Skip to main content

Recensione Naim Mu-so (2019)

Una soluzione di streaming all-in one

Naim Mu-so Qb
(Image: © TechRadar)

Il nostro verdetto

Il precedente Naim Mu-so era già considerato leader del mercato, ma gli amplificatori e processori rinnovati, così come l’implementazione dell’HDMI ARC, dimostrano che questa è un'azienda in grado di stare al passo con i tempi.

Pro

  • Incredibile qualità del suono
  • Tidal e Spotify integrati
  • HDMI ARC

Contro

  • Prezzo elevato
  • Porte per cavi nascoste
  • Nessun supporto per Alexa (di nuovo)

Naim produce diversi altoparlanti di alta qualità e Naim Mu-so di seconda generazione (2019) non fa eccezione alla regola.

Il nuovo Mu-so è un sistema audio all-in-one che supporta Spotify e Tidal. È possibile usarlo tramite Bluetooth, Airplay o per mezzo di una serie di ingressi analogici per il collegamento a un qualsiasi impianto hi-fi.

Il prezzo potrebbe far storcere il naso, dal momento che ci sono buoni altoparlanti per circa la metà del costo, ma non otterrete la stessa combinazione di design, qualità del suono e funzionalità che offre Naim Mu-so in un unico sistema. 

Naim Mu-so (2019) potrebbe non sembrare molto diverso dal modello originale, ma i componenti interni sono stati completamente rivisti e il prezzo è aumentato. È chiaro che Naim ha voluto alzare l’asticella con la seconda generazione di Mu-so, che è stata presentata cinque anni fa.

Com’è la qualità del suono? Vale la pena risparmiare? Abbiamo testato a fondo il Naim Mu-so (2019) e non pensiamo che rimarrete delusi.

Prezzo e disponibilità 

Naim Mu-so di seconda generazione viene venduto a 1.549 euro. In Italia è possibile acquistarlo presso numerosi rivenditori sparsi in tutte le regioni.

Il modello precedente, invece, è ormai disponibile solo presso pochi rivenditori e si sta rapidamente esaurendo, dal momento che costa circa la metà rispetto al prezzo di lancio. Se non potete permettervi di spendere la cifra necessaria per acquistare il modello di seconda generazione, potreste dare un'occhiata al Mu-so Qb, che sarebbe il fratello minore a forma di cubo.

Naim Mu-so Qb

(Image credit: TechRadar)

Design

Naim Mu-so (2019) è una lastra di alluminio brunito molto elegante e presenta una leggera sporgenza che nasconde diverse porte. Questo design è notevole per un altoparlante, soprattutto rispetto al modello a forma di cubo della stessa azienda. Naim Mu-so di seconda generazione non è piacevole solo all’ascolto, ma anche alla vista.

La mancanza di pulsanti fisici permette di mantenere l'aspetto pulito, anche grazie al fatto che gli ingressi sono nascosti nella parte inferiore. Potrebbe essere fastidioso collegare i cavi la prima volta, ma è un ottimo modo per tenere i fili lontani dalla vista, oltre a nascondere il cavo di alimentazione dal retro, quindi potete posizionare il Mu-so vicino al muro se lo desiderate.

Gli altoparlanti frontali sono coperti da una griglia curva, disponibile in colorazione nera come versione standard, ma aggiungendo circa 50 euro potete sostituirla con una arancione, verde o rossa. La griglia è molto leggera e non influisce la qualità del suono, inoltre è facile da rimuovere qualora vogliate sostituirla.

Anche il telecomando è leggero, anche se sembra più economico rispetto al resto dei materiali. I pulsanti touch sono posti in modo ordinato e permettono di controllare la playlist, fonti esterne, USB e multiroom. 

Tuttavia, non è possibile effettuare il collegamento Bluetooth dal telecomando, quindi dovrete selezionarlo tramite i controlli touchscreen (piccolo suggerimento: potete tenere premuti i controlli del volume sul telecomando, invece di usare i pulsanti come abbiamo fatto noi).

Naim Mu-so Qb

(Image credit: TechRadar)

Caratteristiche 

Mu-so può essere controllato in diversi modi: usando il telecomando, l'app per smartphone “Naim” o l’elegante display touchscreen, tramite il quale potete accedere a cinque playlist/stazioni radio preimpostate (anche se apparentemente dovrete impostarle tramite l’app). È inoltre possibile regolare il volume ruotando un anello luminoso intorno al display. Naim Mu-so può essere controllato se state seduti sul vostro divano, dallo smartphone o direttamente dall'altoparlante stesso.

