Skip to main content

Recensione Samsung Galaxy S10

Verso l’infinito e oltre

 Fotocamera 

Samsung ha voluto affrontare la fotografia sotto ogni aspetto e per questo il Galaxy S10 ha una tripla fotocamera composta da ottica standard da 12 MP, teleobiettivo da 12 MP e grandangolo da 16 MP. 

Il Samsung Galaxy S10+ ha la stessa dotazione fotografica, almeno posteriormente. Ecco alcuni degli scatti che abbiamo fatto durante il periodo di prova: 

Immagine 1 di 14

La fotocamera del Galaxy S10 fa fotografie eccellenti, anche in situazioni di scarsa illuminazione. L’uomo al centro non è troppo scuro, e allo stesso tempo la fiamma delle candele ha molti dettagli senza problemi di sovraesposizione.  

Immagine 2 di 14

Qui abbiamo lo stesso scatto in modalità Live Focus (per i ritratti). Sfoca correttamente lo sfondo, e la quantità di sfocatura si può modificare anche dopo lo scatto. Samsung ha aggiunto anche alcuni filtri per lo sfocato: artistic, spin, zoom e color point (che in questo caso ha trasformato lo sfondo in B/N). Non sono niente male da guardare.  

Immagine 3 di 14

I suggerimenti ci hanno aiutato a creare la giusta inquadratura. La griglia è utile per comporre la scena. L’otturatore si attiva non appena inquadriamo correttamente il punto “scatto migliore”. Non è sempre preciso però, e a volte non riesce a centrare correttamente i gruppi. In generale è un surplus gradevole, ma servirebbe qualche miglioramento. 

Immagine 4 di 14

Nei test dedicati alla fotocamera del Galaxy S10, abbiamo notato che i soggetti molto vicini e ben illuminati sono riprodotti con un eccellente livello di dettagli. Fantastico per chi ama fotografare il cibo. L’Intelligenza Artificiale riconosce bene le immagini di cibo.  

Immagine 5 di 14

La fotocamera da 12 MP crea molti dettagli. La saturazione e l’intensità dei colori potrebbero non essere alla pari con un iPhone, ma la fotocamera Samsung non trasforma più i vostri piatti in cibi alieni e sovrasaturati. C’è stato un tempo in cui gli smartphone Samsung avrebbero trasformato un hot dog, per esempio, in qualcosa di simile alle fiamme di un motore per via del troppo contrasto.  

Immagine 6 di 14

L’effetto sfocatura della fotocamera principale (senza usare la modalità ritratto) ha generato l’effetto di profondità che desideravamo. In primo piano di sono chiari dettagli, con una bella sfocatura sullo sfondo.  

Immagine 7 di 14

Abbiamo toccato lo sfondo per metterlo a fuoco, ottenendo la sfocatura sugli elementi in primo piano. I dettagli in fondi sono nitidi, come il pollo fritto.  

Immagine 8 di 14

La fotocamera del Galaxy S10 a volte riesce a migliorare la realtà. In questa immagine i blu e i rossi/arancio saltano fuori dall’immagine, ma senza avere un bianco troppo caldo (prima era impossibile avere una cosa senza l’altra). Crediamo ancora che la modalità notturna del Pixel 3 faccia un lavoro migliore, ma Samsung ci va molto vicina.  

Immagine 9 di 14

Immagine 10 di 14

Ecco un luogo ben illuminato con due persone. La foto non è troppo caldi, ed è corretta nei colori e nel bilanciamento del bianco.  

Immagine 11 di 14

Lo stesso scatto fatto con l’ottica grandangolare. Il problema di queste ottiche è che spesso inquadrano una scena fin troppo grande. Ritagliare o usare la lente standard è la soluzione. Non è una lente da usare sempre, ma crea un bell’effetto quando se ne presenta l’occasione.  

Immagine 12 di 14

Ecco un altro scatto con il grandangolo del Galaxy S10. Un’immagine che mostra meglio come questa lente permette di fotografare elementi che altrimenti andrebbero persi.  

Immagine 13 di 14

Il Galaxy S10 se la cava bene nel fotografare soggetti in rapido movimento. In questo caso, siamo riusciti a fotografare delle fiamme mosse dal vento di San Francisco. Sono nitide, senza sfocature e senza sovraesposizioni, nonostante il telefono abbia fotografato anche le pietre scure. 

