Skip to main content

Google Chrome per Android introduce l'autenticazione biometrica per i pagamenti

(Image credit: Shutterstock / Allmy)

Google sta per aggiungere un sistema di autenticazione biometrica alla funzione Chrome Autofill presente sui dispositivi Android per migliorare la sicurezza degli acquisti online.

Gli utenti dovranno comunque inserire le proprie informazioni manualmente quando sceglieranno di utilizzare una nuova carta di credito; una volta registrata, per i successivi acquisti, Chrome per Android consentirà di bypassare il controllo tramite CVV e di autenticare le transazioni tramite face ID o impronte digitali. 

Google Chrome implementerà un processo simile per accedere ai servizi online. La nuova funzione touch-to-fill farà comparire una lista di account collegati alla pagina web alla quale l’utente è attualmente connesso, consentendo quindi di verificare la sua identità utilizzando i dati biometrici. 

Google Chrome Autofill

Al di là dell’ovvia convenienza di questo sistema, Chrome Autofill rappresenta un grande passo in avanti in termini di sicurezza. 

In precedenza se un utente terzo avesse utilizzato uno dei vostri dispositivi, avrebbe potuto accedere agli account presenti in esso tramite la funzione Autofill (che non richiede alcuna autenticazione aggiuntiva). Grazie all’utilizzo dei dati biometrici questo non sarà più possibile (a meno che non abbiate un fratello gemello). 

Tutti gli utenti che ci tengono alla propria sicurezza, di norma, utilizzano un password manager piuttosto che attivare l’opzione di autocompilazione presente sul browser. Con il prossimo aggiornamento di Chrome per Android non sarà più necessario in quanto le credenziali verranno conservate in modo sicuro.   

Per garantire la sicurezza delle informazioni biometriche, durante la fase di registrazione delle impronte digitali e dei dati facciali, Chrome utilizza lo standard WebAuthn. Google ha infatti rassicurato gli utenti, garantendo che i dati biometrici rimarranno sempre nel dispositivo e non verranno mai trasmessi al cloud. 

La nuova funzione riduce inoltre il rischio di scam tramite attacchi di phishing. Se di norma una pagina "clone" creata su un dominio illegittimo poteva ingannare un utente meno esperto portandolo a inserire i propri dati, con il nuovo Chrome sarà molto più difficile replicare il sistema di log-in. 

Già disponibile su Chrome per Mac e Windows, l’autenticazione biometrica arriverà sui dispositivi Android nelle prossime settimane.

Via 9to5Google