Microsoft vuole integrare l'IA nelle ricerche su Bing con ChatGPT

The Bing search bar in a web browser window
(Immagine:: Shutterstock / chrisdorney)

Microsoft si sta preparando a lanciare una nuova versione di ChatGPT, il modello linguistico di OpenAI per la generazione di testo tramite apprendimento automatico, integrata nel motore di ricerca Bing per i browser web.

Come riportato da The Information (Si apre in una nuova scheda), i piani sono stati rivelati da due addetti ai lavori di Microsoft, secondo cui l'azienda avrebbe già implementato il modello linguistico GPT in alcuni elementi di Bing in seguito all'investimento di 1 miliardo di dollari in OpenAI nel 2019, tra cui la funzione di completamento automatico, utilizzata per prevedere ciò che gli utenti potrebbero cercare in base a una query di ricerca parzialmente completa.

La notizia giunge meno di un mese dopo che Google è stata dichiarata in "codice rosso" a causa delle pressioni esercitate dai dipendenti per implementare l'intelligenza artificiale nel proprio motore di ricerca, con il capo della divisione AI di Google Jeff Dean che ha affermato che l'impiego dell'intelligenza artificiale potrebbe far diminuire la fiducia degli utenti in Google se fornisse informazioni errate agli utenti.

Ricerca su Bing e GPT

Sebbene esistano modi per aumentare il grado di precisione delle informazioni fornite dall'IA, come la citazione delle fonti, Microsoft rimane cauta e, stando a quanto riferito, non è ancora pronta a sostituire completamente il modello esistente di Bing, che suggerisce link web pertinenti alle query.

"Bing si affiderà ancora alla propria tecnologia per produrre la maggior parte dei risultati di ricerca", ha dichiarato un rappresentante del colosso di Redmond, sottolineando che GPT non è stato progettato per lo scraping costante di dati da Internet. ChatGPT stesso avverte gli utenti che ha una "conoscenza limitata del mondo e degli eventi successivi al 2021", alludendo al fatto che il modello linguistico GPT non possa addestrarsi al volo.

"GPT potrebbe anche supportare Bing nel suggerimento efficace di altre parole chiave che gli utenti potrebbero digitare per vedere le risposte a ricerche correlate", ha dichiarato l'insider, o suggerire agli utenti altre query correlate spiegandone la rilevanza.

Anche se non c'è nulla di definitivo, il portavoce dell'azienda ha affermato che alcuni elementi di ChatGPT potrebbero essere integrati nel motore di ricerca di Bing già a marzo, e che Microsoft potrebbe considerarlo "uno degli unici modi per accedere ad alcune parti di GPT". 

La mossa arriva mentre OpenAI cerca occasioni di monetizzazioni future per ChatGPT, come un ulteriore modo per raccogliere capitali accanto a investimenti aziendali redditizi (Si apre in una nuova scheda) come quelli di Microsoft.

  • Le migliori VPN del 2023
Marco Doria
Senior editor

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.

Con il supporto di