Skip to main content

Dietro le quinte di Rotten Tomatoes

(Image credit: Rotten Tomatoes)

Grazie ad un articolo di Wired, scopriamo alcuni retroscena su Tim Ryan di Rotten Tomatoes, famoso sito web di critica cinematografica.

Tim Ryan è un eccitabile 42enne esperto di film con una zazzera di capelli rossastri. A vent'anni, ha lavorato come reporter di giornali nel Rhode Island e ha trascorso le sue pause di inattività abbuffandosi di classici. "Come Godard e i film di propaganda russi", afferma. In seguito si trasferì nella Bay Area, dove si trovava il nascente sito Web di valutazione dei film Rotten Tomatoes . Quando si aprì una possibilità di lavoro nel sito nel 2004, gli sembrò un'opportunità che avrebbe potuto cambiargli la vita. Ce l'ha fatta ed ora Ryan si paragona al personaggio di Mark Wahlberg nel criticato film Rock Star. Passò da "essere il più grande fan ad essere il cantante solista".

Ryan, il dipendente più longevo del sito, di recente si è impegnato in un ambizioso progetto a cui stava lavorando già da un po'. Quando ha visitato gli uffici di Rotten Tomatoes in ottobre,ora a Beverly Hill,  ha spiegato: "Una cosa a cui ho pensato è, e se Rotten Tomatoes fosse sempre esistito?" Ryan avrebbe valutato ogni film mai realizzato . O meglio, ogni recensione di ogni film mai realizzato.

Il primo lungometraggio al mondo, intitolato The Story of the Kelly Gang , è una pellicola lunga circa un'ora su una banda di banditi australiani fuorilegge. Gli eventi descritti includono il furto di bestiame, la rapina in banca e il tentativo di deragliamento del treno. È stato presentato per la prima volta il 26 dicembre 1906, nell'Athenaeum Hall di Melbourne. Il giorno dopo è arrivata la prima recensione cinematografica al mondo, che Ryan ha rintracciato in una versione digitalizzata del quotidiano The Age di Melbourne:

"Uno sforzo coscienzioso e, nel complesso, credibile, è stato fatto per riprodurre le tragedie nel momento in cui si sono verificate, e sebbene ci fossero delle imperfezioni nei dettagli, probabilmente pochi nella sala avrebbero avuto abbastanza ricordi per poterle rilevare."

Il film è stato riprodotto per cinque settimane di tutto esaurito  all'Ateneo, prima di migrare a un teatro a Sydney. Quindi Ryan ha visitato il Daily Telegraph di Sydney , dove ha trovato la recensione del numero due del mondo.

"I film sono chiari e distinti, i principali attori interessati al dramma nella foresta sono abbastanza riconoscibili, le fotografie sono state scattate nel" paese di Kelly "e dopo aver preso le dovute precauzioni per alcune riconosciute libertà prese, il disco illustrato è probabilmente soddisfacente come qualsiasi altra cosa del tipo acquistabile in quel momento.”

Quindi, 112 anni dopo la loro prima pubblicazione, le recensioni sono state caricate su Rotten Tomatoes. Ryan ha interpretato la prima recensione come "Fresh" e la seconda come "Rotten". Fino a nuovo avviso, e possibilmente fino alla fine dei tempi, la valutazione autorevole su Internet di The Story of the Kelly Gang presenterà un pomodoro rosso scintillante e un fetido splat verde.