Skip to main content

Recensione Apple iMac 27 pollici (2020)

Chi lavora da casa non resterà deluso

Apple iMac 27-inch (2020)
Best in Class
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Apple iMac 27 pollici (2020) ha compiuto passi da gigante rispetto al predecessore e potrebbe imporsi come il miglior all-in-one del colosso di Cupertino. Gli aggiornamenti alla webcam e ai microfoni sono particolarmente graditi per chi lavora da casa. Purtroppo, l’azienda ha riproposto lo stesso design dei modelli precedenti.

Pro

  • Scheda tecnica
  • Stesso prezzo del predecessore
  • La webcam è fantastica
  • Ampia personalizzazione

Contro

  • Design datato
  • Solo due porte Thunderbolt

Introduzione

iMac 27 pollici (2020) è l'ultima proposta di Apple nella sua iconica gamma di all-in-one; è stato rinnovato da cima a fondo (design a parte) e tornerà molto utile a coloro che lavorano da casa a causa della pandemia da Covid-19.

Apple ha commercializzato un iMac degno di questo nome, grazie ai componenti all’avanguardia come i nuovi processori Intel Comet Lake di decima generazione, unità a stato solido unità (SSD) su tutta la linea, potenti schede grafiche AMD Radeon Pro e tanta RAM.

Chi lavora da casa rimarrà più che soddisfatto della nuova webcam FaceTime HD da 1080p e dei microfoni di alto livello, che migliorano notevolmente l’esperienza utente durante le videochiamate.

Abbiamo testato numerose volte la qualità di queste due nuove componenti e i risultati sono stati molto positivi.

Il prezzo del nuovo iMac (2020) è lo stesso del predecessore, nonostante le tante migliorie introdotte.

Scheda tecnica

Ecco la configurazione di Apple iMac (2020) da 27 pollici inviata a TechRadar per la revisione:

CPU: Intel Core i9-10910 (10 core, 20 MB di cache, frequenza base di 3,6 GHz, fino a 5,0 GHz in Turbo Boost)

Scheda grafica: AMD Radeon Pro 5700 XT (16 GB GDDR6 VRAM)

RAM: 32 GB DDR4 (2.666 MHz)

Schermo: display Retina da 27 pollici 5K (5.120 x 2.880) (colore ampio P3) con vetro nanostrutturato

Storage: SSD da 1 TB

Porte: 4x USB 3 (Type-A), 2x Thunderbolt 3 (Type-C), slot per schede SDXC, jack per cuffie da 3,5 mm, Gigabit Ethernet, slot per blocco Kensington

Connettività: Wi-Fi 802.11ac, Bluetooth 5

Sistema operativo: macOS 10.15 Catalina

Fotocamera: 1080p FaceTime HD

Peso: 8,92 kg

Dimensioni: 65 x 20,3 x 51,6 cm (L x P x A)

Il modello entry level del 2020 è in vendita sull’Apple Store a 2200 euro, come il predecessore, quindi non sarete costretti ad acquistare il vecchio modello per risparmiare.

Le nuove componenti dell’iMac (2020) non sono tali da rendere obsoleto il modello del 2019, ma i nuovi processori Intel Core di decima generazione (per la prima volta, si può selezionare anche una CPU i9 da 10 core/20 thread) e gli SSD rendono la versione 2020 più veloce e potente. Durante i nostri test, l'iMac 27 pollici (2020) si è sempre avviato rapidamente, inoltre il sistema operativo macOS si è rivelato reattivo ed efficiente. Il dispositivo ha gestito con facilità qualsiasi benchmark e attività cui l’abbiamo sottoposto.

Lato GPU, le nuove schede grafiche AMD Radeon Pro 5000 sono più veloci della GPU Radeon Pro Vega 48 del precedente iMac e Apple promette prestazioni superiori fino al 55%.

Abbiamo apprezzato le tante migliorie della scheda tecnica, tuttavia siamo rimasti delusi dalla decisione di riproporre lo stesso design dei precedenti modelli (praticamente il design non è rinnovato dal 2012). Sia chiaro, l'iMac 2020 è ancora un dispositivo elegante, ma alcuni aspetti del suo design sono ormai datati (in particolare, le spesse cornici dello schermo). La concorrenza, al contrario, offre già dispositivi all-in-one eleganti e moderni, per cui l'azienda di Cupertino dovrebbe cambiare marcia.

