Skip to main content

NordVPN, ora potete creare la vostra rete privata con Meshnet

NordVPN
(Image credit: NordVPN)

NordVPN è una delle migliori VPN sul mercato anche per la sua capacità di innovare il proprio servizio e offrire funzioni sempre nuove, così come nel caso di Meshnet, una nuova funzionalità che consente agli utenti di creare la propria rete privata personale. 

Anziché instradare le connessioni Internet tramite un server VPN, Meshnet consente agli  utenti di indirizzare il traffico attraverso altri dispositivi mediante tunnel privati e criptati. Di conseguenza, gli abbonati a NordVPN potranno collegare i propri dispositivi, insieme a quelli di amici e familiari contemporaneamente.

"Questa funzione è rivoluzionaria e trasformerà il modo in cui gli utenti si avvalgono di NordVPN", afferma Vykintas Maknickas, Product Strategist di NordVPN. 

"Il nostro product team ha lavorato senza sosta negli ultimi anni, partendo dallo sviluppo della nostra tecnologia di punta, NordLynx, che sta alla base di Meshnet e ci consente di fornire soluzioni potenziate dal punto di vista della privacy senza compromessi sulle nostre velocità, le più elevate del settore".

Meshnet è già disponibile per tutti i sistemi operativi: Windows, Linux e MacOs, nonché Android e iOS. 

Come funziona NordVPN Meshnet?

NordVPN Meshnet è una tecnologia che trasforma il vostro dispositivo in un server privato personale. In questo modo, avrete la possibilità di connettervi indipendentemente dalla vostra posizione geografica.

La tecnologia alla base di Meshnet è il protocollo NordLynx, a sua volta basato su WireGuard, per garantire la protezione dei dati su tutte le connessioni. L'aspetto più interessante è che consente il collegamento di un massimo di 60 dispositivi, indipendentemente dalla posizione. A ogni dispositivo sarà associato un indirizzo IP speciale, esclusivamente utilizzabile con Meshnet.

"Tutto quello che serve è un abbonamento a NordVPN", spiega Maknickas. 

Secondo NordVPN, Meshnet consente di creare le reti personali in modo molto semplice. In primo luogo, occorre attivare Meshnet sull'app NordVPN su tutti i dispositivi da collegare. Dopodiché, basta connettere i dispositivi o inviare un invito ad altri utenti del servizio. Per accedere al server privato personale, basta digitare l'indirizzo IP speciale.

Quando va usata la funzione NordVPN Meshnet?

Teoricamente, poter creare la propria rete virtuale offre diversi vantaggi, che addirittura aprono la strada a nuovi casi d'uso per le VPN. Ad esempio, si può usare la funzione Meshnet per i seguenti scopi:

  • Condividione di file: Meshnet consente di condividere file con amici, familiari e colleghi in modo praticamente istantaneo, senza bisogno di hosting su altri server o spazio in cloud.
  • Gaming: chi vuole maggiore velocità di connessione por il gaming, può sfruttare Meshnet come una LAN. Indipendentemente dalla posizione geografica, gli amici potranno giocare insieme ai titoli multiplayer senza cavi Ethernet.
  • Routing virtuale: se vi trovate all'estero e volete navigare con il vostro indirizzo IP, Meshnet consente di reindirizzare la vostra connessione tramite il computer rimasto a casa vostra. 

Abbiamo testato e recensito le VPN nel rispetto della normativa vigente e prettamente per scopi ricreativi, ad esempio:

1. Accedere a servizi di altri Paesi (nel rispetto dei termini e delle condizioni del servizio cui si accede);

2. Proteggere la propria sicurezza e aumentare la propria privacy online;

Non supportiamo in alcun modo utilizzi illegali o fraudolenti dei servizi VPN.

L’utilizzo di VPN per accedere a contenuti pirata non è in nessun modo approvato da Future Publishing.

Chiara is a multimedia journalist, with a special eye for latest trends and issues in cybersecurity. She is a Staff Writer at Future with a focus on VPNs. She mainly writes news and features about data privacy, online censorship and digital rights for TechRadar, Tom's Guide and T3. With a passion for digital storytelling in all its forms, she also loves photography, video making and podcasting. Originally from Milan in Italy, she is now based in Bristol, UK, since 2018.

With contributions from