best buy” da parte di quest’azienda. Probabilmente non è vero se si considera il prezzo di listino ufficiale, fino troppo vicino ai 400 euro. La verità però è che potete avere questo smartphone a meno di 300 euro, e a questo prezzo è davvero un acquisto eccezionale. 

L’unico vero difetto che merita di essere sottolineato è una finitura troppo scivolosa, il che rende praticamente obbligatorio l’uso di una cover protettiva. Peccato perché è anche bello da vedere, al netto dei gusti personali, ma se cercate uno smartphone da far vedere agli altri, allora cercate altrove. Lo Xiaomi Mi Note 10 Lite, senza una custodia, prima o poi vi cadrà dalle mani rischiando di rompersi.

A parte questo abbiamo uno schermo AMOLED eccellente, prestazioni sopra la media, una qualità fotografica invidiabile e una batteria che può durare incredibilmente a lungo. 

Lo Xiaomi Mi Note 10 Lite non ha praticamente concorrenti diretti ma potreste voler prendere in considerazione il Samsung Galaxy A71, che per molti aspetti è equivalente al prodotto Xiaomi. Il prodotto Samsung ha un slot per schede di memoria, se vi interessa, ma anche una batteria più piccola e un prezzo leggermente più alto - ragioni per cui la nostra preferenza va allo Xiaomi Mi Note 10 Lite. 

Ma potreste preferire il Samsung Galaxy A71 per il marchio o perché non vi piace il software Xiaomi. A parte questi casi, lo Xiaomi Mi Note 10 Lite è in assoluto lo smartphone più consigliabile, secondo noi, tra i 250 e i 300 euro.