Skip to main content

Google dà un giro di vite alla sicurezza di Android

Best PDF reader for Android
(Image credit: Pixabay)

Google ha annunciato che sta espandendo il suo programma di protezione, che offre misure di sicurezza avanzate per proteggere gli account degli utenti dagli attacchi delle applicazioni di terze parti.

Play Protect è il sistema di protezione antimalware di Google, che scansiona ogni giorno oltre 100 miliardi di app, sia all'interno che all'esterno del Play Store. Inoltre, esegue la scansione continua di tutte le app installate sullo smartphone alla ricerca di comportamenti o attività anomale.

Il programma offre un ulteriore incremento della sicurezza bloccando i tentativi non autorizzati di accedere agli account, limitando l'accesso ai dati e altro ancora. Google Play Protect supporta anche l'uso di chiavi di sicurezza fisiche e ora sarà abilitato automaticamente senza alcuna possibilità di disattivarlo.

Protezione da malware 

In futuro, il programma di protezione avanzata limiterà la capacità dell'utente di installare app di terze parti al di fuori del Play Store, sperando che aiuti a proteggere i vostri smartphone da ulteriori minacce. 

Tuttavia, il programma consentirà agli utenti di scaricare app da AppStore di terze parti, qualora questi dovessero essere già pre-installati all’interno dello smartphone o tramite uno strumento di sviluppo specifico fornito da Google. Le app di terze parti che sono già installate sullo smartphone, invece, funzioneranno come prima.

Le app di terze parti presentano un rischio elevato poiché non sono sottoposte a scansione per malware e possono essere utilizzate per rubare dati o hackerare in remoto lo smartphone.

Il programma di protezione avanzato di Google è stato introdotto nel 2017 per offrire un ulteriore livello di sicurezza a persone che hanno una certa importanza, come politici, giornalisti, attivisti, leader aziendali e simili. Il suo obiettivo principale è offrire protezione contro i tentativi di phishing e controllare l'impatto delle app dannose.

Via: TechCrunch