Skip to main content

Recensione Nothing Phone 1

Il Phone 1 è fatto per far parlare di sé

Nothing Phone (1) back in-hand 21:9
(Image: © Future)

Verdetto

A prima vista il fascino del Nothing Phone 1 si basa sul suo design e sulla forza della sua storia di marketing. L'azienda ha chiaramente imparato la lezione dal suo primo prodotto e il livello di rifinitura del Phone 1 supera le aspettative, mentre caratteristiche uniche come il retro trasparente e l'illuminazione posteriore della Glyph Interface coniugano innovazione e funzionalità in un modo che è non s'era mai visto con altri smartphone.

Pros

  • +

    Esperienza utente pulita basata su Android Nothing OS

  • +

    Design trasparente e Glyph Interface strepitosi

  • +

    Buon rapporto prezzo/prestazioni

Cons

  • -

    L'interfaccia utente deve essere perfezionata

  • -

    Il chipset vecchiotto e di fascia media potrebbe scoraggiare qualcuno

  • -

    Durata della batteria insoddisfacente

Se state leggendo la recensione del Nothing Phone 1 probabilmente vi trovate in una di queste due categorie: chi non ha mai sentito parlare dell’azienda Nothing e si sta chiedendo cosa sia esattamente il Phone 1, oppure chi si è appassionato alla storia dello smartphone di debutto della startup londinese ed è ansioso di scoprire se l'attesa è valsa la pena ora che l’hype è finito e si fanno i conti con la realtà dei fatt

Nothing rimane un'azienda misteriosa, il Phone 1 è solamente il suo secondo prodotto fisico che ha creato nella sua breve esistenza. Il primo sono stati gli auricolari true wireless Ear 1 del 2021.

Questi auricolari hanno improntato la tipologia di prodotti che l'azienda aspira a realizzare, definendo una chiara linea di design sia per il marchio che per i suoi prodotti futuri, direzione che è stata confermata a pieno con il Phone 1.

Prima del lancio del Phone 1, il CEO e cofondatore di Nothing, Carl Pei (noto per OnePlus), ha dichiarato fin dall'inizio che il prodotto è stato realizzato per contribuire a riportare un po' di allegria nel mercato della telefonia mobile. Riuscirà a raggiungere il suo scopo?

Ora che il Phone 1 è arrivato si capisce che è stato realizzato facendo qualcosa di più che attenersi a una semplice lista di caratteristiche scopiazzate dagli altri.Il suo design posteriore è diverso da qualsiasi altro smartphone sul mercato e alcune funzionalità, come l'illuminazione dell'interfaccia Glyph sul retro, offrono fascino e stravaganza, inoltre l'accoppiata di software e hardware risulta ben assortita e performante.

Certo le fotocamere non sono ai vertici della categoria e la durata della batteria lascia un po' a desiderare, ma a livello tecnico è sicuramente in grado di essere il compagno di tutti i giorni ed è molto più interessante di tanti altri smartphone della stessa fascia di prezzo.

Nothing Phone 1 prezzo e disponibilità

  • Prezzo di partenza 499,00 euro
  • In vendita dal 21 luglio

Sono disponibili da fine luglio diverse versioni del Phone 1 che variano sia il colore di base (nero o bianco) che la memoria. Il costo si differenzia in base alla capacità della memoria: quello con 8+128 GB costa 499,00 euro, la versione 8+256 GB  529,00 euro e il più capiente 12+256 GB viene venduto a 579,00 euro. Anche su Amazon il prezzo rimane ancora praticamente invariato, avendo uno sconto di solo una decina di euro sulle versioni più costose.

Nothing Phone (1) back angled on table logo close up

(Image credit: Future)

Prima dell'uscita un numero selezionato di appassionati ha avuto l'opportunità di fare delle offerte per una serie limitata di 100 dispositivi “firmati”, tramite la piattaforma d'asta StockX, prima ancora che venissero resi noti i dettagli dell'hardware e del software dello smartphone. Secondo quanto riferito alcune persone hanno pagato più di 3.000 dollari per avere il privilegio di essere tra i primi a possedere un Phone 1.

Inoltre Nothing ha  creato un sistema di inviti (non dissimile da quello impiegato dalla precedente azienda di Pei per il OnePlus One) che ha permesso a coloro che lo avevano ricevuto di entrare in una lista d'attesa per essere tra i primi a poter preordinare un Phone 1.