Anche i controlli tattili sono un vero piacere, dato che sono reattivi e in grado di essere gestiti tramite un semplice tocco sul display. Le parti illuminate non sempre si distinguono chiaramente l'una dall'altra, dato che si illumina l'intero menu e l’opzione  selezionata non diventa molto più luminosa.

Naim Mu-so purtroppo non supporta Amazon Alexa, anche se potete collegarlo a Google Home o Apple HomePod per usare i controlli vocali indirettamente. Tuttavia, i controlli touch sono ottimi, al punto che potrebbero rendere superflui i comandi vocali. 

Naim Mu-so Qb

(Image credit: TechRadar)

Naim Mu-so ha numerosi ingressi digitali e analogici. Supporta Tidal e Spotify, entrambi integrati nell'app Naim ed è anche possibile utilizzarlo tramite Bluetooth, AirPlay 2 o Google Cast per lo streaming di contenuti da iOS o Android. È disponibile anche la funzione multi-room per connettere altri altoparlanti Naim, in alternativa è possibile sfruttare la funzionalità tramite Airplay e Google Cast.

I servizi di streaming integrati permettono di riprodurre i contenuti tramite Wi-Fi, quindi non è necessario tenere acceso lo smartphone una volta avviata la riproduzione e non vi ritroverete senza musica quando lo avrete messo da parte per caricarlo.

È presente anche un jack da 3,5 mm e una porta USB per evitare di dover trasmettere in streaming file FLAC e WAV che potrebbero consumare più dati rispetto a un classico file MP3.

Un altro miglioramento di Naim Mu-so è dato dalla presenza dell’HDMI ARC, che consente di collegare il Mu-so al televisore e usarlo come una soundbar. Mu-so emetterà l'audio del TV e risponderà agli input di volume attraverso il telecomando del televisore, quindi non è necessario acquistare una soundbar separata.

Gli ingressi analogici e digitali hanno una notevole flessibilità, rendendo il Naim Mu-So (2019) un sistema di streaming davvero all-in-one, che sarebbe stato piuttosto deludente se non avesse avuto questa qualità del suono.

Naim Mu-so Qb

(Image credit: TechRadar)

Suono 

A prima vista potrebbe essere difficile notare la differenza tra Naim Mu-so (2019) e il suo predecessore, dato che è il design è quasi identico, ma la maggior parte dei cambiamenti è avvenuta all'interno. 

Naim ha sostituito il 95% dell'hardware interno e la potenza di elaborazione è 13 volte superiore rispetto al modello originale. Ci sono sei amplificatori dedicati (anziché solo uno) e un cabinet più grande del 13% per un suono più avvolgente. L’utilizzo di amplificatori aggiunti significa che ogni tweeter e subwoofer ottiene la propria amplificazione, riducendo al minimo la distorsione e mantenendo la stessa qualità audio sia a bassi che alti volumi. Il risultato è piuttosto sorprendente.

Naim Mu-so Qb

(Image credit: TechRadar)

Naim produce numerose apparecchiature audio di fascia alta e alcune costano anche 200.000 euro. Naim Mu-so viene considerato un prodotto di fascia bassa dall’azienda, ma soddisfa uno standard molto elevato.

I driver offrono un'incredibile chiarezza su tutte le frequenze. Ascoltando il brano The Louvre di Lorde siamo rimasti sorpresi dalla qualità del suono. Le corde e le percussioni che rimbombano in sottofondo come un tuono non si accavallano sulle voci, rendendo il tutto piuttosto naturale e piacevole.

Le frequenze rimangono ben bilanciate anche a volumi elevati e Naim Mu-so può suonare davvero forte al limite della sopportazione, grazie alla potenza massima di 450 W. Il risultato è un sistema che riesce a suonare come se qualcuno urlasse a squarciagola.

Mu-So cerca l'equilibrio per soddisfare l’ascoltatore esigente o per coloro che desiderano avere una gamma completa di suoni ideale per un film, oltre a essere adatto al genere house. Il sistema offre bassi ricchi che possono essere apprezzati in qualsiasi contenuto.

Conclusioni 

Quando abbiamo avuto l’occasione di provare per la prima volta il nuovo Naim Mu-so, ci è stato detto che i progettisti hanno presentato un successore di un prodotto che era già leader del mercato.

Grazie alla revisione dei suoi componenti interni, all’implementazione dell’HMDI ARC e al supporto di numerose funzioni, possiamo dire con certezza che Naim Mu-so (2019) è un prodotto che resterà validissimo per diversi anni. È il compagno perfetto per il vostro salotto e può essere usato come soundbar per home cinema o come sistema musicale dedicato.

Il prezzo è sicuramente alto, ma le numerose funzioni e la qualità audio non possono essere superate così facilmente.