Il nuovo Chromebook Dell apre a tutti l'accesso a Internet

Dell Chromebook 3100 LTE
(Immagine:: Dell)

La pandemia di coronavirus continua a stravolgere le vite di molti lavoratori, ma non dobbiamo dimenticare l'impatto del virus sui bambini e i ragazzi di età scolare.

Tenendo in considerazione questo fattore, Dell ha rilasciato un nuovo Chromebook con connettività LTE, progettato appositamente come portatile per gli studenti.

Per soddisfare le esigenze degli studenti in apprendimento da remoto, Dell ha introdotto il Chromebook 3100 con LTE. Il nuovo dispositivo consente al suo proprietario di scegliere l'operatore mobile ed è un prodotto che farà sicura presa fra gli studenti in cerca di un accesso a Internet affidabile.

Internet per tutti

Oltre al nuovo Chromebook, Dell ha svelato anche il nuovo dispositivo Latitude 3120, che può essere usato come notebook o 2-in-1. Grazie alla tecnologia Wi-Fi 6 ultraveloce, il dispositivo dovrebbe garantire una connessione rapida e affidabile a chi lavora o studia da remoto.

I nuovi prodotti Dell sono progettati anche per resistere agli urti e alle sollecitazioni tipicamente inflitti dagli utenti più giovani. Tutti i dispositivi pensati dall'azienda per l'ambito educativo sono testati per resistere a cadute da circa 1,21 m su pavimenti di compensato, nonché a versamenti di liquidi fino a circa 354 ml.

I nuovi laptop Dell dovrebbero contribuire in modo sostanziale a un maggiore accesso a Internet, in particolar modo negli Stati Uniti. Secondo una ricerca (Si apre in una nuova scheda) pubblicata l'anno scorso, la latenza online può avere conseguenze gravi sulla capacità di lavorare e apprendere in modo efficace.

"La pandemia ha svelato la disparità di accesso ai requisiti di base per l'apprendimento da remoto", spiega Meghana Patwardhan, vicepresidente dei prodotti Dell Latitude e Mobility di Dell Technologies.

"Di recente, una nuova analisi di Common Sense e Boston Consulting Group dimostra che fino a 16 milioni di bambini e 400 mila insegnanti negli Stati Uniti sono privi di un accesso adeguato a Internet o a dispositivi informatici a casa. Ciò è più evidente nelle comunità rurali e composte da minoranze etniche, dove il mancato accesso alle esigenze di base (dispositivi, banda larga, alfabetizzazione digitale e competenze fondamentali per l'economia digitale) costituiscono il rischio di ulteriori passi indietro".

Barclay has been writing about technology for a decade, starting out as a freelancer with ITProPortal covering everything from London’s start-up scene to comparisons of the best cloud storage services.  After that, he spent some time as the managing editor of an online outlet focusing on cloud computing, furthering his interest in virtualization, Big Data, and the Internet of Things.