Prima dell'uscita generale del 21 luglio, Nothing ha ospitato in diverse località, tra cui Londra, dei chioschi pop-up in cui i fan interessati hanno potuto toccare con mano il dispositivo e persino acquistarne uno sul posto.

  • Punteggio prezzo:4/5

Nothing Phone 1 design

  • Leggero per le sue dimensioni ma un po' ingombrante
  • Design accattivante con retro trasparente
  • Finiture di elevata qualità con pulsanti tattili
  • Certificazione IP53 contro polvere e acqua

Anche se abbiamo potuto studiare il design del Phone 1 nelle immagini ufficiali di Nothing prima del suo lancio, toccare con mano il dispositivo è senza dubbio un'esperienza diversa e più coinvolgente.

Il design complessivo ricorda immediatamente una riedizione dell’iPhone 12 di Apple, in particolare per la cornice metallica dai lati squadrati, gli angoli arrotondati, la parte anteriore e posteriore piatta e il posizionamento della doppia fotocamera posteriore; basta ridimensionarlo, farlo passare attraverso una macchina a raggi X e voilà.

E naturalmente ci chiederete “Perché una macchina a raggi X?” Ebbene il grande punto di forza del design dell'Phone 1 è il suo retro, infatti è completamente trasparente.

Nothing Phone (1) side on table

(Image credit: Future)

Abbiamo già visto telefoni con il retro trasparente, ma di solito i componenti sottostanti sono solo parzialmente visibili (come nel caso dell'HTC U12+) o del tutto finti (come nel caso del Mi 8 Explorer Edition di Xiaomi). Nothing invece ha progettato le parti che rimangono visibili nella parte posteriore per essere funzionali ed esteticamente gradevoli.

Girando il telefono tra le mani i giochi di luci e di ombre che appaiono sopra e sotto i vari strati di componenti, viti e cavi a nastro al di sotto del vetro posteriore del Phone 1 lo rendono un pezzo di elettronica molto più interessante da guardare rispetto alla maggior parte degli altri smartphone presenti sul mercato. Senza contare che c'è la firma di Teenage Engineering (un'azienda svedese di elettronica molto alla moda, che collabora con Nothing per il suo design industriale) praticamente ovunque.

A proposito di segni da lasciare, anche se il Phone 1 ha il retro in Gorilla Glass 5 completamente trasparente, non si notano troppo le ditate e inoltre quando le macchie si vedono si eliminano abbastanza facilmente.

Chi comprerà una custodia ufficiale per il Phone 1 potrà apprezzarne la trasparenza appena tolta dalla confezione (la custodia è, non a caso, trasparente). Tuttavia aspettatevi che le impronte ei vari segni vi aderiscano molto più facilmente e che richiedano più impegno per essere eliminate in confronto a quelle sul telefono stesso.

Nothing Phone (1) front angled on table with case

(Image credit: Future)

Al momento del lancio Nothing offre il Phone 1 in due finiture: un modello nero e uno bianco. Il primo ha un aspetto più sobrio, mentre il secondo serve ad accentuare l'elemento di design distintivo, state certi che farà parlare di sé quando si entra in un bar e lo si posa casualmente sul tavolo.

Nonostante i lati squadrati, i bordi del telaio in alluminio riciclato sono sottilmente arrotondati per garantire che il Phone 1 sia più comodo in mano di quanto ci si aspetterebbe e, inoltre, sembra più leggero di quanto la sua struttura possa far pensare: con 193,5 g, si colloca al di sotto della soglia dei 200 grammi oltre la quale il peso di un dispositivo inizia a farsi sentire.

Il tasto di accensione sul lato destro del dispositivo e gli altri due controlli del volume sul lato sinistro sono grandi, facili da raggiungere e rispondono con un clic soddisfacente che non richiede molta forza. La certificazione IP53 indica che il Phone 1 può essere utilizzato senza problemi sotto una leggera pioggerellina e che dovrebbe impedire alla polvere di penetrare nella cavità dietro il vetro posteriore trasparente, basta non farlo cadere nel lavandino o gettarlo in giro per la spiaggia senza controllo.

Durante i nostri test il vetro e la struttura metallica non hanno mostrato segni evidenti di usura, fatta eccezione per la pellicola di protezione dello schermo in plastica (preinstallata) e il cavo di ricarica, entrambi usciti già malconci dalla confezione originale.

