Skip to main content

Surfshark aggiunge la funzione di spoofing GPS alla sua VPN

(Image credit: Shutterstock)

Al fine di proteggere ulteriormente la privacy digitale dei suoi utenti, Surfshark ha aggiornato la sua applicazione Android VPN con una nuova interessante funzione di spoofing GPS.

Questa funzione opzionale consente di incrementare ulteriormente la protezione quando si naviga su internet, aggiungendo la possibilità di modificare la posizione fisica del dispositivo.

Surfshark è inoltre il primo provider ad aggiungere la funzione di Spoofing all’interno della propria app, così da evitare agli utenti di dover scaricare ulteriori applicazioni per prevenire la localizzazione della posizione.

Naomi Hodges, consulente per la sicurezza informatica di Surfshark, ha spiegato perché l'azienda ha deciso di aggiungere questa funzionalità di spoofing GPS alla sua app VPN, dichiarando:

"La maggior parte delle app per dispositivi mobili recupera i dati della posizione dal GPS per tracciare i propri utenti per vari scopi. A volte, fornire l'accesso al GPS del dispositivo è una condizione obbligatoria per utilizzare queste app. In molti casi, gli utenti non sanno nemmeno che alcune applicazioni li localizzano ovunque vadano. Per questa ragione e per le persone attente alla privacy, abbiamo sviluppato una soluzione di spoofing GPS che consente  di riprendere il controllo della propria privacy e, in questo caso, di esercitare il diritto di mantenere riservate le informazioni sulla posizione fisica"

Dati di localizzazione GPS

Tutti i browser web hanno accesso di default all'indirizzo IP di un utente che tuttavia si può mascherare utilizzando un servizio VPN. D’altro canto, la maggior parte delle applicazioni mobili utilizzano i dati di localizzazione GPS per tracciare gli utenti invece del loro indirizzo IP, motivo per cui i servizi VPN non possono impedire che la localizzazione degli utenti possa essere monitorata online.

Gli utenti Surfshark avranno  la possibilità di modificare virtualmente la loro posizione GPS collegandosi ad una delle posizioni del server VPN. Con la funzione di spoofing GPS attivata, qualsiasi applicazione che richiede l'accesso alle coordinate fisiche di un utente sarà sovrascritta dalle coordinate del server VPN selezionato.

Facciamo un esempio: un utente nel Regno Unito è collegato ad uno dei server VPN di Surfshark negli Stati Uniti. Quando un'applicazione sul suo smartphone richiederà la sua posizione, riceverà la posizione del server VPN negli Stati Uniti, invece che la sua effettiva posizione GPS nel Regno Unito.

Lo spoofing GPS è soltanto l'ultima aggiunta al toolkit per la protezione della privacy di Surfshark, che include anche l’antimalware, il blocco degli annunci pubblicitari e l’anti-tracker CleanWeb, il sistema di allarme per la violazione dei dati HackLock, lo strumento di ricerca privato e senza annunci BlindSearch e il server DNS gratuito TrustDNS.