Skip to main content

Microsoft sfida gli hacker a crackare la sua versione customizzata di Linux

Azure Sphere
(Image credit: Microsoft)

Microsoft vuole migliorare la sua versione personalizzata di Linux, Azure Sphere OS, lanciando una sfida agli hacker a violare la sicurezza del sistema operativo. L’azienda offre fino a $ 100.000 (poco più di 90 mila euro) a chi saprà dimostrare una vulnerabilità. 

Azure Sphere OS è una soluzione progettata per i dispositivi Internet of Things, e come accennato è un sistema operativo basato su Linux.. Oltre a utilizzare appositi hardware e componenti di sicurezza in cloud, mira ad ottenere il massimo livello di sicurezza per il sistema e per tutti gli smart gadget collegabili.

La sfida è aperta a tutti e dura tre mesi, da giugno fino alla fine di agosto: white hat e interessati devono presentare domanda per poter partecipare entro il 15 maggio.

Microsoft pagherà qualsiasi ricercatore riesca a dimostrare di poter eseguire il codice sul sottosistema di sicurezza Pluton di Microsoft, secure root su cui si basa l’ hardware (integrata nel processore) per Azure Sphere o Secure World.

Ethical hacking

È pratica comune per tutti i produttori di sistemi operativi far testare le proprie difese dagli ethical hacker (white hat), sapendo che inevitabilmente verranno attaccati da hacker malintenzionati. L’idea di queste inziative è quella di correggere eventuali vulnerabilità del sistema (sempre presenti nella maggior parte dei software complessi).  È anche per questo che riceviamo sempre aggiornamenti sui nostri dispositivi. 

Come probabilmente saprete, Internet of Things è di solito considerata un problema per la sicurezza, essendo una ricca fonte di opportunità per gli hacker, quindi un sistema più sicuro per gli smart gadget è senza dubbio molto apprezzato.

Tramite: The Verge