Ciò potrebbe essere dovuto alla limitata capacità operativa di Nothing in fase di avviamento, le dimensioni ridotte dell'azienda aumentano la possibilità di errori nel controllo qualità rispetto a un colosso ben oliato come Samsung o Xiaomi, oppure potrebbe essere solo un problema limitato alla versione per la stampa che abbiamo ricevuto.

  •   Punteggio del design: 4/5

Nothing Phone 1 Glyph Interface

  • Esclusivo sistema di illuminazione LED per le notifiche
  • Modelli personalizzabili per suonerie e notifiche
  • Diventa una luce extra durante le riprese video

Il retro trasparente del telefono sarà sicuramente un elemento di conversazione, ma la vera caratteristica distintiva è quella che Nothing ha battezzato come Glyph Interface: una serie di 900 LED bianchi disposti sul retro del telefono che agiscono all’unisono come una sorta di luce per notifiche sotto steroidi.

I LED sono distribuiti in modo da formare delle barre di luce che corrono intorno al margine dei vari elementi, come la fotocamera posteriore e la bobina di ricarica wireless, e ogni segmento di glifo può accendersi indipendentemente dagli altri. Si tratta di una caratteristica unica, che Nothing ha sfruttato in modi molto creativi.

Nothing Phone (1) back angled on table glyph on

(Image credit: Future)

Addentrandosi nel menù di configurazione della Glyph Interface potrete personalizzare a cosa  reagiscono i glifi e anche come lo fanno. Come impostazione predefinita sono abbinati a una delle 10 suonerie e a uno dei toni di notifica a marchio Nothing. Sono perfettamente sincronizzati all'audio di ciascuno di questi e reagiranno riproducendo vari schemi luminosi e aptici, in sintonia sia per la luminosità che per il movimento.

Tuttavia l'utilità dei glifi va oltre le notifiche visualizzabili a colpo d'occhio: possono anche servire come indicatore di carica della batteria, sia per la ricarica cablata che per quella wireless, oppure  mostrare quando l'Assistente Google è in ascolto, cioè quando è pronto per i vostri comandi vocali, o ancora servire da tenue luce quando girate un video o scattate dele fotografie in modalità ritratto, al posto del classico flash fatto con il LED della fotocamera.

La miscela di novità e funzionalità che l'interfaccia Glyph offre soddisfa indubbiamente il senso di "divertimento" che Nothing ha fortemente voluto come uno degli intenti principali del Phone 1,  vorremmo solo che ci fossero un po' più possibilità di personalizzazione.

La possibilità di associare diversi modelli di glifo e suonerie a specifici contatti della rubrica è buona, ma c'è indubbiamente spazio per espandere questa funzionalità. Sarebbe interessante che si potesse farlo anche con le notifiche delle app (c'è un modo per attivarle, ma non è intuitivo e richiede di scavare nelle impostazioni native di Android) o a specifici eventi durante i giochi e sarebbe anche gradita  la possibilità di comporre i propri modelli di glifo abbinando i propri toni e brani musicali.

Fortunatamente, dopo aver parlato con il team di Nothing durante il lancio del telefono, è chiaro che diversi aspetti del Phone 1, compresa l'interfaccia glifo, continueranno a evolversi, senza dubbio influenzati dai nuovi utenti, ora che il telefono è ufficialmente sul mercato.

Nothing Phone 1 display

  • Display OLED Full HD+ da 6,55 pollici
  • Frequenza di aggiornamento adattiva di 120Hz
  • Cornice uniforme su tutti i lati
  • Sensore di impronte digitali a basso impatto ottico all'interno del display

Nothing ha arricchito il Phone 1 con un pannello OLED da 6,55 pollici Full HD+, che vanta una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, oltre alla compatibilità con HDR10+ e al supporto del colore a 10 bit.

Lo schermo è racchiuso in una cornice non trascurabile, ma se non altro è una cornice uniforme su tutto il perimetro (cosa non sempre scontata e non facile da ottenere dal punto di vista ingegneristico). Ciò è reso possibile dalla decisione di Nothing di utilizzare un OLED flessibile al posto di uno con pannello rigido meno costoso.

