Skip to main content

Offerta miliardaria di Xerox per l’acquisto di HP

(Image credit: Shutterstock.com)

 Stando a quanto riportato dal Wall Street Journal, l’azienda sta per proporre un’offerta a dir poco audace ad uno dei suoi competitor nel settore della stampa, per consolidare ulteriormente la sua posizione nel settore tecnologico.

L’operazione potrebbe effettivamente andare a buon fine, e si tratterebbe di un’offerta in contanti e azioni, anche se per ora non ci sono indicazioni precise a riguardo.

Un istituto bancario potrebbe supportare l’offerta di Xerox 

 Da quanto sostiene il WSJ, l’offerta di Xerox sarebbe sostenuta da una banca “importante”; tuttavia, al momento, l’azienda è di dimensioni decisamente inferiori rispetto ad HP. 

Stime recenti attribuiscono a Xerox un valore complessivo di 8 miliardi di dollari al fronte dei 24 miliardi stimati per HP.

Nonostante le consistenti differenze, ci sono dei segnali che indicano che l’accordo potrebbe risultare conveniente per entrambe le parti coinvolte.

Poiché la domanda di stampa fisica sta diminuendo di anno in anno, sia Xerox che HP stanno lottando per reinventarsi e tagliare i costi; secondo le stime del WSJ un accordo potrebbe consentire ad entrambe le parti di risparmiare 2 miliardi di dollari.

Xerox, conosciuta per le sue stampanti e fotocopiatrici aziendali, ha un fatturato annuo di 10 miliardi di dollari.

HP, scorporata dall’HPE (Hewlett Packard Enterprise) nel 2015, è conosciuta come uno dei più grandi produttori di PC al mondo, con un fatturato di ben 58 miliardi di dollari nell’ultimo anno, ma si occupa anche di stampanti e materiali per la stampa.

Il mese scorso l’azienda ha ridotto la propria forza lavoro del 15% in seguito al licenziamento di 9.000 dipendenti che ha garantito all’azienda ad un risparmio di un miliardo di dollari sulle spese.

Xerox potrebbe finanziare parte dell’accordo tramite la vendita della sua join venture con Fujifilm, che a sua volta stava considerando un’offerta per acquisire Xerox. L’azienda ha rivelato oggi di aver venduto la sua quota del 25% all’azienda giapponese per 2,3 miliardi di dollari che potrebbero finire nel budget per l’acquisizione di HP.

Via Wall Street Journal