Immagine 14 di 14

La fotocamera Samsung migliora di nuovo brillantezza e saturazione, applicando un filtro “alla Instagram” di sua iniziativa. A noi è piaciuto ma è una questione di gusti personali. L’iPhone XS genera immagini più realistiche, ma accanto a quelle del Galaxy S10 o del Pixel 3, sembrano aride.  

Abbiamo esaminato da vicino la fotocamera del Samsung Galaxy S10 e come le fotografie che scatta si confrontano con un leader come il Pixel 3, e abbiamo cercato di determinare quanto sono valide le foto scattate con il grandangolo. La nostra conclusione? Samsung è vicina al top, ma il software di elaborazione Google resta ancora l’uomo da battere. 

La fotocamera principale del Galaxy S10 genera colori di grande impatto, pronti per Instagram, e immagini che a prima vista sembrano migliori di quelle ottenute con un iPhone, nella maggior parte dei casi.  È tra i migliori smartphone in circolazione, per qualità fotografica. La funzione HDR, però, qualche volta può sbagliare con sfondi molto illuminati, di giorno. E quando c’è poca luce, l’algoritmo per ridurre il rumore tende a levigare eccessivamente le immagini, con un effetto finale che è quasi come se ci fosse il filtro bellezza attivo. 

La buona notizia è che la fotocamera del Galaxy S10 è più versatile e divertente, per alcuni aspetti. Ad esempio, il grandangolo ha una copertura pari a 123 gradi e permette di scattare in situazioni “difficili” senza dover arretrare di un passo - una cosa impossibile con un Pixel 3. 

Samsung Galaxy S10

Image Credit: TechRadar

Le foto fatte con il grandangolo non sono sempre nitide (questa lente non ha OIS, mentre ce l’hanno le altre due) e bisognerà fare attenzione a effetti fisheye indesiderati ai bordi dell’immagine. Le persone che si dovessero trovare all’esterno dell’inquadratura potrebbero trovarsi con un’involontaria “faccia grassa”. Ma quando funziona, allora sarete contenti di avere questa opzione. Basterà riunire tutti in centro e fare in modo che ai bordi ci siano solo gli ambienti. Le fotografie grandangolari funzionano molto bene anche per i panorami, quando non ci sono persone. 

Una cosa che abbiamo trovato molto utile è la funzione Live Focus. Nello specifico, il filtro Color Point permette di andare oltre il semplice bokeh e di trasformare lo sfondo in B/N, mantenendo il soggetto a colori. La fotocamera non sempre lavora correttamente, ma continuate a scattare e si regolerà automaticamente per separare soggetto principale e sfondo nel migliore dei modi. 

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

Frontalmente abbiamo una singola fotocamera da 10 MP, mentre sul Galaxy S10+ ce n’è anche una seconda da 8 MP, che permette di avere maggiore profondità nei ritratti. Nei nostri test abbiamo notato poche differenze. La fotocamera frontale del Galaxy S10 si affida molto al software per creare la sfumatura intorno ai capelli, e in questi casi la doppia fotocamera del Galaxy S10+ fa un lavoro migliore. 

Il riconoscimento automatico delle scene ha 10 nuove categorie. Ora l’AI di Samsung può distinguere un gatto da un cane, per regolare finemente parametri come il bilanciamento del bianco. I Suggerimenti sono una nuova funzione che si affida al processore neurale per affinare al massimo tutti i parametri di scatto, o per inquadrare il soggetto alla perfezione. 

Passando ai video, il software è stato migliorato e ora include la stabilizzazione. Secondo Samsung questa funzione permette di ottenere video 4K fluidi quanto quelli di una Action Cam. Ci abbiamo provato con una GoPro Hero7 Black. 

È anche possibile registrare video con HDR10+, che è un miglioramento significativo rispetto al Galaxy S9 (che non aveva nemmeno l’HDR, mentre lo avevano alcuni modelli Sony). Questa novità offre un maggiore contrasto, ma usandola si disattiva il codec HEVC, che permette di avere file più piccoli. Ha funzionato bene nel nostro caso, ma preparatevi ad avere file video più grandi e magari qualche difetto, visto che si tratta di una funzione sperimentale.