La fotocamera frontale del telefono si trova nell'angolo in alto a sinistra dello schermo, mentre il sensore ottico per le impronte digitali si trova in basso, vicino al bordo inferiore del pannello.

Nothing Phone (1) front top down angled on table

(Image credit: Future)

Nonostante i vantaggi tecnici di un display OLED non c'è ancora la funzionalità always-on (Nothing non ha confermato se lo aggiungerà in un secondo momento), tuttavia un leggero anello che indica il posizionamento del sensore di impronte digitali rimane sullo schermo quando il resto del display si spegne e, nonostante il telefono offra la funzionalità "raise-to-wake", non è necessario attivare il display del Phone 1 prima di premere sul sensore per accedervi, il che lo rende un po' più pratico.

Per quanto riguarda l'output del pannello la risoluzione Full HD+ offre un'immagine perfettamente nitida, adatta alla navigazione sui social media e ai video in streaming, con una luminosità che in genere raggiunge i 500 nit (con un picco di luminosità promesso di 1200 nit) e che, in pratica, risulta del tutto soddisfacente in qualsiasi scenario. L’unica condizione in cui la visibilità inizia a diminuire è alla luce diretta del sole.

L'uso della tecnologia OLED garantisce un'immagine vibrante, abbinata a due profili di colore: Alive (quello predefinito) e il più tenue e naturale Standard, è inoltre possibile regolarlo con precisione grazie a un cursore che modifica la temperatura del colore.

L'elevata frequenza di aggiornamento di 120 Hz, abbinata a una velocità di risposta al tocco di 240 Hz, fa sì che muoversi nell'interfaccia del Phone 1 o affrontare le esperienze più impegnative, come i giochi, appaia, ed effettivamente sia, piacevole e veloce.

Per migliorare l'efficienza energetica la frequenza di aggiornamento è dinamica, ciò significa che può aumentare o diminuire automaticamente la frequenza (Hz) in base a ciò che il telefono sta facendo, più bassi sono gli Hz meno fluido appare il movimento sullo schermo ma è anche minore il consumo della batteria.

  • Punteggio Display: 4/5

Nothing Phone 1 audio

  • Bluetooth 5.2
  • Supporta l'accoppiamento rapido Nothing
  • Buona separazione stereo

Dato che il primo prodotto di Nothing è stato un paio di auricolari Bluetooth, non deve sorprendere che il Phone 1 non disponga di un jack per cuffie ma che trasmetta l'audio tramite Bluetooth 5.2.

La funzionalità quick-pair di Nothing consente di collegare istantaneamente alcuni auricolari, tra cui chiaramente anche il Nothing Ear 1 (  l'elenco completo dei prodotti supportati non è ancora stato condiviso).

Il telefono è dotato anche di doppi altoparlanti stereo, ma è chiaro che non si tratta di una ripartizione uniforme: la maggior parte della potenza viene erogata dall'altoparlante in basso, mentre quello in alto produce i medi e gli alti.

Il suono è nitido, senza alcuna distorsione anche impostando il volume al 100%. La chiarezza è soddisfacente e rende piacevoli le voci più sfumate, mentre i bassi non sono particolarmente evidenti, ma il telefono colpisce per il grado di separazione stereo che offre.

  • Punteggio audio: 3,5/5

Nothing Phone 1 software

  • Esperienza utente Android quasi standard
  • Nothing OS aggiunge funzionalità utili e di carattere
  • Garantiti tre anni di aggiornamenti del sistema operativo e quattro per la sicurezza 
  • Necessita di ottimizzare le risorse per le prestazioni e la potenza

Nothing ha dato al pubblico un assaggio di ciò che sarebbe stata l’esperienza utente basata su Android prima del lancio del Phone 1, rilasciando un launcher che poteva essere installato sui telefoni di altri marchi supportati. Tuttavia l'esperienza nativa offre molta più profondità.

Il font caratteristico del marchio, fatto con piccoli puntini, si ritrova in tutto l'hardware del telefono (ad esempio sul retro in vetro e persino nel vassoio della SIM) ed è presente anche nell'interfaccia utente, denominata "Nothing OS", che precede i menu e i widget selezionati.

