Asus ZenFone 6 vs Samsung Galaxy S10: meglio una fotocamera rotante o il buco nel display?

null
Image Credit: TechRadar

La serie degli Asus ZenFone è in commercio da cinque anni. Eppure non ci stupiremmo nello scoprire che qualcuno di voi ignora che Asus produce smartphone...

Lo ZenFone 6 rappresenta lo sforzo più importante del produttore taiwanese dal 2014. Si tratta di un modello di fascia alta ma di prezzo medio che punta a chi vorrebbe un Samsung Galaxy S10 ma non se lo può permettere. 

Costa significativamente di meno e ha una particolare fotocamera rotante che può essere usata sia per i selfie che per gli scatti classici. Al confronto Samsung Galaxy S10 sembra tradizionale.

Ma i due modelli si possono paragonare? Diamogli un'occhiata.

Prezzo e disponibilità

Il Samsung Galaxy S10 è stato annunciato a febbraio del  2019.  Lo ZenFone 6 arriva a maggio.

Oggi Galaxy S10 costa circa 690 euro su Amazon. Lo ZenFone 6 parte da 499 euro anche se ha meno memoria RAM e di archiviazione rispetto a S10. Ha 6GB di RAM invece di 8GB e 64GB di archiviazione invece di 128GB. 

In realtà esiste la versione di ZenFone 6 con 128GB di spazio e 6GB di RAM a 559 euro. La versione top ha 8GB di RAM e 256GB di spazio e costa €599.

Design

Immagine 1 di 2

Asus ZenFone 6

Asus ZenFone 6
Immagine 2 di 2

Samsung Galaxy S10

Samsung Galaxy S10

Il design dei vari smartphone è ormai molto simile. I modelli di fascia alta sono in metallo e vetro. I modelli più economici sono in una plastica che sembra metallo e vetro. Quello veramente costosi sono in vetro ricurvo.

Il Samsung Galaxy S10 è un classico esempio con il suo vetro curvo ai bordi anteriori che fa sparire la già piccola cornice. 

Asus ZenFone 6 è un po' differente. La parte anteriore è piatta come accade con i modelli di produttori che cercano di realizzare alternative economiche di Galaxy S10.

In realtà un vetro piatto è più semplice ed economico da realizzare rispetto a uno curvo. La cornice di ZenFone 6 è piccola ma non invisibile come quella di Galaxy S10.

Visto direttamente, Galaxy S10 offre l'impressione di un modello costoso di fascia alta. Nello ZenFone 6 è il vetro posteriore ad essere ricurvo con i lati in alluminio. Sembra anch'esso un modello di fascia alta.

Altre caratteristiche hardware sono mischiate. Asus ZenFone 6 ha il jack audio. Samsung’s Galaxy S10 no.  S10 ha la certificazione IP68 (impermeabilità), il modello di Asus no.

Display

Immagine 1 di 2

Immagine 2 di 2

Gli schermi di Samsung Galaxy S10 e Asus ZenFone 6 sono diversi. Quello di Samsung è da 6.1 pollici mentre quello di Asus con 6.4 pollici è più grande. Ma la vera differenza non riguarda le dimensioni.

Samsung integra la fotocamera anteriore in un buco nel display di Galaxy S10. Si tratta di una specie di notch, ma ancora più piccolo.

ZenFone 6 ha risolto il problema non usando buchi o notch. Lo smartphone non ha però nemmeno una fotocamera anteriore per i selfie ! Tocca alla fotocamera posteriore motorizzata girarsi su se stessa quando volete farvi un selfie. Si tratta di un'ottima soluzione che lascia il display completamente libero e in grado di visualizzare video senza problemi. 

Però il display di Samsung S10 ha una risoluzione maggiore. Quello di ZenFone 6 ha una risoluzione di 2340 x 1080 pixel, cioè Full HD allungato. Il Samsung è un passo avanti con i suoi 3040 x 1440 pixels.

Basta guardarli per notare la differenza. Ma non è una differenza enorme e dipende dalla distanza con cui si tiene lo smartphone.

Varia anche la tecnologia del display. Quello di Samsung è un pannello Super AMOLED  (realizzato da  Samsung Display), mentre Asus ha un pannello LCD di alta qualità. L'OLED è superiore per contrasto e angolo di visione anche se la saturazione dei colori di ZenFone 6 è ottima per un LCD.

Prestazioni e software

Alcune versioni del Samsung Galaxy S10 usano lo stesso processore di Asus ZenFone 6, ma non tutte.

Samsung commercializza diverse versioni nel mondo. In Europa e in Medio Oriente il processore è l'Exynos 9820 realizzato da Samsung. Negli USA e in Cina  è lo Snapdragon 855

Lo stesso Snapdragon 855 presente nell'Asus ZenFone 6. Quale CPU sceglieremmo? Il Qualcomm Snapdragon 855 offre più autonomia e maggiori velocità nella sezione grafica. 