L’unico grande cambiamento del design è un extra del valore di 625 euro. Stiamo parlando del vetro in nanotexture del display, introdotto con il monitor XDR Pro Display, caratterizzato da una bassissima riflettanza. Il modello che Apple ci ha inviato, presenta questa caratteristica e dobbiamo ammetterlo: è eccellente. Anche sotto la luce del sole, che filtrava da un lucernario, siamo stati in grado di vedere chiaramente il display. Il vetro in nanotexture conferisce allo schermo un aspetto opaco ed è davvero impressionante. È un peccato che si debba pagare ben 625 euro per ottenerlo.

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Detto questo, lo schermo è lo stesso modello dell’iMac (2019) ossia un display Retina 5K da 27 pollici con una risoluzione di 5120 x 2880 pixel; vanta una luminosità di 500 nit e supporta lo spazio colore P3, quindi è un display luminoso e vibrante, ideale per i creatori di contenuti. Inoltre, Apple ha implementato la tecnologia True Tone, che modifica il colore dello schermo in base alla luce ambientale.

Altra nota positiva sono la webcam e i microfoni di nuova generazione, che torneranno molto utili a chi lavora da casa e, di questi tempi, è una mossa molto saggia (e gradita) .

Molte persone ora lavorano da casa e potrebbero aver bisogno di un all-in-one, in quanto sono potenti, facili da configurare e non occupano molto spazio. Il nuovo iMac è uno dei migliori PC per i lavoratori domestici, per via del corpo compatto e delle componenti all’avanguardia.

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Disponibilità e prezzo

Apple iMac da 27 pollici (2020) è già disponibile sull’Apple Store e presso i rivenditori autorizzati Apple; vanta lo stesso prezzo della generazione precedente, quindi il modello entry level è in vendita a 2200 euro;

è dotato di un processore Intel Core i5 di decima generazione da 6 core/12 thread con una frequenza base di 3,1 GHz che sale a 4,5 GHz in Turbo Boost, 8 GB di RAM DDR4 da 2666 MHz, un SSD da 256 GB e una GPU Radeon Pro 5300 con 4 GB di VRAM GDDR6.

Il modello di fascia media costa 2400 euro ed è dotato di un processore Intel Core i5 di decima generazione da 6 core/12 thread (con una frequenza base di 3,3 e una massima di 4,8 GHz in Turbo Boost), 8 GB di RAM, un SSD da 512 GB e una scheda video Radeon Pro 5300 con 4 GB di memoria GDDR6.

Infine, c'è la versione preconfigurata di fascia alta che costa 2699 euro ed è dotata di un processore Intel Core i7 di decima generazione da 8 core/16 thread (con una frequenza base di 3,8 GHz e una massima di 5 GHz in Turbo Boost), 8 GB di RAM, un SSD da 512 GB e la GPU AMD Radeon Pro 5500 XT con 8 GB di memoria GDDR6.

Apple iMac (2020) si può anche personalizzare: è possibile aggiungere un vetro in nanotexture (per 625 euro in più), fino a 128 GB di RAM e fino a 8 TB di spazio di archiviazione (tramite SSD): una quantità di memoria ideale per i creativi che lavorano su file di grandi dimensioni e necessitano di operazioni di scrittura molto rapide.

Un Apple iMac da 27 pollici con la migliore configurazione possibile, ossia un display in nanotexture, un processore Intel Core i9 da 10 core/20 thread (con turbo boost da 5 GHz), 128 GB di RAM, una GPU AMD Radeon Pro 5700XT con 16 GB di memoria GDDR6, 8 TB di spazio di archiviazione (SSD) e una porta Ethernet da 10 gigabit costa “solo” 10829 euro.

Sì, costa un occhio della testa, ma si tratta di una workstation all-in-one molto potente, forse più di quello di cui la maggior parte delle persone necessita. Come accennato, si può personalizzare la dotazione del prodotto a piacimento, quindi potreste accontentarvi di 16 GB di RAM e di un SSD da 2 TB, per contenere i costi.

Va detto che, il modello entry-level dell'iMac da 27 pollici costa meno del Microsoft Surface Studio 2, inoltre l'all-in-one di Apple presenta componenti di gran lunga migliori del “rivale”. 

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Design

Il design dell’iMac 27 pollici (2020) è pressoché identico a quello dei predecessori, al limite possiamo citare l’introduzione dell’SSD, che ha  alleggerito il peso del dispositivo. L'altra differenza è l’eccellente display Retina 5K ora disponibile con vetro in nanotexture (da pagare a parte).

L'aspetto e le dimensioni del nuovo iMac sono le stesse dei vecchi modelli e, oramai, anche il fan più accanito riconoscerà che è il momento di un restyling.