Nothing Phone (1) side front on table

(Image credit: Future)

Nothing OS si colloca in un gruppo simile a quello delle versioni di Android di Motorola e Google, con lievi aggiustamenti che lo differenziano da un'esperienza del tutto standard: le cartelle possono essere ingrandite per occupare uno spazio di 2 x 2 sulla schermata iniziale, offrendo una funzionalità ibrida, è possibile scorrere widget specifici per le impostazioni rapide fornendo più opzioni di connettività a colpo d'occhio, e, anche se nascosta, c'è una schermata a comparsa per un multitasking più comodo.

Alcuni elementi, come la scorciatoia per il controllo della casa smart sulla schermata di blocco, sono particolarmente utili, anche se c’è ancora parecchio lavoro da fare per quanto riguarda la stabilità. Senza contare l'assenza di funzioni (come la modalità a una mano) che avrebbero particolarmente giovato alla comodità del Nothing OS in esecuzione sul Nothing Phone.

Nothing merita di essere lodato per aver promesso ai possessori del Phone 1 tre anni di aggiornamenti del sistema operativo e quattro anni di aggiornamenti di sicurezza, rendendo il dispositivo molto più interessante sia in termini di rapporto qualità-prezzo che di longevità.

  • Punteggio software:4/5

Nothing Phone 1 performance e specifiche

  • Chipset Snapdragon 778G+ vecchio (ma ottimizzato)
  • Fino a 12 GB di RAM
  • Prestazioni quotidiane efficienti
  • In grado di gestire giochi mobile impegnativi

Uno degli aspetti più controversi del Phone 1 prima del lancio è stata la rivelazione della scelta del chipset da parte di Nothing. Infatti l'azienda ha utilizzato una versione ottimizzata di un vecchio SoC Qualcomm di settima generazione: lo Snapdragon 778G+.

Il dispositivo è abbinato a una RAM base da 8 GB, ma il modello di punta può essere acquistato con 12 GB, mentre il simbolo " indica l'inclusione del supporto per la ricarica wireless (fino a 15 W) e reverse wireless (fino a 5 W).

Nonostante l'utilizzo di un processore più modesto rispetto ai tradizionali telefoni di fascia alta, l'uso all’atto pratico dimostra che l'azzardo di Nothing è stato azzeccato, almeno in parte.

Il 778G+ non vincerà premi sulla base dei suoi punteggi di benchmarking, ma per la maggior parte degli utenti dovrebbe essere più che sufficiente per tutti gli utilizzi comuni, dal multitasking in split-screen al gioco semi-casual. È in grado di  gestire bene alcuni round di Call of Duty Mobile con impostazioni grafiche "Very High" e frame rate "Max" senza problemi o accumuli di calore evidenti.

La vera sfida sarà capire quanto bene il Phone 1 sarà in grado di funzionare dopo un utilizzo prolungato e se sarà all’altezza di mantenere l'attuale qualità delle prestazioni dopo un anno di correzioni di bug, patch di sicurezza e aggiornamenti delle funzionalità.

  • Punteggio delle prestazioni: 4/5

Nothing Phone 1 batteria

  • Batteria da 4.500 mAh
  • Supporto per la ricarica rapida a 33W
  • Autonomia  insufficiente
  • Si ricarica rapidamente

Il punto debole del 778G+ (oltre a un'esperienza utente Android che ha bisogno di essere perfezionata) è la longevità della batteria, sebbene si potrebbe  discutere sulla capacità del telefono di apprendere e ottimizzare la gestione dell'energia in base al nostro utilizzo.

Dietro il vetro e i componenti visibili, il Phone 1 è dotato di una batteria da 4.500 mAh, che Nothing dichiara essere in grado di garantire fino a 18 ore di utilizzo per ogni carica.

In pratica però il Phone 1 ha mostrato un'autonomia di circa cinque ore di utilizzo con lo schermo acceso, che dovrebbe essere considerata il minimo indispensabile per uno smartphone degno di essere acquistato.

Una singola carica ha permesso di gestire la sincronizzazione delle email da un paio di indirizzi, circa 45 minuti di streaming video, un'ora di utilizzo dei social media, un leggero uso della fotocamera, una ventina di minuti di navigazione sul web e di messaggistica, il tutto condito da 15 minuti di gioco, prima di arrivare a un livello critico della batteria e mandarci così a letto.

Per questo motivo non ci si può aspettare che il Phone 1 funzioni sempre a pieno ritmo, è probabile che si debba mettere il telefono sotto carica se si ha intenzione di guardare una serie di Netflix durante un lungo viaggio in treno, ad esempio. Per qualsiasi cosa meno impegnativa l'utilizzo per un'intera giornata è fattibile, ma solo per un pelo.

