Skip to main content

Xiaomi Mi 11 sarà il primo smartphone con Qualcomm Snapdragon 875?

(Image credit: Gizmochina)

Ci sono molte indiscrezioni in circolazione sul prossimo smartphone top di gamma Xiaomi: sarà un Mi 11, l'atteso Mi Mix 4, oppure un modello ancora diverso? Ci sono pochi o nessun dubbio, però, riguardo al fatto che il processore sarà il nuovo Qualcomm Snapdragon 875.

Lo Xiaomi Mi 11 sarà quindi tra i primi smartphone al mondo dotati di questo processore, e se l'azienda cinese dovesse decidere di anticipare i concorrenti, potrebbe arrivare anche prima del Galaxy S21, per quanto sia improbabile che arrivi subito in Europa: Xiaomi, infatti, in genere avvia la distribuzione in Cina e successivamente arrivano le versioni "global" dei suoi smartphone. Con poche eccezioni.

Xiaomi ha in mano le carte vincenti?

Pare che i produttori di smartphone stiano facendo a gara per accaparrarsi i primi Snapdragon 875, e secondo il leaker Digital Chat Station proprio lo Xiaomi Mi 11 (o come si chiamerà) sarà tra i primi smartphone ad averlo. Anzi, per un tempo limitato Xiaomi potrebbe anche avere l'esclusiva sul nuovo SoC di Qualcomm. 

Il processore dovrebbe uscire a dicembre, e dovremmo vedere il nuovo smartphone Xiaomi già a gennaio 2021 - momento in cui forse anche Samsung introdurrà il Galaxy S21/S30. Pare che Xiaomi si stia preparando a uscire un po' prima di Samsung, ma con una disponibilità iniziale limitata alla Cina. 

Secondo le fonti, sempre non ufficiali, lo smartphone Xiaomi avrà anche uno schermo 2K con frequenza di aggiornamento fino a 120 Hz, carica veloce da 200W e una fotocamera con zoom massimo 150x (quasi sicuramente digitale). 

Snapdragon 875

Ovviamente lo Snapdragon 875 sarà il processore mobile più potente della prossima generazione, e lo troveremo sugli smartphone Android migliori del prossimo anno. Si tratta di un processore realizzato a 5 nm, che dovrebbe avere almeno il 23% di potenza in più rispetto al modello precedente (Snapdragon 865). Secondo le voci potrebbe avere 9 core: i Cortex-X1, quattro Cortex-A78 e quattro Cortex-A55. 

Secondo alcune fonti, tuttavia, il nuovo processore sarà anche il 50% più caro rispetto al suo predecessore. Un aspetto che potrebbe far innalzare ulteriormente il costo dei migliori smartphone. Fortunatamente, però, oggigiorno un processore top di gamma difficilmente si può definire necessario. I processori Snapdragon 7xx sono infatti più che adeguati nella stragrande maggioranza delle situazioni, e sono montati su smartphone molto meno costosi (intorno ai 300 euro o meno).

In altre parole, chi vuole a tutti i costi il meglio della tecnologia abbia da offrire, dovrà essere pronto a pagare il prezzo del suo capriccio.