Come rapporto potenza-prezzo perciò vince Asus ZenFone 6.

Risulta vincente, sorprendentemente, anche per chi vuole l'esperienza originale Google. ZenFone 6 ha un'interfaccia chiamata ZenUI 6, che è quasi identica a quella classica Android.

Galaxy S10 usa l'interfaccia originale di Samsung. Realizzata molto bene, ha poco da invidiare a quella classica Android. Ci piacciono entrambe, per cui lasciamo la scelta a voi. 

Fotocamera

Immagine 1 di 2

Asus ZenFone 6

Asus ZenFone 6
Immagine 2 di 2

Samsung Galaxy S10

Samsung Galaxy S10

A metà 2019 la fotocamera motorizzata girevole del'Asus ZenFone 6 rappresenta la novità più interessante di entrambi i modelli. Una sola fotocamera può essere usata come anteriore o posteriore. 

Risulta perciò differente dalla soluzione di Oppo Reno e OnePlus 7 Pro, che hanno fotocamere motorizzate solo anteriori . 

In confronto Samsung Galaxy S10 con la sua fotocamera anteriore e tripla posteriore può sembrare tradizionale, visto che nessuna si muove.

Ma basta guardare in profondità per scoprire le differenze. Il Galaxy ha una fotocamera  con una lente a doppia apertura: f/1.5 per quando c'è poca luce e f/2.4 se ce n'è molta.

Le tre fotocamere posteriori permettono di realizzare scatti ultra-grandangolari e zoom 2x  con sensori rispettivamente da 12MP e 16MP. La fotocamera secondaria di ZenFone 6 è una ultra-grandangolare da 13MP. Lo zoom è solo digitale.

Visto che Asus ZenFone 6 ha una fotocamera da 48 megapixel, usare lo zoom digitale potrebbe sembrare una buona idea. In realtà il sensore IMX586 usato in questo (e in altri modelli 2019) non riesce a realizzare foto di qualità superiore. Avremmo preferito quindi uno zoom ottico.

Questo sensore non è ai livelli di quello da 40 megapixel dello Huawei P30 Pro. Basta considerare che lo usano smartphone economici come il Motorola One Vision che costa 299 euro.

Si tratta infatti di un sensore “pixel bin”, in cui quattro pixel in realtà ne creano uno sull'immagine.

Stiamo preparando la recensione completa di Asus ZenFone 6. Abbiamo ancora dei dubbi sul fatto che possa superare il fantastico Galaxy S10, ma ha sicuramente le potenzialità di smuovere le acque.

Batteria

Per alcuni aspetti l'esperienza di Samsung applicata al Galaxy S10 batte lo ZenFone 6. Ma Asus ha il vantaggio per quanto riguarda la capienza della batteria. 

Lo ZenFone 6 infatti ne monta una da 5000mAh. Secondo l'azienda può garantire due giorni di uso continuo, o 33,3 ore di chiamata. Non ci viene in mente nessuno che potrebbe voler parlare al telefono così a lungo. 

Se però non riusciremo davvero a usarlo per due giorni, saremo molto delusi.

Questo è particolarmente importante in Europa, visto che le varianti Exynos del Galaxy S10 hanno un'autonomia minore rispetto a quelle Qualcomm. 

La batteria da 3.400mAh si può esaurire facilmente in un giorno. Un motivo importante per scegliere il modello Asus, almeno per quelle persone che usano il telefono molto intensamente e per tutta la giornata. 

Entrambi gli smartphone hanno la ricarica rapida, ma l'Asus ci mette di più a caricarsi per via della maggiore capacità. Solo il Galaxy S10 invece ha la ricarica wireless.

Conclusioni

Immagine 1 di 2

Asus ZenFone 6

Asus ZenFone 6
Immagine 2 di 2

Samsung Galaxy S10

Samsung Galaxy S10

Asus ZenFone 6 è uno smartphone più strano di Galaxy S10, non ci sono dubbi.

Ma alcuni di voi lo preferiranno, soprattutto chi non ama il processore Exynos di Samsung. La maxi batteria da 5000mAh sarà il motivo per altri...

La fotocamera rotante dell'Asus ZenFone 6 è strana, persino a confronto delle altre fotocamere a scomparsa. Ma se non è altro è qualcosa di cui si può parlare, e offre qualche vantaggio concreto per i vlogger. 

Lo preferiremmo al Galaxy S10 se costassero uguale? Probabilmente no. Ma il costo è un fattore rilevante e, insieme all'autonomia, rende l'Asus ZenFone 6 un prodotto interessante almeno per alcune persone. 

Immagine: TechRadar