Nothing Phone (1) front angled on table charging

(Image credit: Future)

Per quanto riguarda la ricarica, la batteria del Phone 1 arriva al 50% in 30 minuti, a condizione che si utilizzi un adattatore compatibile PD 3.0/Quick Charge 4.0 che soddisfi la velocità massima di ricarica rapida del telefono di 33W.

Nothing offre il proprio adattatore di alimentazione da 45W ( 35 euro), ma non ne include uno nella confezione, il che significa che tutto ciò che troverete è solamente il cavo bianco con  due connettori  USB-C.

Il nostro dispositivo (utilizzando un adattatore PD da 27W di terze parti) è riuscito a raggiungere oltre il 65% di carica dopo 30 minuti, con una carica completa che termina quasi sempre in poco più di un'ora, meglio di quanto ci era stato promesso.

  • Punteggio batteria: 2,5/5

Nothing Phone 1 fotocamere

  • Doppia fotocamera posteriore da 50MP + fotocamera anteriore da 16MP
  • Colori intensi grazie al sensore principale di Sony
  • L'interfaccia Glyph può funzionare come luce extra durante le riprese video
  • La sgranatura e la mancanza di dettagli appaiono facilmente in condizioni di scarsa illuminazione

Il sensore principale Sony IMX766, supportato da OIS (Stabilizzazione Ottica dell’Immagine), è onnipresente tra i produttori di telefoni (si trova sia sui modelli di punta come lo Xiaomi 12 che sul OnePlus Nord 2 di fascia media), mentre il sensore secondario Samsung JN1 grandangolo da 50MP offre una buona uniformità d’immagine quando si passa da una lente all'altra.

Mentre lo scatto frontale è di soli 16MP entrambe le fotocamere posteriori sono dotate di 50MP di pixel.

Nothing Phone (1) front angled on table camera close up with reflection

(Image credit: Future)

Scattare con l'Phone 1 è divertente: l'otturatore è piuttosto veloce alla luce del giorno o con l'illuminazione artificiale e le immagini del sensore principale Sony da 50 MP offrono una piacevole quantità di dettagli, oltre a colori che si avvicinano, con gusto, alla massima saturazione. Questo lo rende perfettamente adatto a creare degli scatti degni di Instagram senza troppo lavoro.

Quando si scattano foto più vicine al sensore principale, si ottiene un interessante livello di bokeh (sfocatura dello sfondo) che produce fotografie ravvicinate migliori rispetto alla modalità di scatto Macro vera e propria del telefono (che si affida al grandangolo anziché al sensore principale).

Parlando del sensore grandangolo non sorprende il leggero peggioramento visivo rispetto alla fotocamera principale, con colori più deboli e tenui (anche se forse più naturali), dettagli più confusi e una gamma dinamica più limitata. Detto questo, serve comunque allo scopo con un bel campo visivo ampio a 114 gradi, il che offre molte opportunità per essere creativi.

In condizioni di scarsa illuminazione la differenza tra i due sensori è più evidente per quello che riguarda la sgranatura, i dettagli e la gamma dinamica. Tuttavia la temperatura del colore più calda, che a volte caratterizza gli scatti in modalità notturna del sensore grandangolo, ha un fascino particolare, a patto che non si eseguano ritocchi eccessivi.

Per chi fosse curioso l'utilizzo dell'interfaccia Glyph come luce extra al posto del flash LED singolo del telefono offre una fonte di luce più tenue e fredda, ma ha una gittata sensibilmente più corta, quindi è meglio utilizzarla quando i soggetti sono più vicini alla fotocamera.

Il punto forte dello scatto dei selfie è il rilevamento dei bordi quando si utilizza la modalità ritratto, che aggiunge un buon livello di finitura alle foto, dando l'impressione che siano state scattate con una fotocamera più potente di quella effettivamente usata.

Per quanto riguarda la registrazione video, il Phone 1 cattura fino a 1080p / 60fps o 4K / 30fps attraverso i sensori posteriori, con un OIS adeguato (solo per il sensore principale) e un EIS che svolge un buon lavoro, anche se le vibrazioni prodotte durante le riprese e la camminata sono ancora evidenti nel filmato finale. Sarebbe bello potersi muovere tra il sensore grandangolo e quello principale durante la registrazione.