Il design dell’iMac non cambia dal 2012 (e la versione del 2012, a sua volta, era stata leggermente modificata rispetto alla variante del 2009!) e, sebbene sia invecchiato meglio rispetto alla concorrenza, comincia a sentire gli acciacchi del tempo.

Le cornici dello schermo sono spesse e obsolete, inoltre gli all-in-one della concorrenza propongono cornici sempre più sottili, alla ricerca di un design moderno ed elegante e di dimensioni sempre più contenute.

Manca anche l’accesso biometrico. Oggi, molti laptop e desktop presentano lettori per le impronte digitali, l’iride o per la scansione del volto. I dispositivi iPhone e MacBook sono leader in questo senso, grazie alle tecnologie TouchID e FaceID, ma il nuovo iMac non ha nessuno dei due, il che è un peccato.

Come l'anno scorso, dobbiamo sottolineare che il Magic Mouse 2 (incluso nel prezzo) ha la porta di ricarica sul lato inferiore; ciò è molto fastidioso, poiché rende scomodo l’uso dello stesso mentre è in carica. Il semplice spostamento della porta risolverebbe il problema.

Lo schermo è essenzialmente lo stesso del predecessore, quindi si tratta di un display Retina 5K da 27 pollici con una risoluzione di 5120 x 2880 pixel, con una luminosità di 500 nit e il supporto allo spazio colore P3. Quest’ultimo rende l’iMac ideale per l’editing di foto e video e la risoluzione 5K permette di modificare filmati in 4K senza occupare l'intero schermo.

Il display è stato aggiornato con la tecnologia True Tone, già presente su iPad, iPhone e MacBook, che regola la temperatura del colore dello schermo in base alla luce ambientale: visualizza colori più vivaci, riducendo l'affaticamento degli occhi. Abbiamo delle riserve su True Tone, che avevamo già testato con i MacBook, poiché, sebbene migliori la qualità delle immagini in alcune condizioni, di solito finisce per rendere i colori dello schermo un po' troppo caldi. A chi necessita di un’elevata precisione del colore, consigliamo di disattivare questa opzione.

Il cambiamento più rilevante dell'iMac 27 pollici (2020) è in realtà un optional: il vetro in nanotexture. Questo materiale diffonde la luce "a livello nanometrico" nel tentativo di eliminare i riflessi, anche sotto la luce diretta del sole. Il modello che ci è stato inviato disponeva di questa funzionalità e siamo rimasti colpiti dai risultati: abbiamo constatato una notevole riduzione della riflettanza, indifferentemente dalla luce ambientale.

Abbiamo testato il nuovo iMac in ambienti particolarmente soleggiati e, laddove molti schermi soffrivano, lo schermo in nanotexture dell'iMac non ne ha risentito, quindi lo promuoviamo a pieni voti.

Certo, questa specifica costa 625 euro e il vetro standard fa ancora il suo dovere, ma poiché era disponibile solo su prodotti di fascia alta come il monitor professionale Pro Display XDR, il nuovo iMac 27 pollici (2020) è il modo più conveniente per ottenerlo.

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Benchmark

Ecco i risultati dell'Apple iMac (27 pollici, 2020) nella nostra suite di test di benchmark:

CPU Cinebench R20: 5460 punti

Geekbench 5: 1230 (single-core); 9847 (multi-core

Prestazioni

Apple ci ha inviato una delle configurazioni più potenti dell'iMac 27 pollici (2020), con schermo in nanotexture, un processore Intel Core i9 di decima generazione da 10 core/20 thread (frequenza base di 3,6 GHz e massima di 5 GHz), 32 GB di RAM, una GPU AMD Radeon Pro 5700XT con 16 GB di memoria GDDR6 e un SSD da 1 TB.

Questo modello costa circa 5500 euro, per cui le prestazioni che abbiamo riscontrato sono state ottenute con hardware che pochi utenti effettivamente useranno. Detto questo, l’iMac (2020) entry-level dovrebbe offrire prestazioni soddisfacenti.

macOS Catalina si avvia e funziona rapidamente, mentre l’SSD raggiunge una velocità di trasferimento dati di 3,4 GBps.

Abbiamo eseguito più app contemporaneamente, con browser Web pieni di schede aperte e l'iMac 27 pollici (2020) non ha perso un colpo.

Abbiamo provato a codificare un file MKV 1080p di un'ora in MP4 utilizzando l'encoder H.264 con audio surround e il processo ha richiesto solo 13 minuti e 33 secondi, il che è impressionante.

