Accordo Nvidia-Arm, Google e Microsoft non ci stanno

arm nvidia
(Immagine:: Nvidia)

Oltre a Qualcomm (Si apre in una nuova scheda), anche Google e Microsoft hanno sollevato delle obiezioni circa l'acquisizione da 40 miliardi di dollari di Arm da parte di Nvidia.

Secondo CNBC (Si apre in una nuova scheda) e Bloomberg (Si apre in una nuova scheda), entrambi i giganti tech si sono rivolti agli enti normativi in USA, Europa, Regno Unito e Cina, manifestando le loro preoccupazioni sul modo in cui l'accordo cambierebbe il rilascio delle licenze da parte di Arm per i propri chip.

Ciononostante, il CEO di Nvidia Jensen Huang ha spiegato al Financial Times (Si apre in una nuova scheda) che il produttore di chip manterrà il modello di licenze aperte di Arm e che Nvidia non ha intenzione di ridurre o negare la fornitura dei prodotti ad altri clienti.

Al momento, i chip Arm vengono impiegati nel 95% degli smartphone del mondo e i giganti tech temono che diventerà più difficile utilizzare la proprietà intellettuale dell'azienda britannica, qualora l'acquisizione ricevesse l'approvazione normativa richiesta per portare a buon fine l'accordo.

AI sempre più avanzata

Sebbene l'acquisizione dell'azienda responsabile dei più popolari chip al mondo potrebbe aiutare Nvidia a espandere i propri affari, il produttore di GPU sostiene che tale acquisizione si basa sul rendere l'AI sempre più avanzata.

Di recente, Nvidia ha investito ingenti somme in quest'ambito e l'azienda è al lavoro sull'upscaling basato sull'apprendimento automatico o machine learning, allo scopo di aumentare le prestazioni delle proprie schede grafiche affinché vengano impiegate nelle auto a guida autonoma.

Nel frattempo, Google e Microsoft starebbero sviluppando i propri chip basati su Arm, mentre tutti i processori Qualcomm si basano su un'architettura realizzata dall'azienda britannica.

La questione è attualmente al vaglio della Competition and Markets Authority (Si apre in una nuova scheda) in Regno Unito, della Commissione Europea (Si apre in una nuova scheda) e della US Federal Trade Commission (FTC) negli Stati Uniti.

Dovremo attendere la fine delle indagini per scoprire se Nvidia riuscirà o meno ad acquisire Arm.

Fonte: The Verge (Si apre in una nuova scheda)

After working with the TechRadar Pro team for the last several years, Anthony is now the security and networking editor at Tom’s Guide where he covers everything from data breaches and ransomware gangs to the best way to cover your whole home or business with Wi-Fi. When not writing, you can find him tinkering with PCs and game consoles, managing cables and upgrading his smart home.