  • Punteggio della fotocamera: 3,5/5

Nothing Phone 1 esempi fotocamera

Nothing Phone 1: la scheda di valutazione

AttributiNoteValutazione
DesignL'ottima ergonomia e le finiture sono alla base di un design accattivante che può dare vita a uno spettacolo di luci.4/5
DisplayL'OLED del Phone 1 non può fare di più, ma fa bene il suo lavoro.4/5
AudioNulla di rivoluzionario, ma un suono chiaro con una buona separazione stereo 3.5/5
SoftwareUn Android pulito con personalizzazioni intelligenti, che necessita di alcune piccole rifiniture.4/5
PerformanceOttimo per l'uso quotidiano e il gioco tranquillo, ma potrebbe non invecchiare bene.4/5
BatteriaDura al massimo un giorno, ma fortunatamente si ricarica rapidamente.2.5/5
FotocameraLa divertente coppia di fotocamere posteriori offre scatti di qualità, ma il sistema fatica al buio.3.5/5
PrezzoUn design originale e gradevole e un'esperienza d'uso generalmente adeguati al prezzo pagato4/5

Dovrei comprare il Nothing Phone 1?

Nothing Phone (1) back angled on table Glyph off

(Image credit: Future)

Compratelo se…

Desiderate un prodotto tuttofare che non vi faccia spendere troppo.

Certo, la durata della batteria non è eccezionale, ma il Phone 1 si ricarica rapidamente e offre un'esperienza d'uso equilibrata, a un prezzo che rispecchia la sua finitura premium.

Credete nella storia di Nothing e nelle intenzioni del Phone 1

Nothing è una piccola azienda che cerca di fare le cose in modo diverso in un mercato incredibilmente competitivo e saturo. Il Phone 1 è la perfetta incarnazione di questo approccio, progettato per avviare una conversazione e deliziare gli utenti con le sue eccentricità.

Vivete con il telefono in modalità silenziosa

Al di là della sua novità, le varie funzioni supportate da Glyph Interface ne fanno un comodo strumento per tenere sotto controllo le chiamate e le attività del telefono, senza essere distratti da continui suoni o notifiche sullo schermo.

Non compratelo se…

Volete un telefono convenzionale di fascia alta

Il Phone 1 non è in grado di competere in aree come le prestazioni pure, la durata della batteria o la presenza di una fotocamera di prim'ordine. Ha un design interessante, è divertente da usare ed è conveniente. Se queste non sono le vostre priorità, cercate altrove.

Avete bisogno di un telefono con una buona durata della batteria

Nonostante un'esperienza altrimenti equilibrata, la durata della batteria del Nothing Phone 1 è un po' scarsa.Ma almeno si ricarica abbastanza velocemente.

Volete un telefono con una fotocamera da urlo

Il Nothing Phone 1 dispone di una serie di fotocamere perfettamente funzionanti, ma la qualità e la funzionalità sono un po' troppo rudimentali per poter competere con prodotti come il Pixel 6 di Google (Si apre in una nuova scheda).


Also consider

Curious to know what we think make for suitable alternatives to Nothing's debut smartphone? Here's a short list:

(Si apre in una nuova scheda)

Google Pixel 6
The standard Pixel 6 offers a much stronger camera experience than the Phone 1 and while it originally cost far more, frequent discounts and deals now bring it within the Phone 1's price range as a great camera-centric alternative.
Read our Google Pixel 6 review (Si apre in una nuova scheda)

(Si apre in una nuova scheda)

iPhone SE (2022)
The latest iPhone SE doesn't have the same standout design as the Phone 1 or as many cameras but it gives your far greater performance in a more compact  form factor with great long-term iOS update support.
Check out our iPhone SE (2022) review (Si apre in una nuova scheda)

(Si apre in una nuova scheda)

OnePlus Nord 2T
A name that those who know Nothing's story will be all too familiar with. The OnePlus Nord 2T is a subtle refresh on the superb Nord 2, with the same 50MP main camera hardware as the Phone 1, paired to a clean Oxygen OS user experience and faster 80W charging, all for a similar price.
Head over to our OnePlus Nord 2T review (Si apre in una nuova scheda) for more

  • First reviewed July 2022
Con il supporto di