Abbiamo anche testato la GPU AMD Radeon Pro 5700XT, codificando un progetto DaVinci Resolve pieno di effetti di 2,5 minuti in un file video a 720p e con codec H.264 ed è stato completato in soli 6 minuti e 53 secondi. A confronto, l'iMac 2019 con scheda video AMD Vega 48 ha impiegato 9 minuti e 19 secondi per completare lo stesso compito. Il nuovo iMac è in grado di completare la codifica di file video in pochissimo tempo, il che è una lieta notizia per gli editor. Per i professionisti, l'iMac da 27 pollici (2020) potrebbe rivelarsi un ottimo investimento.

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Apple afferma che il nuovo iMac offre una transcodifica 8K ProRes fino al 40% più veloce in Final Cut Pro X, un rendering più veloce del 35% con Arnold in Autodesk Maya e tempi di elaborazione minori fino al 25% in Xcode e, in effetti, durante i nostri test, abbiamo riscontrato un notevole aumento delle prestazioni rispetto al predecessore.

iMac 2020 è uno dei più potenti all-in-one che abbiamo mai testato: se avete bisogno di un PC in grado di completare rapidamente attività, come la transcodifica video, l’all-in-one Apple è un'ottima scelta. Detto questo, vi ricordiamo che abbiamo avuto la fortuna di testare un iMac (2020) da oltre 5000 euro.

I nuovi iMac sono inoltre dotati del chip di sicurezza Apple T2, che offre una maggiore protezione dei dati e garantisce che qualsiasi software caricato durante il processo di avvio non sia stato manomesso.

Abbiamo verificato la qualità della fotocamera FaceTime HD da 1080p, durante numerose videoconferenze. Apple afferma che la nuova webcam cattura ottime immagini anche in condizioni di scarsa luminosità e che il chip di sicurezza T2 migliori la qualità dell'immagine grazie al processore di imaging integrato, che controlla anche la mappatura dei toni, l’esposizione e il rilevamento dei volti.

Nei nostri test, abbiamo riscontrato che la webcam offre una qualità d'immagine molto buona. Usiamo spesso webcam da 1080p su altri dispositivi, quindi non siamo rimasti sbalorditi, ma chiunque provenga da un Mac, dovrebbe notare la differenza.

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Apple ha anche introdotto dei nuovi microfoni da studio che, in combinazione con la webcam FaceTime HD, assicurano una qualità cristallina durante riunioni e videochiamate.

Abbiamo registrato un video per TechRadar utilizzando solo la webcam e i microfoni incorporati del nuovo iMac e i risultati sono stati impressionanti: di solito, dobbiamo usare periferiche esterne. Anche se probabilmente li useremo ancora in futuro, è chiaro che Apple ha migliorato notevolmente la webcam e i microfoni integrati dell’iMac, (2020) al punto che si possono tranquillamente usare anche nella creazione di contenuti, e questo significa meno disordine sulla scrivania.

Gli altoparlanti integrati dell'iMac 27 pollici (2020) sono gli stessi del predecessore, ma la qualità del suono è migliorata grazie al chip di sicurezza T2: i bassi sono più profondi e l’equalizzatore rende l’audio più nitido.

Tutti questi aggiornamenti torneranno molto utili a chi lavora da casa e cerca un nuovo all-in-one.

Apple iMac 27-inch (2020)

(Image credit: Future)

Compratelo se...

Volete un all-in-one potente

iMac 27 pollici (2020) è impressionante: è uno dei PC all-in-one più performanti sul mercato.

Lavorate da casa

Apple ha pensato il nuovo iMac per chi lavora da casa e ciò è apprezzabile di questi tempi. Non solo è potente, ma è compatto e facile da configurare; è affidabile e dispone di un'ottima webcam e di un buon microfono integrato.

Avete un vecchio iMac

Se il vostro attuale iMac non soddisfa più le vostre esigenze, l'iMac da 27 pollici (2020) non vi deluderà; costa quanto il modello del 2019 e vanta interessanti aggiornamenti.

Non compratelo se...

Avete un budget limitato

Se il vostro budget è ristretto, probabilmente l'iMac non fa al caso vostro. In commercio, si trovano PC desktop tradizionali più convenienti che saranno adatti alle vostre esigenze.

Volete migliorare il vostro PC da soli

Il sottile design all-in-one dell'iMac 27 pollici (2020) ha un prezzo: non si può aprire e aggiornarlo da soli. Ancora una volta, un PC desktop tradizionale è una scelta migliore.

Volete un rivoluzionario computer Apple

Gli upgrade del nuovo iMac sono soddisfacenti, purtroppo Apple ha mantenuto lo stesso design dei vecchi modelli. Inoltre, non monta i nuovi processori Silicon Power. Che Apple prepari il colpo grosso per il 2021?